12 Agosto 2020 - 11:52:43

Fossano – Milano City Under 19: Madeo accende la miccia. Primo ko esterno per i lombardi

Le più lette

Calcio femminile, un bagno di sangue: cadono Biellese, Femminile Juventus, Novese, Canelli, Sedriano e Luserna

Per fortuna che l'obiettivo dovrebbe essere il professionismo, ma senza una base, senza il calcio dilettantistico, può esserci il...

Verbania, Domenico Vono si dimette dall’Under 19

Dopo aver confermato Luca Porcu alla guida della prima squadra, il Verbania dovrà cercare un nuovo allenatore per l'Under...

Rivoli: Granieri vince il ricorso e torna presidente, Scozzaro out

Se non vi siete portati il romanzo da ombrellone in spiaggia, potete facilmente rileggere l’anno tormentato del Rivoli del...

Non riuscendosi a sbloccare in casa il Milano City sbarca all’Angelo Pochissimo cercando l’ottavo bottino grosso su otto, ma di fronte si trovano un Fossano che non prova pietà per nessuno e supera una nuova prova di maturità.
Gianluca Porro si affida al solito 433 facendo esordire Seringne in mezzo al campo a fare da scudiero a Volta. Frattolillo risponde col 4-2-3-1 di fabbrica, rinforzando i muscoli di Medda con quelli di Kone. Sulla trequarti la fantasia è affidata a Di Salvatore, Fogliarino e Madeo dietro al re del gol Gaboardi.
Inizio di gara da pronostico. Squadre che si studiano e si sfidano sul piano dell’intensità in mezzo al campo. Alla lunga la mediana meneghina sembra avere più passo e, superato il primo quarto d’ora, riescono a trovare qualche proiezione offensiva con Ceruzzi che, da buona posizione, non inclina bene il corpo e spara alto, e con Serigne che da piazzato costringe Bosia a volare all’incrocio. Occasione chiara ancora a tinte lombarde al 23′ quando Ceruzzi dalla destra trova Traina sul secondo palo, ma il centrale ospite liscia il piattone.
Senza scomporsi Medda e compagni provano a uscire giocando il pallone e col passare dei minuti riescono ad alzare il baricentro, ma alla prima falla rischia di capitolare: Giordano è impreciso in disimpegno e Di Cristi gli scippa il pallone, mandando Ceruzzi verso la porta. Gallo e reparto rientrano bene e disinnescano prima che l’esterno di Porro riesca a entrare in area.
Non è una gaffe a frenare l’avanzata cuneese che riesce a trovare la combinazione della retroguardia Traina-Cupola da piazzato: Medda dalla trequarti defilata a destra pesca Kone sul secondo palo che batte a incrociare e porta in vantaggio i Blues. Il Fossano è così, positivamente umorale; quando trova la nota giusta, dà inizio alla sinfonia e a dirigere l’orchestra c’è Madeo che con una giocata delle sue trova subito la palla del raddoppio. Azione confusa sulla destra, Madeo recupera palla e in un fazzoletto si libera lo spazio per un tocco soffice al centro dell’area piccola. Indovinate chi c’è? Gabogol che di testa la devia quanto basta per indirizzarla a pochi centimetri dal palo opposto. 2-0.
La doppia sberla costringe Porro a far vibrare gli spogliatoi e ai buoni concetti di gioco, il Milano City nella ripresa aggiunge anche un Rinaldi in più e un maggior spirito arrembante. Già al 7′ infatti Rinaldi suona la carica lasciando partire un tiro potente che attraversa tutta l’area piccola da destra a sinistra e si adagia di poco sul fondo. Il Fossano annusa il pericolo e prova a rispondere in quegli spazi che si vanno a creare, ma la conclusione di Madeo e il tentativo di Gaboardi finiscono rispettivamente sui piedi di Zini o alti sopra la traversa.
Ceruzzi trova meno spazio in fascia, dove Bertoglio chiude bene gli spazi, ma l’11 milanese trova il giusto pertugio centralmente quando manda in velocità Celichini. Sinistro a incrociare e 2-1.
Memori della rimonta subita col Chieri, i ragazzi di Frattolillo tirano fuori esperienza e sangue freddo nel gestire l’entusiasmo ospite e rischiano addirittura di riportare di nuovo a due le lunghezze di vantaggio. Emblematico il secondo guizzo di genio di Madeo al 21′, quando da posizione defilata fa partire un esterno a giro che bacia il palo esterno. L’equilibrio c’è e Frattolillo decide di cambiare poco a differenza di Porro che prova a giocarsi le carte Drenica (buon periodo di forma in campionato) e Kane per strappare. Il reparto di fronte a Bosia regge, ma trema al 40′ quando Rinaldi si lancia in velocità in area di rigore, ma cade reclamando a gran voce il rigore. Cassarà di Cuneo non vede gli estremi per il rigore, così come 5′ dopo ancora su Rinaldi. Il Fossano mantiene la vetta e vince anche contro la buona tradizione esterna del Milano City.

IL TABELLINO DI FOSSANO-MILANO CITY UNDER 19

FOSSANO-MILANO CITY 2-1
RETI (2-0, 2-1): 36′ Kone (F), 41′ Gaboardi (F), 14′ st Celichini (M).
FOSSANO (4-2-3-1): Bosia 7, Bertoglio 6.5, Bertolini 6.5 (25′ st Cavallera 6.5), Gallo 6.5, Medda 6.5, Giordano 6.5, Fogliarino 6, Kone 7 (38′ st Bonamico sv), Gaboardi 7 (49′ st Minutelli sv), Di Salvatore 6, Madeo 7.5. A disp. Gaia, Quaranta, Raimondi, Scarafia, El Karroumi. All. Frattolillo.
MILANO CITY (4-3-3): Zini 6.5, Giurato 7 (46′ st Leotta sv), Imperiali 5.5, Volta 6, Traina 6.5, Cupola 7 (32′ st Soliman 6), Di Cristo 5.5 (4′ st Rinaldi 6.5), Serigne 6.5, Celichini 6, Maciariello 6 (31′ st Drenica 6), Ceruzzi 6.5 (36′ st Sofio 6.5). A disp. Imparato, Cislaghi, Kane. All. Porro. Dir. Giuliano.
ARBITRO: Cassarà di Cuneo.

LE PAGELLE DI FOSSANO-MILANO CITY UNDER 19

FOSSANO


All. Frattolillo 7
Bastano 5′ di genio offensivo e tanto equilibrio per reggere all’assalto di un buon Milano City. Altra prova di forza.
Bosia 7 Sempre pronto quando chiamato in causa. Mossa di esperienza e coraggio nel disinnescare un traversone pericoloso al 36′ quando si butta di pugno per guadagnare una punizione.
Bertoglio 6.5 Ceruzzi è peperino e qualche volta scappa, ma col passare dei minuti gli prende le misure.
Bertolini 6.5 Lavoro più semplice su Di Cristo, svolto con diligenza e precisione. 25′ st Cavallera 6.5 Dà manforte e non sconvolge gli equilibri.
Gallo 6.5 Come al solito, sa quando rinunciare ai fronzoli. Efficace.
Medda 6.5 Qualche imprecisione di troppo, ma la sua firma la mette ugualmente con l’assist.
Giordano 6.5 Buona marcatura su Celichini. Il buco è di reparto, am è un caso isolato.
Fogliarino 6 Manca la scintilla sulle vie centrali. Sempre buono il posizionamento difensivo.
Kone 7 Fa valere i muscoli e le sue giocate in dismpegno fanno respirare la squadra anche in qualche momento di pressione.
Gaboardi 7 La cerca con insistenza, ma senza bramosia, ma alla fine la palla giusta arriva e la trasforma in oro.
Di Salvatore 6 Ben braccato in fascia, non riesce a trovare lo sprint giusto.
Madeo 7.5 Spesso cercato largo riesce a trovare la “sua” magia risolutrice che cerca anche di replicare col palo nel secondo tempo. Negli ultimi minuti di adombra, ma rimane una prestazione decisiva.

MILANO CITY


All. Porro 6.5 La trasferta più difficile è ben interpretata.
Zini 6.5 Non sono tantissimi i tiri nello specchio, ma li gestisce con intelligenza.
Giurato 7 Carismatico e deciso, tiene botta e annichilisce come può Di Salvatore.
Imperiali 5.5 Se Madeo si accende diventa imprendibile e nella prima parte di secondo tempo non riesce ad arginarlo mai.
Volta 6 Buona occupazione degli spazi e discreto giro palla.
Traina 6.5 Far gol non è affar suo, ma il rimpianto per il piattone rimane. Dietro copre bene e disinnesca tante situazioni pericolose.
Cupola 7 Di fisico e cattiveria toglie tante castagne dal fuoco. 32′ st Soliman 6 Non commette grosse sbavature.
Di Cristo 5.5 Un buono scippo che diventa palla gol, ma fatica a trovare continuità nel pungere. 4′ st Rinaldi 6.5 Fa subito sentire il suo peso con un tiro insidioso. Quando ben innescato crea preoccupazioni anche se vengono ben gestite dai Blues.
Serigne 6.5 Usa sapientemente fisico e piedi anche se di tanto in tanto commette ingenuità.
Celichini 6 Una palla riceve e una trasforma. Per il resto della gara è un po’ nascosto.
Maciariello 6 Tanto lavoro sporco che si nota solo tracciando un bilancio finale. 31′ st Drenica 6 Ha pochi minuti, ma li usa cercando di spingere con più insistenza sulla sinistra.
Ceruzzi 6.5 Il duello con Bertoglio è il più vivo della gara, Sa cercare spazi anche altrove. 36′ st Sofio 6.5 Un buona conclusione dal limite.

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli