9 Marzo 2021

Como-Livorno Serie C: Tre punti d’oro per non far scappare il Renate

Le più lette

Livorno-Alessandria Serie C: Eusepi ancora spietato dal dischetto, esordio crudele per Amelia

Per la seconda volta in pochi giorni il dischetto del rigore sorride all'Alessandria. Anche in casa del Livorno la...

Pro Patria-Piacenza Serie C: Kolaj e Latte Lath fanno impazzire la retroguardia dei lupi di Scazzola

Fra le mura amiche la Pro Patria non stecca, rifilando un netto 3-0 al Piacenza (risultato identico alla gara...

Torino Club Under 16, Casaroli: «Eravamo i favoriti, ma adesso conta solo riprendere»

Squadra che certamente aveva i pronostici a favore per la vittoria del girone B del campionato provinciale under 16...

Una partita che vede coinvolte due squadre agli estremi della classifica del Girone A quella che si disputa al Senigallia e vede contrapposti il Como – in lotta per restare ad alta quota – e il Livorno, che al momento vive una situazione tutt’altro che tranquilla. Il primo tempo, dopo la consueta fase di studio iniziale, mostra i padroni di casa disposti con un 4-2-3-1 che diventa un 4-4-2 in fase di non possesso, contrapposta al 4-5-1 degli ospiti, orfani di diversi tasselli importanti. La partita si sblocca al 12’ quando la pressione del Como permette di sbloccare a proprio favore la partita: da un’incomprensione interna al Livorno tra Morelli e Farisi nasce un rimpallo che favorisce Bellemo, il quale abilmente fa filtrare il pallone in area dove Gatto a rimorchio riesce ad impattare il pallone per la rete del vantaggio. Gli ospiti non si danno per vinti ma nel pratico non riescono a impensierire eccessivamente i padroni di casa, che a centrocampo tendono a congestionare l’area obbligando il Livorno a passare per le vie più esterne. Il primo vero squillo toscano arriva al 29’ con una punizione di Haoudi che spiove in area ma viene interrotta  dall’arbitro per fuorigioco. Il Como continua a premere negli ultimi minuti e sfiora il raddoppio: Gatto si involta verso la porta aprendosi sulla destra. Un’esitazione per aggiustare la mira permette il recupero di Deverlan che chiude la palla in angolo. Como padrone della partita anche se appare meno letale di quanto potrebbe essere, mentre il Livorno oppone una resistenza tutt’altro che passiva.

Il secondo tempo si apre con un episodio che mette la partita sui binari comaschi: Bussaglia viene espulso al secondo minuto della ripresa per doppio giallo a causa di un fallo su Arrigoni. Gli ospiti rimangono così in dieci ma cercano di restare in partita, aggrappati a iniziative come la botta rasoterra da fuori area di Braken al 6’ minuto che però non trova la rete. Il Como gioca dettando il ritmo della partita e gestendo il vantaggio e la superiorità numerica, lavorando spesso con dei cross dall’esterno sui secondi pali per scardinare la difesa ospite. Il Livorno però non vuole limitarsi a subire e cerca il pareggio con una serie di buone iniziative, su cui spicca al 18′ la conduzione in area di Braken che filtra sul lato opposto un pericoloso pallone non trovando però nessuna incursione dei compagni a cui appoggiarsi. È il Como però a sfiorare nuovamente il gol al 34’: Gabrielloni dal lato destro dell’area di rigore lascia partire un tiro che beffa Stamcampiano ma si stampa sul palo che salva il Livorno, il quale sul ribaltamento di fronte da prova di essere ancora vivo con una botta da fuori di Haoudi che costringe Facchin al primo vero disinnesco della sua partita.
La partita termina così per 1-0 con il Como  inanella un altro risultato utile restando aggrappato al secondo posto di fronte a un Livorno sconfitto ma comunque autore di una prestazione coraggiosa.

 

IL TABELLINO

 

COMO 1
LIVORNO 0
RETE: 12′ Gatto (C).
COMO (4-2-3-1): Facchin 6, Iovine 6.5, Bertoncini 6 (1′ st Solini 6.5), Crescenzi 6, Dkidak 6 (25′ st Foulds 6), Bellemo 6.5, Arrigoni 6.5, Cicconi 6.5 (39′ st Celeghin sv), Gatto 7 (22′ st Walker 6.5), Terrani 6.5 (39′ st Toninelli sv), Gabrielloni 6.5. A disp. Zanotti, Bovolon, Soldi, Bansal-McNulty, Agyakwa, Vincenzi, Ferrari. All. Gattuso 6.5.
LIVORNO (4-4-1-1): Stancampiano 6.5, Parisi 6, Di Gennaro 6.5, Deverlan 7, Gemignani 6.5, Morelli 6, Agazzi 6.5, Bussaglia 6, Porcino 6.5 (34′ st Fremura sv), Haoudi 7, Braken 6.5. A disp. Matysiak, Marie-Sainte, Sosa, Pecchia, Caia, Irace. All. Dal Canto 6.5.
ARBITRO: Grasso di Ariano Irpino 6.5.
COLLABORATORI: Iacovacci di Latina  eFratello di Latina.
ESPULSO: 2′ st Bussaglia (L).
AMMONITI: Di Gennaro (L), Arrigoni (C), Walker (C).

 

LE PAGELLE

 

COMO
Facchin 6
Poco impegnato nel primo tempo, si fa trovare pronto sull’unica conclusione pericolosa.
Iovine 6.5 Rapido e attento sui passaggi insidiosi degli avversari.
Terrani 6.5 (39’ st Toninelli SV) Sempre pericoloso quando coinvolto.
Gabrielloni 6.5 Lavora bene di sponda, utile nelle aperture.
Gatto 7 (22’ st Walker 6.5) Gol che corona una partita giocata ad alto profilo.
Cicconi 6.5 (39’ st Celeghin SV) Propone aperture  interessanti e buone idee.
Crescenzi 6 Esegue bene la fase difensiva, qualche pecca dovuta al lungo impiego.
Bellemo 6.5 Attivo e capace, tende a rendersi pericoloso.
Arrigoni 6.5 Raccordo tra i reparti, tocca e gestisce bene molti palloni.
Bertoncini 6 (1’ st Solini 6.5) Non sempre preciso nella fase di copertura
Dkidak 6 (25’ st Foulds 6) Da ordine sul suo lato e opera senza troppe sbavature.
All. Gattuso 6.5 Passa presto in vantaggio e lavora per gestire. Alla fine i tre punti arrivano.

LIVORNO
Stamcampiano 6.5
Incolpevole sul gol subito, non commette particolari errori.
Deverlan 7
Sempre presente in ogni situazione spinosa, un paio di chiusure da fuoriclasse.
Di Gennaro 6.5
Autore di un’ottima performance, molto solido.
Braken 6.5
Unica punta, cerca di aprire gli spazi e rendersi pericoloso.
Morelli 6
Un buon lavoro anche nelle fasi concitate.
Parisi 6
Lavora basso per dare manforte al reparto difensivo.
Haoudi 7
Estroso, è il più abile dei suoi a rendersi pericoloso. 
Porcino 6.5
(34’ st Fremura SV) Sale spesso e agevola bene la manovra. 
Bussaglia 6
Il primo tempo è più che buono, poi per il doppio fallo lascia i suoi in dieci.
Agazzi 6.5
Collante tra difesa e centrocampo, fa sempre bene in entrambe le fasi di gioco.
Gemignani 6.5
Anche lui deve partire basso per adattamento tattico e lo fa bene.
All. Dal Canto 6.5
Vive una situazione di emergenza e con coraggio ci mette le pezze che può.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli