sabato 6 Giugno 2020 - 00:28:40

Fossano – Arconatese Under 19: Gaboardi raggiunge quota 30 e lode

Le più lette

Offanenghese Eccellenza, è ufficiale: si dividono le strade dei giallorossi e di Steffenoni

Arriva quasi in nottata il primo passo dell'Offanenghese verso la stagione 2020/2021: Simone Steffenoni non è più il tecnico...

Anche il mondo della comunicazione non sarà più la stesso, ma la consapevolezza del ruolo che la stampa locale ha svolto resta

Anche per il mondo della comunicazione dopo questa crisi nulla sarà più come prima. Questo è un dato di...

Crema Under 17: a tu per tu con Luca Danelli, condottiero della corazzata rossonera

Riflettori puntati in casa Crema Under 17, in particolar modo sulla figura di Luca Danelli, sapiente guida della compagine...

Non rivela nessuna sorpresa il testa coda del girone A. Il Fossano strappa all’inizio e dilaga a piacimento nell’arco della partita, cercando di gestire le forze e prendere le misure per lo scontro verità della prossima settimana col Bra. L’Arconatese dal canto suo deve rimproverarsi un inizio molle, poco convinto che ha facilitato non poco il compito a Gaboardi e compagnia bella. L’unico virgulto lombardo arriva a cavallo dell’intervallo dove sui piedi di Coluccio arriva la possibilità addirittura di riaprire il match.


Con Zeni in cabina di regia, Frattolillo cambia modulo e si affida a un 4-3-3 con quattro piedi educati e muscolosi (Fogliarino e Medda) da mezzali che non danno punti di riferimento. Corsi esterne offensive affidate a Di Salvatore a sinistra e Raimondi a destra. La freccia Madeo rimane nella faretro in caso di necessità. Sulla lavagnetta di Beretti invece è disegnato un 3-5-2: il solito Morjan davanti a Pagliari, Pascali e Chinarelli. In attacco Medici prova ad agire da scheggia impazzita attorno al riferimento di stazza De Benedictis. Tutto questo sulla carta, perché sul campo gli schemi saltano già dopo quattro giri di lancette, quando un’incomprensione tra Pagliari e Pascali mette su un piatto d’argento a Gaboardi il primo gol. Lo squalo capisce che c’è sangue nell’acqua e le altre due palle servite in solitudine davanti al malcapitato Trubia si trasformano nel 29esimo e 30esimo gol stagionale (assist di Zeni sul 2-0 e Fogliarino, con sospetto di fuorigioco, sul 3-0). Tutto questo in un quarto d’ora dove l’Arconatese si scioglie come il burro e si deprime nonostante i continui richiami di Beretti ad alzare la testa. Se c’è una possibilità per i lombardi è per superficialità del Fossano, cosa che accade soprattutto per colpa di Minutelli. Il centrale di Frattolillo, tra una veronica in uscita e passaggi agli avversari, rischia di riaprire una partita già chiusa, ma deve ringraziare Capiluppi che non arriva sul cross di Frontini e l’assistente di gara che sbandiera sul gol di Montani.
Tolti i già citati svarioni, il Fossano amministra in palleggio facendo girare come trottole i tre registi in mezzo al campo, aspettando l’occasione giusta o per il fraseggio veloce nello stretto (35’ Zeni ne salta tre e crossa per Bertoglio, tiro murato da Frontini sulla riga) o per la verticalizzazione a scavalcare una difesa troppo lenta e poco attenta (Medda non salta a tupertu Trubia). Prima dell’intervallo c’è spazio per uno squillo di tromba ospite con Montani che in ripartenza manda De Benedictis, il quale prova a riaprirla con un tocco sotto dalla trequarti che finisce di un pelo alto alle spalle di Bosia.

Nella seconda frazione Frattolillo cambia modulo e in attacco affianca a Gaboardi Maia, mentre Beretti cerca di tirare fuori l’orgoglio dei suoi e la mossa di inserire Coluccio si rivela azzeccata: rete del 3-1 che riapre la partita e tiro murato sulla riga da Gallo (altro subentrato nelle fila fossanesi) pochissimi minuti dopo.; su entrambe le occasioni sbavature di Medda. Dal riaprire la partita a vederla chiusa per sempre, perchè pochi minuti dopo la seconda occasione di Coluccio, Maia, in tandem con Madeo, guadagna il rigore che realizza senza alcuna pretesa di Trubia che rimane immobile. La storia finisce qui, solo il solito Coluccio ci riprova trovando però ancora l’opposizione del corpo di Gallo. Dall’altra parte Maia e il 2003 all’esordio Giobergia giocano a fare i gemelli del gol, facendosi assist a vicenda. Madeo amplia il parziale e Giordano si conferma in un periodo di straordinaria vena realizzativa a discapito del ruolo, neanche fosse un centrale dell’Atalanta.
Niente da fare, l’Arconatese di beretti deve tornare a guardarsi negli occhi almeno per continuare a fare punti pesanti in casa. Il Fossano affronta la settimana col sorriso dapendo che sabato prossimo, all’Attilio Bravi si gioca una grossa fetta di stagione.

IL TABELLINO DI FOSSANO ARCONATESE UNDER 19

FOSSANO-ARCONATESE 8-1
RETI (3-0, 3-1, 8-1): 4′ Gaboardi (F), 14′ Gaboardi (F), 16′ Gaboardi (F), 6′ st Coluccio (A), 16′ st rig. Maia (F), 31′ st Giobergia (F), 36′ st Maia (F), 38′ st Madeo (F), 38′ st Giordano (F).
FOSSANO (4-3-3): Bosia 6.5, Bertoglio 6, Cavallera 6.5, Minutelli 5.5 (1′ st Gallo 7), Medda 6, Giordano 6.5, Di Salvatore 6.5, Fogliarino 7, Gaboardi 7 (22′ st Giobergia 7.5), Zeni 7 (1′ st Maia 7.5), Raimondi 6.5 (11′ st Madeo 7). A disp. Gaia, Bonamico. All. Frattolillo 7.5.
ARCONATESE (3-5-2): Trubia 6, Pagliari 5.5, Chinarelli 5.5, Frontini 6, Bonomelli 5.5 (5′ st Coluccio 7), Pascali 5, Capiluppi 6 (10′ st D’Aluisi 6), Montani 6, Medici 5.5 (33′ st Mondini sv), Morjan 5.5, De Benedictis 5.5 (25′ st Pastormerlo 6). A disp. Donato, Vavassori, Corrado, Ghezzi. All. Beretti 5.5.
ARBITRO: Spinelli di Cuneo 7.
AMMONITI: Montani (A).
ESPULSI: 32′ st Pascali (A).

LE PAGELLE DI FOSSANO ARCONATESE UNDER 19

FOSSANO

All. Frattolillo 7.5 Partita ben approcciata e messa subito in ghiaccio. Nella ripresa c’è solo qualche minuto di ansia, ma come preparazione al big match col Bra, sono stati 90′ ottimi.
Bosia 6.5 Rarissimi grattacapi nei quali è aiutato al meglio dalla retroguardia, Gallo in primis.
Bertoglio 6 Come sempre dà qualità e affidabilità sull’out di destra, ma nella ripresa scompare leggermente lasciando qualche buco a un Coluccio.
Cavallera 6.5 Meno propositivo del collega della fascia opposta. Rimane attento e guardingo.
Minutelli 5.5 Svarioni inspiegabili. Una veronica e un passaggio che rischiano di mandare in porta un’Arconatese che non sembrava avere alternative. 1′ st Gallo 7 La sua bussola interiore lo fa posizionare due volte al posto giusto, nel momento giusto. Provvidenziale.
Medda 6 Cede ancora un po’ al vizietto della giocata complicata, ma il trio di registi funziona e si sente a suo agio.
Giordano 6.5 Il bomber che non ti aspetti colpisce ancora anche se a risultato più, più, più, più che acquisito. Dietro non ha problemi con De Benedictis.
Di Salvatore 6.5 Non gli serve dare il mille per mille per fare la differenza. Alla fine un assist per il gemello diverso Madeo lo tira fuori.
Fogliarino 7 Mai sopra le righe, sempre al posto giusto. Anche lui entra nel tabellino con un assist per il solito Gabogol.
Gaboardi 7 Pronti, partenza, tripletta! La porta lo ama e lui cede volentieri al corteggiamento. Si ferma alla tripletta, mangiandosene anche uno. Bisogna però impegnarsi per trovare il pelo nell’uovo. 22′ st Giobergia 7.5 Esordio perfetto per il 2003 nell’Under 19. Non tanto per il gol che è un regalo di benvenuto di Maia, ma più per l’intesa con lo stesso attaccante ex Monregale che regala giocate, sintonia e divertimento.
Zeni 7 La palla frulla, i ruoli si invertono, i gol arrivano. Regia brillante. 1′ st Maia 7.5 Entra col piglio giusto. I gol lo testimoniano, ma per chi ha avuto il privilegio di essere all’Angelo Pochissimo può parlare della sua prestazione come generosa e fruttuosa anche nel più minimo movimento.
Raimondi 6.5 L’esercito non usa tanto l’ala destra per accerchiare le truppe nemiche. I suoi movimenti con o senza palla però sono discretamente utili. 11′ st Madeo 7 Rimane a riposo nei primi minuti e quando entra subito regala una magia e un gol.

ARCONATESE

All. Beretti 5.5 Non c’è la stessa garra del derby con l’Inveruno. Non è questa la trasferta dove prendere punti, ma la maledizione continua.
Trubia 6 Otto sono veramente tanti, ma sfido a trovare qualche responsabilità. Anzi, ne evita un altro paio.
Pagliari 5.5 La sbavatura iniziale, in collaborazione con Pascali, mette subito la partita sui binari sbagliati. Per il resto della partita fatica comunque a regge l’onda d’urto blues.
Chinarelli 5.5 Come il collega patisce nell’arco di tutta la gara. La differenza sta in un miglior approccio nel primo tempo (su Raimondi) e gli incubi su Di Salvatore e Madeo nella ripresa.
Frontini 6 Dà una mano a Chinarelli a sinistra, di più nel primo tempo. Suda la maglia e corre anche solo per provare a fare entrambe le fasi.
Bonomelli 5.5 Beretti gli rimprovera più e più volte di fare troppi tocchi. Perde palloni in uscita. 5′ st Coluccio 7 Entra e accende la miccia per provare a cambiare la partita. Un gol e due occasioni sono un’oasi nel deserto. D’impatto.
Pascali 5 Gaboardi scivola via con troppa facilità. Il rosso contestato non fa altro che allargare i buchi nella barca.
Capiluppi 6 Un paio di chiusure dietro e qualche cavalcata per farsi vedere nella metà campo avversaria. Almeno ci prova. 10′ st D’Aluisi 6 Si piazza sull’out di destra e picchia generosamente. La grinta ce la mette anche quando la squadra rimane in inferiorità.
Montani 6 Tanti errori, specie palla al piede, ma è tra gli ultimi a mollare e cerca di gareggiare anche col fisico col terzetto in mediana.
Medici 5.5 Prova a girare intorno alla boa, ma non trova spazio.
Morjan 5.5 Davanti a una mediana difficile da affrontare, non fa vedere il passo in più che di solito dimostra.
De Benedictis 5.5 Il tentativo dalla distanza è bello ma velleitario. Qualche buono spunto c’è, ma troppo poco per rischiare di incidere. 25′ st Pastormerlo 6 Ha pochi minuti, ma un paio di affondi in profondità prova a farli.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy