6 Luglio 2020 - 01:50:41

Fossano – Borgosesia Serie D: torna Galvagno e infrange il sogno Ravasi

Le più lette

Calciomercato Albese: Ermanno Meti nuovo innesto biancoazzurro

In attesa dell'annuncio del prossimo attaccante, l'Albese si assicura le prestazioni di Ermanno Meti. Centrocampista del 2002 di proprietà della...

Partizan Bonola in Seconda Categoria: «Premiata la squadra e la visione d’insieme della società»

Il Partizan Bonola è in Seconda Categoria. Con 42 punti, 13 vittorie e 64 gol fatti in 17 partite,...

Scanzorosciate Serie D, Michele Valli è il nuovo attaccante dei giallorossi

Si affida all'esperienza lo Scanzorosciate per sostituire Francesco Giangaspero, accasatosi alla Real Calepina. Nella serata di martedì la società...

Per qualche minuto è stato anche in vetta alla classifica, ma questo secondo posto può più che bastare per ora al Fossano. I blues di Fabrizio Viassi ristabiliscono la fortezza casalinga ai danni di un buon Borgosesia, che costruisce bene nello stretto, ma non riesce a sfondare, recriminando anche un rigore di Ravasi parato da Merlano.
Marco Didu lascia Ferrandino in panchina, preferendogli l’altro fuoriquota Pagliaro che sin dalle prime battute si dimostra prezioso sia nel fare da ombra a Boloca, che nel dialogare con Ravasi e Mancuso. Già al 2′ infatti il duetto diventa pericoloso: velo di Mancuso che si fa ridare la palla in area da Ravasi, il tiro però è sul primo palo, facile per i guantoni neri di Merlano. Come approccio è meglio quello granata, che con le sue giocate nello stretto in fase offensiva arriva spesso in area, ma Scotto e Giraudo in un modo o nell’altro resistono. La porta rimane immacolata anche dopo un calcio d’angolo su cui Federico Giraudo non copre bene il palo, ma per fortuna che c’è ancora Merlano. Col passare dei minuti il Fossano riesce a riordinare le idee, facendo calare quegli errori tecnici (soprattutto sull’out di destra) che fino al 25′ hanno compromesso una costruzione pulita.
Samuele Giraudo capisce che può punire un Renolfi non in formissima e infatti è proprio da destra che arriva il primo cross insidioso al 29′, sul quale Galvagno non arriva di poco, ingannando anche Bergesio che in area piccola si fa rimbalzare il pallone addosso. ROmani viene cercato con più continuità, il ritmo cuneese cresce, ma per passare c’è bisogno dell’episodio che arriva al 32′. Ferrando sbaglia in uscita palla al piede e Bergesio manda in profondità Romani. Tiro di destro di sinistro? È uguale, tanto va all’incrocio. 1-0.
Il Borgosesia si sente tradito per la mole costruita in avvio e Pagliaro si fa portavoce del senso di frustrazione bollando la traversa da fuori area a soli 2′ dallo svantaggio. La calma del centrocampo granata guidato da Canessa mostrata in precedenza viene meno e si torna a cercare con insistenza le vie centrali e il duo Ravasi-Mancuso. La chiave per il pareggio prima dell’intervallo la danno ancora i due, ma su imbeccata laterale di Renolfi. Cross sul secondo palo, torre di Mancuso che attraversa tutta la riga di porta e Ravasi di foga insacca.

La ripresa comincia con il copione di inizio partita: giro palla paziente dei granata che cercano con lampi improvvisi di innescare scambi stretti. La cosa sembra ancora funzionare, ma l’accelerazione vera la fa Coviello al 14′. Fuga a sinistra e cross perfetto per la testa di Galvagno, che fa sembrare uno stacco imperioso molto facile insaccando a incrociare di testa. 2-1. Parte la girandola di cambi: Didu butta dentro Muzzi per portare concretezza alle azioni offensive, Ferrandino per qualità fresca e Bartolini per i muscoli in mezzo. Tutti cambi giusti, che aumentano la pressione su Scotto e reparto. Qualche tiro da fuori e palle che attraversano l’area piccola in continuazione trovano il loro apice nel rigore guadagnato da Ravasi al 24′ sul quale Cristini è colpevole di aver sbilanciato il 10 valsesiano. La conclusione dal dischetto però è moscia e poco angolata e conferisce solo gloria a un Merlano che si conferma uomo partita volando anche sulla parabola insidiosa di Bartolini al 36′.
Anche Viassi cala gli assi. Già al 10′, prevedendo la fame ospite si copre con D’Ippolito per un non brillantissimo Brondino, e incarica Sangare di ispirare ripartenze negli spazi. Consegna ben capita perché è lui a ispirare l’occasione di Romani al 28′ (il piedone di Iali salva il colpo del ko) e quella che porta Coviello in area piccola. Il tupertu finisce però senza vinti né vincitori, ma solo con una palla sul fondo e un triplice fischio che vede il Fossano aggrapparsi al secondo posto, con la miglior difesa e tanta, tantissima voglia di stupire ancora.

IL TABELLINO DI FOSSANO – BORGOSESIA SERIE D 2-1
RETI (1-0, 1-1, 2-1): 32′ Romani (F), 45′ Ravasi (B), 14′ st Galvagno G. (F).
FOSSANO (4-3-3): Merlano 7.5, Brondino 6 (10′ st D’Ippolito 6.5), Boloca 6.5, Scotto 7, Giraudo S. 6.5 (10′ st Sangare 6.5), Cristini 6.5, Galvagno G. 7, Romani 7 (40′ st Campana sv), Giraudo F. 7, Coviello 6.5, Bergesio 6.5. A disp. Bosia, Massucco, Bertoglio, Madeo, Mitta, Zeni. All. Viassi 7.5.
BORGOSESIA (4-3-1-2): Iali 6.5, Iannacone 6, Renolfi 5.5, Canessa 6.5 (17′ st Bartolini 6.5), Ferrando 5.5, Saltarelli 6, Beretta 5.5 (30′ st Matera 6), Castelletto 6 (40′ st Cirigliano sv), Mancuso 6.5 (12′ st Muzzi 6.5), Ravasi 6.5, Pagliaro 7 (17′ st Ferrandino 7). A disp. Galli, Tonoli, Barrella, Tampellini. All. Didu 6.5.
ARBITRO: Gasperotti di Rovereto.

LE PAGELLE DI FOSSANO – BORGOSESIA SERIE D

Fossano Borgosesia Serie D i ragazzi di Viassi
Fossano Borgosesia Serie D i ragazzi di Viassi

FOSSANO
All. Viassi 7.5 Altri punti fondamentali ottenuti con una prestazione studiata e ben applicata.
Merlano 7.5 DE-CI-SI-VO. Salva in tanti piccoli e grandi interventi. Guida un reparto ben oleato.
Brondino 6 In serissima difficoltà nei primi minuti, tanto che D’Ippolito si scalda già nel primo tempo. Strappa la sufficienza crescendo a cavallo dell’intervallo. 10′ st D’Ippolito 6.5 Copre meglio, senza concedersi licenze di offendere.
Boloca 6.5 Tocca meno palloni avendo Pagliaro a uomo. Ma questo non ferma il centrocampista più in forma del girone. Buona fase di interdizione.
Scotto 7 Col coltello tra i denti resiste ad una premiata ditta offensiva mica da ridere.
Giraudo S. 6.5 La catena di destra soffre in avvio. Qualche sbavatura a cui pone rimedio con impegno. 10′ st Sangare 6.5 Esegue il mandato di contropiedista.
Cristini 6.5 Ingenuo sul rigore, ma l’errore di Ravasi fa sì che la sua prestazione sia più che positiva.
Galvagno G. 7 Di palloni giocabili ne arrivano pochi, ma a lui ne basta uno.
Romani 7 Il gol è tanto pesante quanto bello.
Giraudo F. 7 Fa bene muro, marcando senza ingenuità chiunque gli si parasse davanti.
Coviello 6.5 Copre bene, spinge benino. È una gara che chiede compiti ombra e lui li esegue. Il cross perfetto vale più del gol mangiato.
Bergesio 6.5 Ancora tanta quantità.

Fossano Borgosesia Serie D i granata di Marco Didu
Fossano Borgosesia Serie D i granata di Marco Didu

BORGOSESIA
All. Didu 6.5 Gara ben preparata e ben letta coi cambi. Gli episodi gli negano un pareggio che forse sarebbe stato più giusto.
Iali 6.5 Nessuna colpa sui gol, anzi ne salva un paio.
Iannacone 6 Romani è un cliente scomodo, ma lui regge sufficientemente.
Renolfi 5.5 Tanti errori di lettura, tecnici e di posizione. Dall’assist in avanti cresce, ma non basta.
Canessa 6.5 Predica calma nel palleggio, salvo ispirare verticalizzazioni improvvise. Cervello. 17′ st Bartolini 6.5 Entra subito duro per far assaggiare la sua grinta. Merlano gli nega anche un eurogol.
Ferrando 5.5 Quello sbaglio in uscita è determinante.
Saltarelli 6 Di tanto in tanto rischia troppo con la palla tra i piedi, ma in marcatura non sbaglia.
Beretta 5.5 Partecipa alla manovra e non lo fa male, ma avrebbe potuto osare di più. 30′ st Matera 6 Entra bene in ritmo partita.
Castelletto 6 Fa da scudiero a Canessa.
Mancuso 6.5 I dialoghi con Ravasi sono poesia e la torre è esperienza. Mancano i gol. 12′ st Muzzi 6.5 Cerca di essere più cinico e concreto, ma i suoi tiri da fuori non sono fortunati.
Ravasi 6.5 La mozzarella dagli 11 metri macchia un’ottima prestazione in fase di invenzione.
Pagliaro 7 Si lancia coraggiosamente e ripetutamente tra le linee. 17′ st Ferrandino 7 Non cambia lo spartito, portando freschezza e qualche idea più larga.

LA CONFERENZA STAMPA DI FABRIZIO VIASSI

LA CONFERENZA STAMPA DI GIORGIO MERLANO

LA CONFERENZA STAMPA DI MARCO DIDU

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli