21 Aprile 2021

Lavagnese – Imperia Serie D: Alluci apre le marcature, Di Vittorio chiude la gara. Tre punti d’oro per i bianconeri

Le più lette

Under 17 Serie C, uscito il calendario della prima giornata della Nuova Fase del Campionato

È stato annunciato il calendario della Nuova Fase del Campionato Under 17 Serie C. In data data 20 aprile...

Fossano-Caronnese Serie D: Coviello apre, Adorni rimonta, 2-2 all’Angelo Pochissimo

Ci ha preso ormai gusto il Fossano di Viassi, che rimonta sulla Caronnese al novantesimo minuto con il risultato...

G.Centallo-Albese Eccellenza: Perlo con Rosso e Mascolo porta via i 3 punti al Centallo di Bianco e Vallati

Eccellenza d’eccezione, con una partita tra i padroni di casa del Centallo e gli ospiti dell’Albese che non si...

La Lavagnese conquista tre punti d’oro contro l’Imperia: le reti realizzate da Matteo Alluci e Alessio Di Vittorio consegnano ai bianconeri tre punti di vitale importanza.

Partono meglio gli ospiti che, reduci dal pareggio interno dello scorso turno contro la Sanremese, scendono in campo con la ferrea volontà di portare a casa i tre punti. La prima occasione della gara è proprio per l’Imperia: al 6′ minuto di gioco ci prova Gnecchi, ma il suo debole tiro viene facilmente intercettato dall’estremo difensore della formazione di casa. Totalmente assente nei primi 13′ di partita, la Lavagnese riesce a sbloccare l’incontro alla prima vera palla gol del pomeriggio. Bei raccoglie un buon lancio proveniente dalla difesa, controlla elegantemente il pallone e lo serve a Matteo Alluci, che da posizione defilata riesce a battere Dani portando in vantaggio la sua squadra. Cinque minuti più tardi è ancora Alluci a rendersi pericoloso: la sua conclusione dal limite dell’area di rigore finisce però lontana dalla porta dell’Imperia. Le due squadre, che non sembrano voler concedere molto spazio alla formazione avversaria, prestano un’attenzione maggiore alla fase difensiva: ne risente il gioco, che risulta in queste prime battute molto piatto e senza particolari sussulti da parte di entrambe le squadre. Poco prima della mezz’ora prova ad affacciarsi pericolosamente in avanti la Lavagnese: un propositivo Avellino avvia l’azione servendo in area un buon pallone sul quale si avventa Romanengo. La sua conclusione di prima intenzione viene però respinta dalla difesa dell’Imperia, che sventa così una grande occasione che avrebbe potuto portare la Lavagnese sul 2-0. L’Imperia, che fatica in questo pomeriggio a produrre il proprio gioco, si affida ad una personale iniziativa di Gnecchi che, entrato insidiosamente in area di rigore, appoggia nel mezzo senza trovare alcun compagno pronto a ribattere a rete. Sul finale di tempo altra grande occasione per la formazione di casa: Buongiorno, entrato in area di rigore, cerca con il piede destro l’incrocio dei pali alla sinistra di Dani, nella disperazione di Cantatore che aveva seguito l’azione e sperava di essere servito dal compagno. Il suo tiro finisce distante dai pali della porta e l’occasione sfuma in un nulla di fatto. Le due squadre vanno così a riposo dopo una prima frazione giocata a ritmi non particolarmente elevati.

La seconda frazione si apre con la Lavagnese in possesso palla e in pieno dominio del gioco. L’Imperia, che fin qui ha avuto un atteggiamento troppo passivo, sembra invece ora più propositivo e voglioso di mettere in difficoltà la formazione di casa. Al 7′ di gioco prova Malltezi a impensierire la difesa bianconera, ma il suo tiro è alto, impreciso e non crea alcun problema a un sicuro Boschini. Passano soltanto 5 minuti di gioco e la Lavagnese si rende ancora una volta pericolosa: i bianconeri sfiorano il gol del raddoppio con Buongiorno, servito ottimamente da un vivace Profumo: il colpo di testa del numero 9 della Lavagnese termina di poco fuori dallo specchio della porta difesa da Dani. L’Imperia prova ad alzare i giri del motore affidandosi ancora una volta al talento e alla classe di Capra: è proprio dai piedi del numero 7 nerazzurro, reduce da un gol e da una buonissima prova nell’ultimo turno di campionato, che partono le più pericolose azioni della formazione ospite. D’altra parte, la Lavagnese cerca ora di ripartire in contropiede in cerca della rete che chiuderebbe in maniera definitiva il match. Superata l’ora di gioco, Bei serve un buon pallone nel mezzo: Cantatore, arriva in corsa, non riesce a tenere basso il pallone, che finisce altissimo sopra la traversa. Per il classe 2002 Alessandro Bei si tratta dell’ultima azione della sua ottima partita, giocata con intraprendenza e coraggio. A 10 minuti dal termine la Lavagnese trova il gol che di fatto chiude la gara: il neoentrato Alessio Di Vittorio deposita la sfera in fondo al sacco sfruttando un pasticcio difensivo da parte dell’Imperia. Subita la seconda rete di giornata, l’Imperia si getta disperatamente in avanti alla ricerca del gol che cambierebbe il finale dell’incontro. I ragazzi di Lupo non riusciranno nel loro intento: la Lavagnese farà sua la partita portando a casa tre punti importantissimi.

 

IL TABELLINO DI LAVAGNESE – IMPERIA SERIE D

LAVAGNESE-IMPERIA 2-0
RETI: 12′ Alluci (L), 33′ st Di Vittorio (L).
LAVAGNESE (4-3-3): Boschini 7, Oneto 6.5, Profumo 7, Avellino 6.5, Basso 6, Rossini 6, Cantatore 6.5 (46′ st Bacigalupo sv), Alluci 7.5 (35′ st Orlando sv), Buongiorno 6 (43′ st Perasso sv), Bei 7.5 (30′ st Addiego Mobilio 5.5), Romanengo 6.5 (23′ st Di Vittorio 7.5). A disp. Bova, Queirolo, Ozuna, Tripoli. All. Nucera 6.5.
IMPERIA (4-3-3): Dani 6, Scannapieco 5.5, Malandrino 6 (7′ st Gandolfo 5.5), Malltezi 6.5 (30′ st Fazio sv), De Bode 7, Virga 5, Capra 7, Giglio 5.5, Martelli 5.5, Gnecchi 6 (35′ st Travella sv), Minasso 6 (10′ st Calderone 6). A disp. Trucco, Fatnassi, Luisi, Kacellari, Palmieri. All. Lupo 5.5.
ARBITRO: Mirabella di Napoli 6.5.
AMMONITI: 27′ Basso[99] (L), 19′ st Cantatore (L), 31′ st Virga (I), 35′ st Gnecchi[00] (I).

 

LE PAGELLE DI LAVAGNESE – IMPERIA SERIE D

LAVAGNESE

Boschini 7: è autore di un ottima gara, giocata con sicurezza e personalità.
Oneto 6.5: sfrutta bene gli spazi a sua disposizione. In fase difensiva chiude bene quando chiamato in causa.
Profumo 7: gioca una partita di attenzione e di personalità. Le sue giocate sono semplici ma funzionali a mettere gli attaccanti nelle migliori condizioni per segnare.
Avellino 6.5: si mette sempre a servizio della sua squadra. È artefice di precisi lanci per le punte.
Basso 6: gara di sofferenza, in cui tiene bene la posizione per non concedere spazi agli avversari.
Rossini 6: non è sempre preciso, ma gioca intelligentemente in mezzo al campo subendo fallo e facendo respirare la propria squadra.
Cantatore 6.5: si sovrappone spesso, corre e si libera della marcatura offrendo una linea di passaggio ai compagni. Una prova di carattere (46′ st Bacigalupo sv).
Alluci 7.5: prova più di una volta a tirare verso la porta avversaria, apre le marcature con un ottimo diagonale (35′ st Orlando sv).
Buongiorno 6: primo tempo in cui trova pochi spazi, nella ripresa entra in partita. È sempre un pericolo per la difesa dell’Imperia (43′ st Perasso sv).
Bei 7.5: buonissima la sua gara, giocata con sicurezza, senza alcuna paura e con precisione (30′ st Addiego Mobilio 5.5: un quarto d’ora giocato senza particolare attenzione).
Romanengo 6.5: è bravo nel ripiegare e chiudere le linee di passaggio, quando strappa il pallone e parte palla al piede diventa incontenibile (23′ st Di Vittorio 7.5: gioca in posizione più offensiva rispetto al solito, ma riesce comunque a fare molto bene. Il gol è la naturale conseguenza di un ingresso più che positivo).

IMPERIA

Dani 6: nonostante i due gol incassati, la sua è una gara sufficiente per atteggiamento e reattività.
Scannapieco 5.5: la sua partita è segnata da un’eccessiva aggressività sul portatore di palla e da alcune imprecisioni lungo la fascia.
Malandrino 6: fa fatica a trovare spazi lungo la fascia, nonostante il suo atteggiamento sia comunque sempre propositivo (7′ st Gandolfo 5.5: commette qualche errore di troppo, fornendo cross imprecisi e trascinandosi talvolta il pallone oltre la linea di fondo).
Malltezi 6.5: tiene bene la posizione nel primo tempo. Nella seconda frazione è maggiormente propositivo offrendo buoni palloni ai compagni (30′ st Fazio sv).
De Bode 7: sventa più di una volta la minaccia avversaria, esce palla al piede con eleganza e sicurezza. Ottima prova la sua.
Virga 5: fa molta fatica in mezzo al campo. Arriva senza precisione e in ritardo nei contrasti.
Capra 7: nel primo tempo rimane nell’ombra, nella seconda frazione sale in cattedra e trascina la sua squadra in fase offensiva.
Giglio 5.5: è spesso falloso in mezzo al campo. Le sue conclusione verso la porta avversaria non sono precise.
Martelli 5.5: si abbassa e lavora per la squadra, risultando tuttavia poco preciso negli appoggi e nella costruzione del gioco.
Gnecchi 6: prova ad avviare l’azione e a rendersi pericoloso in più di un’occasione. Nella ripresa cala per corsa e intensità (35′ st Travella sv).
Minasso 6: è bravo a scappare via palla al piede e a seminare il panico tra la difesa avversaria, che puntualmente ricorre al fallo per fermare la sua avanzata (10′ st Calderone 6: un ingresso che dà forza e pericolosità al reparto offensivo dei nerazzurri).


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0