Pro Dronero e la sconfitta 19-1: un campionato da vittime sacrificali

96
pro dronero, beccacini
Corrado Beccacini, presidente della Pro Dronero

Un sabato da incubo per la Pro Dronero del presidente Corrado Beccacini. Dallo scontro con la Caronnese, seconda in classifica nel girone A di Under 19, i piemontesi ne escono a dir poco con le ossa rotte: al termine dei 90’ infatti, il risultato è spietato, un 19-1 che ormai non si vede più neanche nelle giovanili provinciali. Messa in conto la non modesta qualità offensiva della squadra lombarda, la domanda appare tanto lecita quanto scontata: com’è possibile che una partita di Juniores nazionale si chiuda con questo risultato? Come ammesso dallo stesso tecnico della Caronnese De Martino: «Ho fatto giocare chi ha avuto poco spazio e i più giovani, non posso mica dire di tornare indietro una volta arrivati davanti alla porta…».

Pro Dronero, numeri impietosi

Dando poi un’occhiata ai numeri, il confronto con la categoria non migliora, anzi, appare ancora più impietoso: un solo punto in 13 gare; ancor peggio in termini di gol fatti e subiti: lo Stresa, penultimo, ha siglato il doppio delle reti subendone quasi 30 in meno. In conclusione, viene più di un dubbio sulla gestione di questa squadra: il settore giovanile dovrebbe forgiare i ragazzi per un futuro in prima squadra, non farli divenire vittime sacrificali…


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Hai visto la nuova sezione dedicata alle statistiche individuali? Focus portieri con le classifiche dei meno battuti, spazio ai bomber e al minutaggio / gol. Infine, per difensori e centrocampisti, tutte le medie voto compilate seguendo le indicazioni degli addetti ai lavori e dei nostri inviati.