25 Gennaio 2021

Chieri – Borgosesia Under 19: Nania e Rossi danno la scossa ai collinari

Le più lette

San Marco Under 15: la avventura di Marco Bonfanti, alla guida dei 2006 bustocchi

Marco Bonfanti, allenatore dell’Under 15 della San Marco, è arrivato quest’anno nel club bustocco e siede sulla panchina dei...

Cimiano Under 16: alla scoperta di Jacopo Penta, mezz’ala mancina nello scacchiere di Callegaro

Il Cimiano ha iniziato il campionato con tre straordinarie vittorie e Jacopo Penta ne è stato uno dei grandi...

Frosinone-Spal Primavera Tim Cup: cinquina estense, l’ex Novara Pinotti chiude i conti e firma il passaggio agli ottavi di finale

Dopo il ritorno in campo del Campionato Primavera 2, è toccato alla Primavera Tim Cup riaprire i battenti con...

A volte le emozioni possono mutare radicalmente in pochissimo tempo. Anche pochi secondi. Questo è il tempo che ci ha impiegato il Chieri per ribaltare la partita con il Borgosesia, che prima del 25′ della ripresa sembrava poter essere l’ennesima beffa di una stagione di alti e bassi, ma che dopo quel fondamentale minuto è diventata una gioia incontenibile, che ha regalato tre punti a Pecorari e giocatori. Come ogni cosa c’è il rovescio della medaglia, rappresentato dal Borgosesia. I granata hanno disputato un’ottima gara, preparata nei minimi dettagli ed interpretata nel modo giusto. Ecco perché per loro quei pochi secondi hanno rappresentato un incubo da cui si dovranno svegliare al più presto per continuare nella grande stagione finora disputata. La gara sul campo si accende subito e Sbriccoli dopo quattro minuti ha già la palla del vantaggio, ma la sua conclusione dopo una ribattuta di Xausa finisce alta. In generale è il Chieri a dettare i ritmi di gioco, con i valsesiani che difendono compatti. Dopo pochi minuti tocca a Rossi provare a bucare Xausa, ma l’estremo difensore è attentissimo sulla conclusione in velocità del Toro. Al quarto d’ora si vede il Borgosesia: bella incursione di Bernardo imbeccato da Panariello, palla in mezzo su cui Dappiano non arriva di un soffio. Verso la fine del primo tempo si ripete il copione ma questa volta è proprio Panariello a non arrivare all’appuntamento sull’invenzione di Bernardo. Tutto rimandato a un minuto dopo però, perché il Borgosesia trova in Bernardo ancora risorse: il numero 10 entra in area da destra e punta Mastrandrea che forse lo atterra o forse no; per l’arbitro è calcio di rigore, e lo stesso Bernardo non fallisce dagli undici metri. Fischia il direttore di gara e si torna negli spogliatoi. Il Chieri non ci sta, mentre il Borgosesia comincia a pregustare l’impresa. Ma Simone Bruno ha piani diversi, e poco dopo l’inizio della ripresa pennella un cross per Rossi che non fallisce e di testa insacca il pari. Sembra l’inizio della rimonta collinare, ma la risposta dei valsesiani non si fa attendere: il solito Bernardo batte una punizion in mezzo dalla trequarti, la palla resta in area e viene fatta preda da Rovei, che riesce a calciare tra un mugolo di maglie azzurre, cogliendo impreparato Calvaruso che prova il tuffo senza successo. Esplode la gioia granata. Bernardo continua a disegnare calcio, soprattutto con i suoi insidiosissimi calci da fermo. Ma al 25′ accade l’impensabile: prima il neo-entrato Nania riceve l’ennesimo cross dalla sinistra di Bruno e buca Xausa sotto la traversa, e subito dopo la ripresa del gioco è sempre Nania a rubare palla ad un disattento Mussa e a lanciare Rossi, che complice una carambolacon Xausa in uscita trova fortuitamente il gol che ribalta la contesa. I tifosi granata sono increduli, mentre Pecorari predica calma. Prosegue il bombardamento dai calci piazzati del Borgosesia, che più di una volta sfiorano il gol, specialmente con Panariello che impatta bene ma trova la traversa tra lui e la gloria. Nel finale Bruno può chiuderla definitivamente ma Xausa dice no. Il Chieri ritrova sorriso e terzo posto, scavalcando proprio il Borgosesia, che dalla sua non può che far tesoro di questa prestazione sopra le righe, stando però attento a quei repentini cali di concentrazione che, come contro i collinari, possono significare punti persi.

CHIERI-BORGOSESIA 3-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2, 3-2): 45′ rig. Bernardo (B), 7′ st Rossi (C), 9′ st Rovei (B), 25′ st Rossi (C), 25′ st Nania (C).
CHIERI (4-3-3): Calvaruso 6, Tafaro 6.5, Bruno 8, Mastrandrea 6, Mosagna 6 (14′ st De Santis 6), Pavia 6.5, Sbriccoli 5.5 (1′ st Morone 6), Barbero 6 (43′ st Gervasio sv), Rossi 8, Ragusa 5.5 (24′ st Mingrone 5.5), Barcellona 6 (14′ st Nania 7.5). A disp. Bellomo, Calindro, Appendino. All. Pecorari.
BORGOSESIA (4-3-3): Xausa 6.5, Bruno 6, Russo 6, Pettinaroli 6 (32′ st Rastello sv), Pirrello 6.5, Mussa 5.5, Panariello 6.5 (42′ st Ippolito sv), Rovei 7, Dappiano 6, Bernardo 7.5, Benincasa 6 (9′ st Monteleone 6). A disp. Finotti, Bellan. All. Prelli.
AMMONITI: 35′ Pirrello (B), 5′ st Ragusa (C), 35′ st Morone (C), 40′ st Rovei (B).
ARBITRO: Fiori di Cuneo 6 Qualche disattenzione dovuta alla distanza dalla palla. Rigore dubbio, che non influisce sul voto.

PAGELLE CHIERI
All. Pecorari 7.5 Spinge i suoi verso una vittoria fondamentale contro la bestia nera. Con il cambio Nania la decide.
Calvaruso 6 Si fa sempre sentire con la voce, mentre non è costretto a compiere interventi miracolosi.
Tafaro 6.5 Amministra la fascia molto bene, non concedendo nulla dietro e non disdegnando qualche discesa in avanti.
Bruno 8 Il migliore in campo per quantità e qualità delle giocate. I due assist decisivi sono solo la ciliegina sulla torta.
Mastrandrea 6 Si nasconde spesso e volentieri tra le maglie granata, quando dovrebbe creare gioco lui.
Mosagna 6 Un po’ in affanno sulle palle aeree. 14′ st De Santis 6 Combatte subito con Panariello.
Pavia 6.5 Guida la linea difensiva con la voce e con l’esempio.
Sbriccoli 5.5 Mai realmente pericoloso in zona gol. Ci prova con qualche giocata a liberare i colleghi di reparto, ma senza successo. 1′ st Morone 6 Non sfrutta le ripartenze concessegli.
Barbero 6 Tanto lavoro sporco, visto che i compiti di impostazione spettano ad altri.
Rossi 8 Il Toro fa doppietta, prima di potenza e poi di carambola. Fondamentale anche nella corsa.
Ragusa 5.5 Male soprattutto nel primo tempo, quando non ha ancora carburato appieno. 24′ st Mingrone 5.5 Scelte sbagliate che rischiano di costare caro.
Barcellona 6 Spostato per l’occasione a destra del tridente. Si fa vedere poco. 14′ st Nania 7.5 Il cambio decisivo. Segna il gol del secondo pareggio e propizia il successivo vantaggio.

Borgosesia
Il Borgosesia di Carlo Prelli

PAGELLE BORGOSESIA
All. Prelli 6.5 La doppia rete subita sa di beffa. Grande solidità fino alla mezz’ora del secondo tempo.
Xausa 6.5 Si prodiga in almeno due interventi decisivi.
Bruno 6 Non incide come l’omonimo collinare.
Russo 6 Troppo ripiegato dietro dagli attaccanti del Chieri. Sbaglia poco in difesa.
Pettinaroli 6 Poca sostanza in cabina di regia. La squadra avrebbe avuto bisogno di maggiore gioco da parte sua.
Pirrello 6.5 Il più combattivo della linea difensiva. Marcare il tridente azzurro non è facile, ma lui per larghi tratti ci riesce.
Mussa 5.5 Errore fatale quando si perde il pallone a favore di Nania.
Panariello 6.5 Fa a sportellate con chiunque gli si pari davanti. Ci prova anche di testa.
Rovei 7 Gol da opportunista e tanta sostanza a centrocampo. Prova a mettere filtro in mezzo.
Dappiano 6 Impalpabile nella zona cruciale del campo.
Bernardo 7.5 Il faro dei valsesiani. Batte i calci piazzati come pochi e crea numerosi grattacapi con i suoi dribbling fulminei. Come se non bastasse, è anche cinico dal dischetto.
Benincasa 6 Manca la sua spinta sulla sinistra, in alternativa al terzino. 9′ st Monteleone 6 Entra con il piglio giusto, ma tocca pochi palloni.

LE PAROLE A FINE GARA: MARCO PECORARI

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli