18 Giugno 2021

Chieri-Fossano Serie D: espugnato il De Paoli, Alfiero tiene vivo il sogno salvezza

Le più lette

Pavia Eccellenza: stangati Ceriani e Petrucci, Menicucci chiede chiarimenti a Crl e Lnd per i torti arbitrali

Il gol di Volpini in pieno recupero, che ha condannato il Pavia alla quinta sconfitta in campionato, ha fatto...

Vighignolo-Masseroni Pulcini: Vicario insegna calcio e Pappalardo la butta dentro, Caggegi è un muro in porta

Partita in cui si sono affrontate a viso aperto due squadre molto motivate e che hanno dato il massimo...

PDHAE-Borgosesia Serie D: Filip-Varvelli, una rimonta che significa Playoff

Una rimonta pazzesca quella siglata dai ragazzi del tecnico Roberto Cretaz, che sotto di un gol non demordono e...

Ogni spiaggia deve essere l’ultima. Solo così il Fossano può realizzare il sogno salvezza. Lo sa bene Fabrizio Viassi che con i tre punti di Chieri, dove avevano vinto solo Bra e Sestri Levante, conquista la terza vittoria (più due pareggi) nelle ultime cinque giornate. Formazione attenta e ben calibrata, 3-5-2 che in fase di non possesso è un 5-4-1, può sembrare un bunker anti Chieri ma non lo è, perché i cuneesi, passati all’87’ con Vincenzo Alfiero, avrebbero potuto gioire già 22′ prima, quando lo stesso numero 9 d’istinto spinge dentro una palla di Colulibaly che sarebbe entrata in porta: gol annullato per evidente fuorigioco. Il Chieri non ha giocato una brutta partita, il conto dei calci d’angolo, 9-2 per la squadra di Marco Didu, è indice di una pressione se non irresistibile almeno costante nell’arco dei 90 (+2+5) minuti, gli spunti di Ferrandino e i cross di Ozara e Spera dalle fasce hanno alimentato l’azione offensiva. Quelli che sono venuti meno sono stati i tiri nello specchio della porta difesa da capitan Merlano, che si è dovuto superare solo una volta, nel primo tempo, su una punizione mancina dell’attivissimo Ferrandino. Adesso il Chieri, che paga anche la lunga inattività, rischia di essere risucchiato nel vortice Play Out.

Vincenzo Alfiero, attaccante '93 del Fossano
Vincenzo Alfiero, attaccante ’93 del Fossano

Salvezza mezza bellezza. Servono punti come il pane a entrambe le squadre, l’obiettivo che renderebbe positiva la stagione è la salvezza sia per il Chieri (forse inaspettatamente) che per il Fossano, in fase di prepotente rimonta. 3-5-2 anche per Didu, che schiera Matteo Pautassi centrale di sinistra con Dalmasso e Pezziardi al suo fianco e con Mattia Spera pronto a scalare basso a destra. Nel Fossano dura solo 8 minuti la partita di Diego De Souza, costretto a uscire per infortunio muscolare, con l’ingresso di Specchia è Coulibaly che avanza a supporto di Alfiero. Rigore reclamato da entrambe, il Chieri al 14′ per un contatto tra Giraudo e Bianco, il Fossano al 23′ per un presunto tocco di mano in area di Pautassi su tiro di Alfiero, in questo caso l’azione continua con Marenco che respinge la conclusione di Fogliarino. Il Chieri spinge sulle fasce, da sinistra è Castelletto che chiama Ciccio Valenti al colpo di tacco sventato da Merlano, da destra è la già citata punizione mancina di Ferrandino a chiamare al volo del numero 1 cuneese che toglie la palla dall’angolino basso. Nella prima frazione da segnalare un’occasione del Fossano con Manuali su azione di Fogliarino e un colpo di testa di Pautassi su angolo di Ferrandino per il Chieri, palla fuori di pochissimo. Il Fossano batte il suo primo calcio d’angolo al rientro dagli spogliatoi, quando Pezziardi deve salvare in scivolata su Coulibaly. Dalla bandierina Manuali pesca la testa di Andrea Bellocchio che va vicino al gol dell’ex.

Istinto Alfiero. Se fai la punta centrale e hai il numero 9 sulle spalle, qualsiasi palla ti passa davanti cerchi di indirizzarla verso la porta. Così Vincenzo Alfiero non resiste alla tentazione di spingere dentro il tiro di Coulibaly (imbeccato da Manuali) che sarebbe terminato in fondo al sacco, gol annullato giustamente dal direttore di gara Campasso di Genova, il Fossano non protesta nemmeno. Il bomber gialloblù si fa perdonare a tre minuti dai 90 regolamentari, quando riceve una bella palla in area ancora dallo scatenato Coulibaly, salta nello stretto Pezziardi e Dalmasso e la piazza col piatto destro, docilmente, alle spalle di Marenco. Nel frattempo il Chieri aveva creato delle non nitidissime palle gol con il rientrante Ravasi e ha reclamato il tiro dagli undici metri almeno due volte: al 15′ quando Pautassi, in proiezione offensiva, dopo dai e vai veloce con Ferrandino era stato buttato giù in area da un’energica spallata di Giraudo; ancora, subito dopo la rete di Alfiero, chiedendo il tocco di mano di Specchia su un crosso al volo di Spera dalla destra.

IL TABELLINO

CHIERI-FOSSANO 0-1
RETE: 42′ st Alfiero.
CHIERI (3-5-2): Marenco 6, Pezziardi 6, Pautassi 7, Gerbino 6.5 (46′ st Rossi sv), Dalmasso 6, Ozara 6.5 (31′ st Mosole 6), Spera 6.5, Castelletto 6.5, Valenti 6 (39′ st Barcellona sv), Ferrandino 7 (35′ st Sangiorgi 6), Bianco 6 (9′ st Ravasi 6). A disp. Finamore, De Santis, Conrotto, Cavarero. All. Didu 6.
FOSSANO (3-5-2): Merlano 6.5, Bellocchio 7, Scotto 7.5, Alfiero 7, De Souza sv (8′ Specchia 7), Giraudo 6.5 (23′ st Brondi 6), Fogliarino 6.5, Manuali 6.5 (27′ st Galvagno 6), Coulibaly 7, Lazzaretti 7, Adorni 7. A disp. Chiavassa, Marin, Aloia, Medda, Di Salvatore, Reymond. All. Viassi 8.
ARBITRO: Pietro Campazzo di Genova 7.
COLLABORATORI: Daniele Salemme (Savona) e Gianluca Pampaloni (La Spezia).
AMMONITI: 37′ st Lazzaretti[01] (F).
ESPULSO: 44′ st Dalmasso (C).
NOTE: Calci d’angolo 9-2.

LE PAGELLE

CHIERI
Marenco 6 Reattivo su Manuali nel primo tempo e su un altro paio di situazioni in area di rigore. Imparabile il tiro di Alfiero che vale la partita.
Pezziardi 6 Autore di bei recuperi e chiusure, il gol di Alfiero arriva dalla sua zona.
Pautassi 7 Imperioso negli sganciamenti sul centro sinistra, bravissimo a saltare sulle palle inattive. Onora la fascia di capitano di Conrotto.
Gerbino 6.5 Ottimo playmaker davanti alla difesa, smista e recupera un gran quantità di palloni. (46′ st Rossi sv)
Dalmasso 6 Espulso per proteste nel finale, non corre grossissimi rischi al centro della difesa durante tutta la partita.
Ozara 6.5 Classe 2001, schierato largo a sinistra, butta in mezzo tantissimi palloni, soprattutto nel secondo tempo, quando c’è bisogno torna anche dietro a coprire.
31′ st Mosole 6 Appena entrato subito un contatto in area con Fogliarino, l’arbitro non ci casca e lascia proseguire. Annata 2004, il più giovane in campo.
Spera 6.5 Fa su e giù per la fascia millemila volte, a supporto di Ferrandino in attacco e ad aiutare Pezziardi in difesa.
Castelletto 6.5 Centrocampista che fa bene la fase di ripiego con preziose chiusure, ma anche in avanti cerca l’imbucata per le punte.
Valenti 6 Due-tre palloni utili cerca di sfruttarli come può, spesso costretto a indietreggiare per partecipare alla manovra. (39′ st Barcellona sv)
Ferrandino 7 Sicuramente il più attivo e intraprendente, parte dalla destra accentrandosi per calciare con il mancino, senza mai fermarsi.
35′ st Sangiorgi 6 Pochi minuti per l’ex Pro Vercelli.
Bianco 6 Fa da punto di riferimento avanzato cercando di dar fastidio ai centrali cuneesi.
9′ st Ravasi 6 Bomber principe del Chieri, subentra e crea subito qualche pericolo alla difesa del Fossano.
All. Didu 6 Fa la conta dei disponibili fino all’ultimo minuto, la squadra crea anche un discreto volume di gioco, mancano i punti per uscire dal tunnel.

FOSSANO
Merlano 6.5 Un volo salva-risultato su Ferrandino, non si lascia sorprendere il almeno altre due circostanze.
Bellocchio 7 Il clone di Scotto, perfetto in marcatura sul centro destra, sfiora anche il clamoroso gol dell’ex. Super promosso.
Scotto 7.5 Un granatiere, perno centrale di una difesa che fa clean sheet per la sesta volta in questo campionato.
Alfiero 7 L’istinto lo tradisce la prima volta, la seconda no. Ottava rete stagionale, pesantissima e in un momento delicatissimo della stagione.
De Souza sv L’infortunio muscolare dopo pochi minuti lo costringe a uscire.
8′ Specchia 7 Gran sorpresa, fa benissimo la fascia sinistra sia attaccando che coprendo in difesa, nel finale corre ancora come se fosse il primo minuto.
Giraudo 6.5 Si fa rispettare in marcatura, non era al meglio già prima della partita, prende un colpo e deve uscire.
23′ st Brondi 6 Si piazza in mezzo al campo e contribuisce alla vittoria gialloblù.
Fogliarino 6.5 Attacca tantissimo e scambia spesso la posizione con Coulibaly, una spinta in più garantita.
Manuali 6.5 Lo vedi poco ma fa un gran lavoro in mezzo al campo, si fa apprezzare anche negli inserimenti.
27′ st Galvagno 6 A supporto dell’attacco, si fa vedere in contropiede.
Coulibaly 7 Lo trovi ovunque, sia a destra che a sinistra, nelle ripartenze e nei recuperi in mezzo al campo, dove forse mezzo cartellino giallo lo avrebbe anche meritato. Serve a Alfiero la palla del gol partita.
Lazzaretti 7 Mediano tuttofare, macina kilometri in mezzo al campo.
Adorni 7 Altra pedina importantissima per Viassi, per tutta la partita copre l’intera fascia, con l’uscita di Giraudo scala a esterno basso a destra.
All. Viassi 8 Continua a credere nel sogno salvezza, i risultati gli stanno dando ragione. La formazione messa in campo a Chieri è solida ed equilibrata, poteva starci anche il pareggio, la vince a una manciata di minuti dalla fine.

ARBITRO: Pietro Campazzo di Genova 7: Tiene bene la gara, risparmiando qualche cartellino che forse ci poteva stare, annulla giustamente la prima rete di Alfiero, deciso nei vari episodi nelle due aree di rigore.

INTERVISTA

Vincenzo Alfiero, attaccante Fossano: «Sul tiro di Coulibaly ero oltre ma mi ero ormai buttato dentro l’area, l’ho toccata d’istinto, quell’istinto che mi fa stare sempre lì davanti alla porta. Contento per Colulibaly, sta facendo molto bene, salta l’uomo e ci dà una grossa mano, è importante per noi. Dietro non abbiamo rischiato quasi nulla, a parte qualche palla inattiva, niente di così preoccupante. E’ sempre importante non prendere gol. Sapevamo che affrontavamo un’ottima squadra e l’abbiamo gestita al meglio».

 

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli