Verbania, dimissioni Del Monaco: venerdì il Consiglio Direttivo

484
Dimissioni del monaco verbania
Dimissioni del monaco verbania

Dopo le dimissioni di venerdì del Direttore Tecnico Pietro Fassoli, a Verbania arrivano anche le dimissioni Del Monaco dalla carica di presidente. Meditate sin da inizio stagione, le dimissioni del vertice biancocerchiato registrano un momento complicato per la neopromossa squadra di Sergio Galeazzi che si affida, almeno fino al prossimo consiglio direttivo, alle esperte mani del Vicepresidente Andrea Fortis: «Elio Del Monaco aveva già espresso a inizio stagione il desiderio di pensare ad una successione essenzialmente per motivi lavorativi. Il fatto che il Direttore Generale Pietro Fassoli si sia dimesso venerdì ha accelerato la decisione solo per il fatto che tra i due correva uno stretto rapporto di amicizia e familiare».

Nel mentre la società rimane con due vuoti di organigramma, che, in attesa del Consiglio Direttivo di venerdì saranno riempiti da Fortis e dal vice presidente onorario Luigi Pedretti. «Alla luce di questo momento di difficoltà, ho chiamato subito Pedretti – spiega Fortis – Con lui ho avuto un dialogo costante ed è il momento in cui il presidente onorario deve scendere in campo almeno per la gestione del momento. Lui fortunatamente ha accettato. Nel consiglio di venerdì dovrebbero poi entrare anche Vincenzo Cinque e Nicolò Musso. Sono due imprenditori. Il primo è stato in passato anche il presidente della società oltre che fedele sponsor, anche grande sostenitore e appassionato della squadra. Il secondo ha molte competenze tecniche che potranno essere d’aiuto alla società».

Venerdì dovrebbe arrivare quindi il nuovo organigramma, o almeno la nuova figura di Direttore Generale con poteri di decisioni tecniche. Nel mentre la squadra guidata da Sergio Galeazzi attende che la nube societaria passa e si prepara alla trasferta in casa del Seravezza.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale