16 Maggio 2021

Lavagnese-Borgosesia Serie D: pomeriggio amarissimo per Rossini, Buongiorno trascina i bianconeri

Le più lette

Breno-Sporting Franciacorta Serie D: il derby bresciano si tinge di granata, il gol di Pelamatti porta Tacchinardi ad un passo dalla salvezza

Il Breno di Tacchinardi vince e convince nel derby bresciano contro lo Sporting Franciacorta, allungando in classifica sui diretti...

Alcione-Pro Patria Under 17: Giambertone-Di Miceli non deludono e Renda è imprendibile, pari e spettacolo in via Olivieri

Forse ce l'eravamo dimenticati, certamente tornerà e quando lo farà non potremo farne più a meno, ancora più di...

Il giovane di Eccellenza A: facchetti, da ala a terzino goleador

Non è mai facile sapersi adattare ad un nuovo ruolo. Non è però il caso del classe 2001 Davide...

Il Borgosesia cade in maniera disastrosa in casa della Lavagnese. Con la rete di Perego, che aveva portato subito in vantaggio gli uomini di Rossini, la formazione granata si era illusa di aver incanalato la gara sui giusti binari. Tuttavia, complice qualche sbavatura di troppo da parte degli ospiti e allo stesso tempo un’aggressione sempre maggiore da parte della Lavagnese, i bianconeri pareggiano i conti e dilagano già nel corso della prima frazione. Nel secondo tempo, nonostante qualche cambio utile a rivitalizzare un reparto offensivo quasi assente, il Borgosesia non riesce nella disperata impresa di rimontare il pesante risultato maturato nei primi 45 minuti. I granata rimangono così a quota 20 punti in classifica, a sole 4 lunghezze dal Fossano ultimo, in una situazione che si fa di giornata in giornata sempre più preoccupante e delicata.

Granata rimontati. Che quello di Lavagna fosse un pomeriggio frizzante è evidente sin dalle primissime battute del match. Il primo squillo della partita è ad opera dei padroni di casa che, al 4’ di gioco, sprecano una grande occasione in contropiede con Buongiorno: la conclusione partita dal piede destro del numero 9 della Lavagnese non gira a dovere e termina la propria corsa alta sopra la traversa. Dopo soli 120 secondi il Borgosesia sfrutta come meglio non avrebbe potuto la prima occasione e si porta in vantaggio: Perego combina bene con i propri compagni di reparto e batte l’estremo difensore Boschini, non esente da colpe nella circostanza. Il Borgosesia, passato a condurre il match, si difende in maniera ordinata e organizzata, rendendo difficile e complicata la manovra offensiva alla Lavagnese, che fatica inizialmente a trovare spazi per colpire. Al quarto d’ora i bianconeri trovano però il guizzo vincente che permette di pareggiare i conti: Addiego Mobilio si inventa il gol dell’1-1 spiazzando l’estremo difensore ospite con un mancino potente e preciso. La partita vive poi una fase di stallo, in cui le due squadre si annullano a vicenda: le incursioni offensive da parte di entrambe le formazioni vengono facilmente represse dalle due difese, ben schierate in campo. L’equilibrio regna sovrano fino al 38’, quando la Lavagnese mette la freccia e passa a condurre la partita. Da una situazione di calcio d’angolo, Avellino arriva alla conclusione la quale viene goffamente respinta da Barlocco: sul pallone si avventa più veloce di tutti Buongiorno, che trova la soluzione vincente. Il Borgosesia accusa il colpo, la Lavagnese se ne accorge e chiude di fatto i conti nel giro di 4 minuti: prima Avellino, che da situazione di calcio d’angolo batte Barlocco con un preciso colpo di testa, poi Buongiorno, che sfrutta un errore a centrocampo del Borgosesia e lanciato a tu per tu con il portiere deposita in rete la sfera, mandano gli uomini di Masitto a riposo sul rassicurante risultato di 4-1 in favore della Lavagnese.

Missione impossibile. Il Borgosesia è chiamato ad una missione praticamente impossibile. Rossini è però l’ultimo ad arrendersi, e nell’intervallo matura la decisione di provare a rimettere in equilibrio la partita giocandosi un triplo cambio, uno dei quali coinvolge anche l’estremo difensore Barlocco, estremamente in difficoltà nel corso della prima frazione. Le sue scelte sembrano dare inizialmente risultati positivi ma, dopo un avvio in cui il Borgosesia pressa e tiene all’interno della propria metà campo una Lavagnese che sembrava rientrata dagli spogliatoi paga del risultato maturato nel corso dei primi 45’, sono gli uomini di Masitto a trovare la rete che spegne ogni speranza di rimonta per la formazione granata: intorno all’ora di gioco, infatti, Addiego Mobilio lancia sulla corsa Buongiorno il quale disegna un preciso pallonetto che termina la sua lenta parabola in fondo al sacco. È il gol che certifica il pomeriggio disastroso della formazione ospite: non tanto dal punto di vista dell’atteggiamento, in quanto gli uomini di Rossini non hanno molto da rimproverarsi, quando piuttosto per quanto concerne il risultato, probabilmente anche eccessivo per quanto visto sul terreno di gioco. Il Borgosesia, colpito e affondato, lascia alla Lavagnese il pallino del gioco e la gestione nei minuti finali di un punteggio rotondo e ormai rassicurante. I granata trovano anche la rete del 5-2 con Rivi, il cui ingresso è stato sicuramente molto positivo per tutta la sua squadra, ma in pieno recupero i padroni di casa ristabiliscono la distanza di quattro reti con il tocco sotto da parte di Alluci che inchioda il match sul definitivo 6-2. Pomeriggio molto amaro per Rossini, che cade pesantemente in casa di una Lavagnese trascinata da Buongiorno: una sconfitta dalla quale i granata dovranno trovare le forze di rialzarsi immediatamente, a partire dalla prossima gara.

Daniele Buongiorno, autore di una tripletta contro il Borgosesia

IL TABELLINO

LAVAGNESE-BORGOSESIA 6-2
RETI (0-1, 5-1, 5-2, 6-2): 6′ Perego (B), 15′ Addiego Mobilio (L), 38′ Buongiorno (L), 41′ Avellino (L), 45′ Buongiorno (L), 14′ st Buongiorno (L), 37′ st Rivi (B), 46′ st Alluci (L).
LAVAGNESE (4-4-2): Boschini 6, Oneto 6.5, Scorza 6 (43′ st Di Lisi sv), Avellino 7 (38′ st Bacigalupo G. sv), Rossini 6, Alluci 6.5, Rovido 6 (10′ st Romanengo sv, 22′ st Di Vittorio 6.5), Basso 6, Buongiorno 8 (38′ st Bei sv), Addiego Mobilio 7.5, Solinas 6.5. A disp. Bova, Profumo, Queirolo, D’Orsi. All. Masitto 7.
BORGOSESIA (3-4-1-2): Barlocco 5 (1′ st Galli 6), Iannacone 6, Cortinovis 5.5 (14′ st Baiardi 5.5), Vecchi 5 (33′ st Confalonieri sv), Bajic 5.5, Gerace 6, Monteleone 6.5, Szafran 5 (1′ st Corigliano 6), Perego 6.5 (1′ st Rivi 7), Bramante 6, Aloia 5.5. A disp. Pettinaroli, Matera, Bernardo, Areco. All. Rossini 6.
ARBITRO: Martino di Firenze 7.
COLLABORATORI: Manzini di Voghera e Lobene di San Benedetto del Tronto.
AMMONITI: 24′ st Alluci (L), 35′ st Oneto (L), 42′ st Solinas (L).

 

LE PAGELLE

LAVAGNESE

Boschini 6 La rete subita rappresenta l’unico aspetto negativo di una prestazione molto positiva, condita da qualche intervento utile a mantenere il giusto vantaggio sul Borgosesia.
Oneto 6.5 Meno intraprendente del solito, con il passare dei minuti prende un coraggio sempre maggiore nelle personali sortite offensive, in cui fa valere la sua esperienza.
Scorza 6 Svolge un ottimo lavoro in fase di ripiegamento, offre anche qualche interessante traversone ai propri attaccanti lanciati verso la porta avversaria (43’ st Di Lisi sv).
Avellino 7 Contiene bene le offensive di Bramante, svolgendo un buon lavoro difensivo insieme ai suoi compagni di reparto (38’ st Bacigalupo sv).
Rossini 6 La sua è una presatzione solida e di grande sacrificio: tiene bene la posizione e avvia la manovra della Lavagnese.
Alluci 6.5 Sempre presente in mezzo al campo, con recuperi del pallone funzionali a far salire la squadra. Nel finale trova anche il gol che fissa il punteggio sul definitivo 6-2.
Rovido 6 Sempre attivo e frizzante nelle giocate, a volte troppo precipitoso negli interventi. Nella ripresa va più in difficoltà, ma la sua prestazione rimane positiva (10’ st Romanengo sv).
22’ st Di Vittorio 6.5 Entra con il compito di limitare le ultime incursioni degli attaccanti granata, risponde sempre presente quando il pallone transita dalle sue parti.
Basso 6 Partita di tanta sostanza e quantità tra le linee. Interferisce correttamente nella manovra offensiva del Borgosesia.
Buongiorno 8 Lavora bene per la squadra, offrendo talvolta anche interessanti traversoni ai propri compagni. In un’ora di gioco firma la propria personale tripletta, confermandosi un attaccante completo (38’ st Bei sv).
Addiego Mobilio 7.5 Bravissimo a inventare il gol che rimette in equilibrio la gara, risulta spesso una minaccia per la retroguardia del Borgosesia, che fatica nel contenerlo.
Solinas 6.5 È sempre pericoloso quando ha il pallone tra i piedi, corre e si adopera per i propri compagni durante tutto l’arco del match.
All. Masitto 6.5 Nonostante lo shock iniziale, la sua squadra non si scompone e inizia a macinare il proprio gioco, pareggiando i conti e chiudendo la pratica dopo soli 45’ minuti. Da rivedere alcune sbavature individuali, ma nel complesso è ottima la prova da parte della sua formazione.

BORGOSESIA

Barlocco 5 Esente da colpe sulla bella conclusione di Addiego Mobilio, nelle altre tre reti incassate non risulta certamente impeccabile. La sua gara termina dopo soli 45 minuti.
1’ st Galli 6 Il suo ingresso dà maggiore sicurezza a tutto il reparto, nonostante la situazione fosse già gravemente compromessa. Subisce anche lui due reti in cui poteva e doveva fare di più.
Iannacone 6 Si spinge poco in avanti, preferendo mantenere una posizione più difensiva. Mostra tutta la sua qualità in fase di costruzione del gioco dal basso.
Cortinovis 5.5 Partita di grande sofferenza in fase difensiva. Sono pochi gli spazi disponibili, ma lui non è sufficientemente coraggioso nello spingersi in avanti.
14’ st Baiardi 5.5 Soffre le sortite offensive di Solinas, non riesce in più di un’occasione a chiudere gli spazi a ridosso della propria area di rigore.
Vecchi 5 Non riesce a limitare a dovere le avanzate dei giocatori di maggior pericolosità della Lavagnese. Prestazione poco solida da parte del capitano del Borgosesia (33’ st Confalonieri sv).
Bajic 5.5 Ottimi i suoi lanci per le incursioni degli attaccanti. È meno preciso in fase di ripiegamento difensivo, quando va eccessivamente in difficoltà se viene pressato.
Gerace 6 Si presenta come uno dei più attivi sin dalle prime fasi dell’incontro. Gira bene palla da destra a sinistra, innescando sulla corsa i compagni sulle fasce.
Monteleone 6.5 È il metronomo del centrocampo del Borgosesia. Lavora bene sia in fase di costruzione del gioco sia in quella di ripiegamento. Una delle poche luci in un pomeriggio nero per gli ospiti.
Szafran 5 Primo tempo in cui fa estremamente fatica a contenere la manovra offensiva degli attaccanti avversari. Il suo contributo è scarso anche quando è il Borgosesia ad attaccare.
1’ st Corigliano 6 Entra con lo spirito giusto, ma risulta poco pericoloso in fase offensiva. Va più in difficolta in fase di ripiegamento.
Perego 6.5 Bravo a sfruttare le incertezze della difesa bianconera in occasione del gol del vantaggio granata. Si abbassa molto in fase di non possesso a protezione della propria area di rigore per dare una mano ai compagni.
1’ st Rivi 7 Il suo ingresso è molto positivo. Mostra subito carattere e il giusto piglio per provare a lasciare il segno nel match, con il gol nel finale che giunge come naturale conseguenza di una buona prestazione.
Bramante 6 Risulta molto spesso imprevedibile quando si allarga sulla destra e rientra puntando il difensore avversario. Le sue giocate sono utili a dare vivacità al reparto offensivo.
Aloia 5.5 Se nel primo tempo non riesce a incidere a dovere, anche nella seconda frazione continua a fare fatica a trovare palloni giocabili e a mettere in difficoltà i difensori avversari.
All. Rossini 6 Si gioca tre cambi in un colpo solo all’inizio della seconda frazione, uno dei quali vede coinvolto l’estremo difensore Barlocco. Uno di loro, Rivi, dà una scossa a tutta la squadra, ma è troppo poco per provare a sfiorare una clamorosa rimonta.

ARBITRO
Martino di Firenze 7 Lascia correre spesso, scegliendo correttamente di evitare di frammentare eccessivamente il gioco. Comunica in maniera eccellente con i suoi assistenti, anch’essi autori di una partita quasi impeccabile.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli