14 Aprile 2021

Under 19 Nazionale: verso lo stop definitivo

Le più lette

Ciliverghe Eccellenza: rinforzo in difesa per Cogliandro, arriva Marchesi dal Forza e Costanza

Non si ferma la campagna acquisti del Ciliverghe che dopo aver ufficializzato nella giornata di ieri l'arrivo dell'attaccante Filippo...

RC Codogno-Sancolombano Eccellenza: nel primo derby del girone Tassi ferma El Sheikh

Termina a reti bianche il primo derby del girone B fra Rc Codogno e Sancolombano. I locali che partivano...

Accademia Inter, Alessandro Tonani incerto sul futuro: già finita l’avventura tra i nerazzurri?

Alessandro Tonani non vuole svelare ancora nulla di quello che accadrà nei prossimi mesi: già finita l’avventura tra le...

Si va verso una chiusura definitiva del campionato di Under 19 Nazionale. Nello scorso numero abbiamo scritto che in questa settimana appena passata si sarebbe tenuta una riunione per decidere le sorti del campionato Juniores e la sensazione è assai negativa. Lunedì è previsto un nuovo summit nazionale e la parola “fine” sul campionato è l’epilogo più probabile. Dopo una sospensione e cinque estenuanti (per giocatori e allenatori in primis) rinvii era già impronosticabile una ripresa “normale” o comunque una conclusione perlomeno del girone d’andata. L’aggravarsi della situazione epidemiologica, legata, vista la categoria, alle chiusure delle scuole, sta poi spingendo i vertici di Lega a rinunciare anche alla carta modifica del format.
In ogni caso lunedì arriverà la risposta definitiva e il comunicato definitivo riguardante il campionato Under 19 che oltre il 20 marzo non ha senso rimandare. Rimane però la domanda fondamentale su quale futuro per i 2003? Se i 2002 comunque erano già “tutelati” dalla quota giovani in prima squadra e da un calendario tanto fitto da usufruire con più frequenza della leva in questione, lo stesso non si può dire per i 2003. Fermati a metà anno nella stagione da allievi in fascia piena e praticamente mai scesi in campo nel loro primo anno di Juniores. Già se tornassero in campo attorno a Pasqua avrebbero parecchio terreno da recuperare, ma se prevalesse l’idea di blocco del campionato, la Lega dovrà cominciare a pensare a una soluzione per la prossima stagione in grado di garantire un adeguato ingresso dell’annata in questione nel mondo delle prime squadre.


2 Commenti

  1. Buona sera a tutti, sono un genitore di un ragazzo 2003. Da gennaio 2020 non non ho sentito nessuno in federazione che prendesse a cuore la situazione di questi ragazzi oramai fermi da oltre 1 anno.
    Nessuno che tuteli i giocatori e le società che vogliono ripartire.
    Sinceramente penso che nel nostro paese regni l’incoerenza: perché mi sta bene non ricominciare per motivi di salute, ma quando vedo in giro ragazzi al mare che giocano in 20 sulla spiaggia, o quando vedo bambini che praticano ( giustamente ) sport in palazzetti con protocolli sanitari inesistenti mi viene da ridere.
    Basterebbe mettersi d’accordo, chi vuole ripartire può ripartire e chi non vuole ripartire stia fermo.
    La FIGC ha preso una decisione seria e rispettosa nei confronti dei ragazzi che hanno creduto nella ripartenza creando protocolli e controlli ben regolamentati ed efficaci
    Non mi interessa se si creano campionati da 4 squadre, tanto quest’anno si sapeva che sarebbe andata a finire così.
    Sono allibito dall’incoerenza che c’è nel nostro paese. Il calcio, soprattutto quello giovanile, DEVE ripartire.
    Buonasera.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0