21 Settembre 2020 - 15:49:22
sprint-logo

Intervista, Matera e Barrella: che ricordo con la Lucchese

Le più lette

Castellanzese Under 17, Colombo punta in alto: «Il nostro obiettivo è vincere il girone»

Un girone di fuoco attende gli uomini di Colombo, che si apprestano a effettuare gli ultimi ritocchi pre campionato....

Cagliari-Milan Primavera: fiammata Di Gesù, i rossoneri passano in Sardegna

Il Milan riparte da dove aveva finito: vincendo. Dopo le 15 vittorie consecutive in Primavera 2 prima dello stop...

Sancolombano – Sant’Angelo Eccellenza: Porte chiuse davvero, zero gol nel derby!

Derby carico di agonismo ma povero di emozioni quello andato in scena al “Riccardi”. La partita infatti termina senza...

Paolo Matera (classe 2000) e Lorenzo Barrella (classe 2001), sono sicuramente tra i giovani più interessanti tra le file del Borgosesia. Il loro è un rapporto speciale, nato proprio tra i campi da calcio ma finito oltre la passione in comune. La loro è una carriera iniziata da protagonisti sin dalle giovanili e ora si ritrovano ad affrontare le prime esperienze nel calcio che conta . Matera, dopo la cantera fatta con la maglia del Toro, arriva al Borgosesia dopo un’esperienza al Fiorenzuola e in Valsesia ha racimolato 23 presenze e 4 reti. Barrella invece ha fatto parte del 2001 del Barcanova con cui si è tolto soddisfazioni e si è lanciato verso l’avventura all’Under 17 della Pro Vercelli.

Matera e Barrella, amici fuori e dentro al campo

Matera, quest’anno 23 presenze e 4 gol in serie D, ti senti soddisfatto nonostante la stagione sia finita prematuramente causa Coronavirus?

Sì, questa è stata la mia seconda esperienza tra i grandi dopo la scorsa stagione alla Fiorenzuola in un girone più difficile. Al Borgosesia ho trovato una famiglia, una squadra giovane e motivata, dove mi sentivo a mio agio nonostante l’età. Peccato per la fine prematura della stagione perchè penso che avremmo centrato i play-off.

Barrella, la tua è stata una stagione difficile dove hai trovato poco spazio, ti ha comunque arricchito calcisticamente?

Sì molto, la stagione si è concluso proprio nel periodo dove stavo giocando di più. La concorrenza in attacco era molta quindi mi sono adattato terzino, dove sin dall’inizio mi sono trovato alla grande. Penso di aver appreso molto.

Condividete la casa e vivete insieme ormai, com’è nata la vostra amicizia?

Ci siamo conosciuti sul campo da calcio e ormai viviamo a Varallo. La nostra è un’amicizia speciale, che va oltre il calcio. La quarantena l’abbiamo trascorsa insieme, allenandoci e suonando il pianoforte.

Avete un trascorso molto simile: Matera, numero 10 e trascinatore al Torino mentre Barrella ha percorso la stessa strada al Barcanova. Cosa vi ha insegnato il calcio giovanile?

Siamo l’esempio che non si è mai troppo soddisfatti. Nonostante gli anni nelle giovanili sono stati eccezionali, ora la storia è diversa. Il calcio vero inizia adesso.

Sirene di mercato, cosa farete l’anno prossimo?

Matera: Quasi sicuramente rimarrò al Borgosesia e ne sono felice. Voglio concludere l’anno troncato di questa stagione.

Barrella: La mia è una situazione molto dubbiosa. Stanno arrivando offerte arrivano dall’Eccellenza, ma ancora niente di ufficiale.

Qual’è stata la partita più bella di questa stagione?

Siamo sempre i primi tifosi delle nostre squadre. Quest’anno la partita più bella è stata quella contro la Lucchese, anche se entrambi non abbiamo giocato. Supportare da fuori la squadra è stato fantastico,come fossimo dentro il campo. Anche dentro allo spogliatoio siamo vicini e ci facciamo sentire.

Come vi vedete nel futuro?

Che sia Serie C o Serie A, vorremmo vivere di questo e abbiamo l’obbligo morale di crederci fino in fondo. Qualora fallissimo, il calcio non l’abbandoneremo mai e ci piacerebbe continuare dall’altra faccia della medaglia come allenatori.

 

 

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli