14 Aprile 2021

Sanremese – Gozzano Serie D, festival del gol al Comunale: fermata la capolista

Le più lette

Resistenza Granata: i primi passi della neonata società dilettante piemontese

La lontananza forzata dal calcio ha aumentato la voglia di tornare in campo e ha dato anche il tempo...

Ascoli-Inter Primavera 1: Satriano nel recupero regala tre punti ai nerazzurri, a Seccardini non bastano il cuore e il talento di Lisi

Portare a casa il massimo risultato con il minimo sforzo? No, anzi tutt'altro. Un Inter a quattro facce si...

Pro Vercelli-Lecco Primavera 3: Nuzzo illude in apertura, poi la rimonta piemontese con Jukaj, Di Chio e Formia

La Pro Vercelli si riscatta dalle ultime due prestazioni opache, entrambe concluse con una sconfitta, rimonta ed effettua il...

A poche ore dall’inizio del Festival della canzone italiana, al Comunale di Sanremo va di scena il festival del gol. Sanremese e Gozzano danno vita ad un match pirotecnico che termina sul risultato di 2-2. Seppur abbia fermato la capolista, per la Sanremese i rimpianti sono tanti. I matuziani hanno letteralmente dominato dal primo fino all’ultimo minuto di gioco, ma hanno pagato a caro prezzo il blackout di 10 minuti, che si è verificato dopo il pareggio momentaneo di Piraccini. Una partita quasi perfetta, che lascia l’amaro in bocca alla squadra ligure per non averla portata a casa. In copertina troviamo assolutamente Convitto, senza dubbio il migliore tra i 22 in campo. L’esterno biancoazzurro è stato letteralmente una spina nel fianco per il Gozzano, che non è riuscito a prendergli le misure né con Kayode né con Bianconi. Per gli ospiti resta la soddisfazione di aver centrato il 19esimo risultato utile consecutivo, dimostrando di essere tanto cinica d’avanti: uscire senza sconfitta dal Comunale di Sanremo non era assolutamente semplice, specie per come si era messa la gara. Il Gozzano resta comunque in testa al girone A di Serie D a quota 50 punti (a più 4 dalla coppia Bra e Castellanzese), mentre la Sanremese resta in ottava posizione a 38 punti.

Sanremese che si presenta al match senza gli indisponibili Gennaro, Gerace, Gemignani, Murgia e Lo Bosco, oltre ai non convocati Del Ferro, Scarella e Felici. In panchina, al posto del tecnico Matteo Andreoletti, squalificato per tre turni dal giudice sportivo dopo l’espulsione rimediata con l’Arconatese, troviamo il suo secondo Roberto Correale. Nel Gozzano torna titolare Pavan, che va a completare l’ormai solito terzetto difensivo con Carboni e Bianconi, mentre a centrocampo viene confermato Carta, titolare nel turno infrasettimanale contro il Legnano, al posto di Confalonieri. Nonostante le numerose assenze, è proprio la Sanremese a partire meglio. Al 4’ i padroni di casa spaventano gli ospiti: buona iniziativa di Danovaro sulla destra, che arriva facilmente sul fondo e fa partire un cross che attraversa tutta l’area piccola, ma che non trova nessuna deviazione decisiva da parte dei suoi compagni. Mentre all’8’ arriva la prima conclusione del match che porta la firma di Demontis, ma il tiro del numero 8 è impreciso e non può spaventare Vagge. Più pericoloso, invece, il tentativo di Convitto un minuto più tardi: l’esterno biancoazzurro è bravo a rientrare sul destro e con una conclusione a giro a spaventare il portiere ospite. I liguri sono bravi a difendersi dagli ormai prevedibili lanci lunghi per Sylla del Gozzano, ma soprattutto a recuperare il pallone nella propria metà campo per poi imbeccare immediatamente i suoi attaccanti. Ed è proprio da un contropiede manuale che la Sanremese trova il gol all’11’. Lanciato in profondità, Convitto è bravo a portarsi avanti il pallone con la testa e a trafiggere Vagge con un diagonale lento ma preciso. Il gol stordisce la capolista e al 17’ i biancoazzurri vanno vicini anche al raddoppio. Ennesimo lancio dalla retroguardia che mette in porta un attaccante matuziano, in questo caso Vita, che è bravo a difendere il pallone con il fisico e a calciare verso la porta di Vagge, ma il tiro finisce di poco alto. Gol sbagliato, gol subito. Infatti, alla prima sortita offensiva il Gozzano pareggia. Al 22’ Piraccini è bravo a battere Dragone di testa e a riportare la sfida in parità. Passano pochi minuti e i rossoblù si riportano dalle parti di Dragone. Al 28’ si vede anche Allegretti, che prova ad impensierire Dragone con una conclusione da fuori area, ma il suo tiro è debole e centrale. Il 10 ci riprova due minuti più tardi, ma il risultato è lo stesso: errore di Danovaro in uscita, Piraccini recupera ed imbecca subito Allegretti, ma la conclusione del fantasista è innocua. Sono le prove generali del gol, che arriva al 32’ con il solito Sylla: il gigante rossoblù riesce a superare Mikhaylovskiy di fisico e a battere Dragone con un diagonale preciso. Tutto finito? Macché. Le emozioni al Comunale di Sanremo non finiscono qui. Passa esattamente un minuto e dalla retroguardia della Sanremese parte un altro lancio lungo alla ricerca di Vita. L’attaccante vince il corpo a corpo con Carboni, che cercando di contenerlo gli frana addosso e lo atterra in area di rigore. Per l’arbitro non ci sono dubbi ed è calcio di rigore. Dagli 11 metri si presenta Demontis che non sbaglia. Al 36’ il risultato è di 2-2. Nel finale di frazione è il Gozzano a sfiorare il vantaggio. Sylla è bravo a raccogliere il cross di Kayode dalla destra e con una rovesciata a calciare verso la porta di Dragone, che è reattivo e dice no al gigante rossoblù.

Il secondo tempo è un monologo della Sanremese, che schiaccia il Gozzano per quasi 50 minuti nella sua metà campo. Matuziani subito pericolosi al 2’ con Pellicanò. L’esterno tenta una girata al volo in area di rigore, ma la conclusione del talentino classe 2002 termina abbondantemente alta. La prima occasione, però, arriva al 12’. Pellicanò imbecca Convitto che trova Gagliardi in mezzo all’area di rigore, il quale tira di prima intenzione. Vagge è attento e si rifugia in calcio d’angolo. Al 26’ la Sanremese sfiora ancora una volta il vantaggio con Vita. Tutto nasce da una mischia in area piccola, dove Vita stava per calciare da pochi metri. A salvare i rossoblù ci ha pensato capitan Carboni, che è stato bravo ad anticipare la punta matuziana e ad allontanare il pallone. I padroni di casa dominano letteralmente la gara. Se nel primo tempo i lanci alla ricerca di Vita e Convitto mandavano in difficoltà i difensori del Gozzano, è con il fraseggio mostrato nella ripresa, vero marchio di fabbrica di Andreoletti e compagni, che la Sanremese si è portata con facilità dalle parti di Vagge. Ne è una dimostrazione l’occasione creata da Convitto al 29′. Ennesima invenzione dell’esterno biancoazzurro che scappa via sulla fascia sinistra e fa partire un cross che attraversa tutta l’area piccola. Sul pallone si avventa proprio Pellicanò, che però trova il palo da pochi passi. Convitto è l’uomo in più della Sanremese. Dai suoi piedi nasce sempre qualcosa di pericoloso, come al 31’. Il 28 si mette in proprio e dribbla la coppia Kayode – Bianconi sul fondo dell’area e, una volta accentratosi, cerca l’angolo alla sinistra di Vagge, ma il pallone termina di poco a lato. Al 34’ Demontis fa partire un tiro-cross che attraversa l’area di rigore: sul pallone si fionda Romano, che sfiora leggermente la sfera e spaventa ancora Vagge. Due minuti più tardi, Gagliardi testa i guantoni di Vagge con una bella conclusione da fuori. Il portiere rossoblù si conferma tra i portieri più forti del girone e dice di no al fantasista matuziano. È l’ultima occasione del match. Nei minuti finali entrambi gli allenatori pescano dalla panchina, ma il risultato non cambia. Al Comunale di Sanremo termina 2-2.

IL TABELLINO

SANREMESE-GOZZANO 2-2
RETI (1-0, 1-2, 2-2): 11′ Convitto (S), 22′ Piraccini (G), 32′ Sylla (G), 36′ rig. Demontis (S).
SANREMESE (4-3-3): Dragone 6, Pici 6 (15′ st Ponzio 6), Bregliano 6.5, Mikhaylovskiy 6, Demontis 6.5, Gagliardi 6, Vita 6.5 (33′ st Romano 6), Danovaro 6, Pellicanò 6 (42′ st Miccoli sv), Fenati 6.5, Convitto 7.5. A disp. Giletta, Castaldo, Doratiotto, Lodovici, Fava, Sturaro. All. Andreoletti 6.5.
GOZZANO (3-1-4-2): Vagge 6, Carboni 6, Vono 5, Sylla 6.5, Allegretti 5.5 (49′ st Di Giovanni sv), Kayode 5, Carta 5.5 (34′ st Confalonieri 6), Piraccini 6.5 (47′ st Bane sv), Bianconi 5.5, Cella 6, Pavan 6. A disp. Cincilla, Gemelli, Rampin, Olivato, Sangiorgio, Mastaj. All. Soda 6.
ARBITRO: Luongo di Napoli 6 Preciso e attento, sempre vicino all’azione di gioco.
AMMONITI: 34′ Carboni (G), 38′ Sylla (G), 44′ Piraccini (G), 28′ st Demontis (S).

LE PAGELLE

SANREMESE

Dragone 6 Seppur non sia impeccabile sul gol di Piraccini, la sua è stata una partita sufficiente. Sempre attento, dà sicurezza ai suoi con un paio di interventi nel finale di primo tempo.
Pici 6
Si vede poco in fase offensiva, ma il suo lavoro difensivo non passa di certo inosservato. La sua marcatura su Vono è preziosa, in quanto non lo fa mai crossare o calciare.
15′ st Ponzio 6 Entra perché Pici ha finito le batterie. Entra e non commette sbavature. Come il suo collega si vede poco in fase offensiva.
Bregliano 6.5
Partita ai limiti della perfezione per lui. Poche sbavature, sempre pulito nei contrasti e preciso negli appoggi. Dà solidità a tutto il reparto.
Mikhaylovskiy 6
Quello con Sylla è uno scontro tra titani che finisce in assoluta parità. Nel primo tempo lo “zar” soffre la fisicità del gigante rossoblù, tanto da perdere il duello che porta Sylla al gol del pareggio, ma nella ripresa è un assolo russo. La sua prestazione è un crescendo, tanto da non far vedere palla al 9 del Gozzano.
Demontis 6.5
Solita partita con la P maiuscola per lui. Ottimo negli inserimenti senza palla e nelle conclusioni da fuori, Demontis ha fatto una buona partita anche in fase di interdizione. Freddissimo dagli 11 metri.
Gagliardi 6
Nel primo tempo è uno spettatore non pagante. Incide veramente poco nella buona gara dei suoi. Nel secondo tempo entra in campo con un piglio diverso e sfiora la rete due volte, impegnando seriamente Vagge. Non il Gagliardi che conosciamo, ma sufficiente.
Vita 6.5
Lottatore. La partita non era facile. Lottare nelle palle alte con Carboni non se lo augura nessuno, ma lui lavora per tutto il match ed è bravo anche a guadagnarsi un calcio di rigore. Il suo lavoro, specie nel primo tempo, è assolutamente prezioso.
33′ st Romano 6 Tocca pochi palloni per incidere nel match, ma pochi secondi dopo il suo ingresso in campo sfiora la sfera sul tiro-cross di Demontis, rischiando di portare in vantaggio i suoi.
Danovaro 6
Ormai lo conosciamo. Le sue discese sulla fascia destra sono sempre apprezzabili e belle da vedere, ma anche oggettivamente pericolose. Quando ha spazio attacca e diventa un’ala aggiunta, ma è bravo anche a difendere.
Pellicanò 6
Nel primo tempo non è mai realmente pericoloso, ma nella seconda frazione si trasforma e trascina insieme a Convitto la Sanremese alla ricerca del gol. Sfortunato ed impreciso nell’occasione del palo. (42′ st Miccoli sv)
Fenati 6.5
Posizionato in cabina di regia per sostituire Gemignani, la sua prestazione è assolutamente positiva. Recupera tanti palloni, ma è anche prezioso nel possesso palla matuziano con tocchi sempre precisi e mai banali.
Convitto 7.5
La canzone più bella. Sfruttiamo l’imminente inizio del Festival di Sanremo per commentare la prestazione di Convitto. In assoluto il migliore in campo, ricorda vagamente Lorenzo Insigne per i suoi movimenti e le sue giocate da esterno sinistro. Rapido e tecnico, il 28 matuziano è costantemente pericoloso.

All. Andreoletti 6.5 Forse la migliore da gara da quando si è insediato sulla panchina della Sanremese. Partita studiata e preparata bene, nonostante il poco tempo a disposizione. I lanci lunghi prima e il fraseggio poi hanno messo in totale confusione la capolista, che ha sofferto per quasi tutti i 90 minuti.

GOZZANO

Vagge 6 Si conferma tra i portieri più forti del girone. Nel secondo tempo salva in più occasioni il risultato.
Carboni 6 Nel primo tempo si fa sorprendere dai continui lanci lunghi della Sanremese, dove in uno di questi commette anche il fallo da rigore su Vita. Si riprende da vero capitano nella ripresa.
Vono 5 Il grande assente del match. Non crea mai superiorità numerica, non crossa e neanche calcia verso la porta di Dragone. Lontano parente del Vono che si è fatto apprezzare fino ad oggi, è lecito concedergli una giornata no.
Sylla 6.5 Ennesimo gol alla “Lukaku”. Forza e tecnica che hanno evitato la sconfitta ai suoi. Nel secondo tempo soffre la marcatura di Mikhaylovskiy.
Allegretti 5.5 Si vede soltanto nel finale di primo tempo, dove sfiora il gol in due occasioni. Nel secondo tempo sbaglia diverse volte il controllo del pallone o la giocata. Non è il solito Allegretti e lo si vede subito. 49′ st Di Giovanni sv
Kayode 5 Soffre l’estrosità di Convitto, che non gli permette mai di proporsi in fase offensiva. Non gli prende mai le misure, specie nel secondo tempo.
Carta 5.5 Gioca davanti alla difesa, ma tocca pochi palloni. Fatica anche nel recupero della sfera. 34′ st Confalonieri 6 Entra e cerca di portare più geometrie in mediana.
Piraccini 6.5 Primo tempo di gran spessore per il centrocampista. Porta esperienza e qualità in un match scoppiettante. Perfetto come sempre nei tempi di inserimento, come testimonia il gol del momentaneo pareggio. 47′ st Bane sv
Bianconi 5.5 Anche lui soffre la velocità e la tecnica di Convitto. Se lo perde nell’occasione che porta al vantaggio matuziano e per tutto il secondo tempo. Il raddoppio di Kayode funziona proprio poco.
Cella 6 Viene spostato in mediana, dove cerca di inventare qualcosa. Il pressing continuo della Sanremese non permette grandi giocate, ma lui si impegna ed è un costante appoggio sicuro per i compagni.
Pavan 6 Rientra dopo l’assenza nel match contro il Legnano. Dà garanzie in fase difensiva, ma è meno arrembante rispetto ad altre occasioni.

All. Soda 6 La sua squadra è tanto cinica. Questo dovrebbe sollevarlo due volte: la prima perché è riuscita a fare due gol alle prime occasioni; la seconda perché gli ha evitato la sconfitta. Ma le note positive sono finite. Dalla capolista ci si aspettava di più.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0