14 Aprile 2021

Como-Lucchese Serie C: la punizione di Arrigoni risolve una partita complicata

Le più lette

Albinoleffe-Carrarese Serie C: Manconi suggella una gara senza storia, sempre più notte per i toscani di Baldini

Allo stadio comunale «Città di Gorgonzola» va in scena l’unico e combattuto anticipo pomeridiano del girone C: AlbinoLeffe-Carrarese. Uno...

Crema-Brusaporto Serie D: poker in rimonta dei bergamaschi con due eurogol di Seck e Maspero

Un 4-1 in casa del Crema, alla terza sconfitta consecutiva, rilancia le ambizioni playoff del Brusaporto, che grazie a...

Spazio Talent Soccer: ecco Mugavero, dalla prossima stagione allenerà i 2005

Nuovo innesto in casa Spazio Talent Soccer: dalla prossima stagione Giuseppe Mugavero allenerà i 2005 che, a meno di...

Il confronto tra Como e Lucchese finisce 1-0 al termine di una che partita vede contrapposte due squadre agli antipodi: i padroni di casa – dopo la roboante sconfitta nella sentita sfida con il Lecco – sono in cerca di tre punti essenziali per restare al primo posto del girone; gli ospiti invece hanno bisogno di una vittoria per tornare a lottare nella zona playout ed evitare la retrocessione diretta. Il match inizia nel segno di una fase di studio ed equilibrio che il Como tenta poco dopo il fischio d’inizio di spezzare, imponendo il proprio ritmo e sfruttando i consueti punto di forza: il lavoro sulle fasce dei terzini di spinta e la circolazione di palla nel rodato centrocampo. I padroni di casa sono infatti autori di diverse palle gol, di cui la prima al 4’, con una buona punizione di Terrani che costringe Biggeri al primo intervento. Nel primo quarto d’ora il Como ha altre due occasioni nitide, prima con Cicconi che tenta un’ottima rovesciata che finisce però a lato e con un tiro di Gatto poco dopo. La Lucchese è ben posizionata nel suo 4-4-2 difensivo e si presenta dalle parti di Facchin con una manciata di occasioni, la più nitida delle quali è il tiro di Petrovic che strozza il tiro incrociando sulla sinistra. Gli ospiti, ostici e ben posizionati, impediscono agli uomini di Gattuso di aumentare la velocità di manovra necessaria ad affondare il colpo vincente e capitalizzare il vantaggio tecnico e tattico messo in campo, come in occasione dell’ultimo contropiede del primo tempo condotto da Gatto che allarga per Terrani, il quale perde il tempo controllando la sfera e permette agli ospiti di recuperare e chiudersi nuovamente.

La seconda frazione di gioco vede entrambe le squadre provare a cambiare l’inerzia della partita sin dalle prime battute. La Lucchese prende coraggio e si presenta davanti alla porta di Facchin con una buona punizione battuta da Panati che spiove in area per il colpo di testa di Petrovic che però finisce fuori dallo specchio. Il Como propone una serie di azioni avvolgenti grazie anche al lavoro degli esterni ma fatica a trovare la porta. La stanchezza progressiva si fa sentire e la squadra si allunga, permettendo qualche sortita della Lucchese, come ad esempio per la progressione solitaria di Bianchi chiuso in area da Dkidak. Entrambi gli allenatori cercano di inserire forze fresche e al 36’, su una delle crescenti sfuriate offensive, il Como trova un fallo a ridosso dell’area ospite: a incaricarsi della punizione è Arrigoni, che calcia con precisione sotto la barriera, spedendo la palla all’angolo opposto. Un gran gol che permette ai ragazzi di Gattuso di prendere il vantaggio necessario per chiudere in sicurezza una partita che, al netto della differenza di posizione in classifica, si è rivelata molto più contratta e imballata del previsto.

IL TABELLINO

COMO 1907 – LUCCHESE 1-0
Reti: 36’ st. Arrigoni (C).
Como (4-2-3-1): Facchin 6, Iovine 6, Crescenzi 6, Solini 6, Dkidak 6.6 (39′ st Bovolon sv), Bellemo 6.5, H’maidat 6 (26′ st Gabrielloni 6), Cicconi 6.5, Gatto 6.5 (39′ st Allievi sv), Terrani 6.5 (25′ st Gabrielloni), Ferrari 6. A disp. Zanotti, Toninelli, Celeghin, Rossetti, Walker, Daniels, Koffi, Castillion All. Gattuso 6.5
Lucchese (3-5-2): Biggeri 6.5, Pellegrini 6, Benassi 5.5 (42′ st Scalzi sv), Panariello 5.5, Panati 6.5, Sbrissa 5.5 (21′ st Kosovan 6), Zennaro 6 (11′ st Meucci 6), Nannelli 6.5, Adamoli 6 (11′ st Maestrelli 6), Petrovic 6, Bianchi 6. A disp. Pozzer, Cruciani, Cellamare, Dalla Bernardina, Forciniti, De Vito, Gallardo All. Di Stefano 6
Ammoniti: Sbrissa (L), Panariello (L), Benassi (L), Dkidak (C), Arrigoni (C), Pellegrini (L), Gabrielloni (C).
Arbitro: Daniele Virgilio di Trapani 6. Gestisce in modo ordinato una partita senza episodi controversi, impedendo che gli animi di scaldino nelle fasi maggiormente concitate.

LE PAGELLE

COMO
Facchin 6
È una giornata in cui non viene particolarmente coinvolto: si vedono pochi tiri dalle sue parti ma nonostante questo si fa comunque trovare sempre preparato.
Iovine 6 Come da abitudine sale agevolando da manovra fungendo da centrocampista aggiunto di lusso.
Crescenzi 6 Come il compagno di reparto Solini tiene con ordine la linea, evitando incursioni eccessivamente pericoloso da parte delle punte avversarie.
Solini 6
Buona performance di ordine e disciplina nella propria linea difensiva.
Dkidak 6.5 Non solo tanta corsa sulla fascia anche e soprattutto qualità aggiunta nel gioco: quando sale è sempre pericoloso e in più di un’occasione di propone anche per la giocata conclusiva (39’ st Bovolon sv).
Bellemo 6.5 Importante il lavoro in mediana fungendo con efficacia da raccordo tra i reparti.
H’maidat 6 Coadiuva efficacemente il compagno di reparto, spende molto e paga il lungo utilizzo (26’ st Gabrielloni 6).
Cicconi 6.5 Bene sulla destra dove aiuta nella creazione di un gioco efficace.
Gatto 6.5 Autore della consueta prestazione funzionale tra le linee con più di una proposizione offensiva anche se meno preciso del solito (39’ st Allievi sv).
Terrani 6.5 Sempre utile nell’aprire gli spazi sulla sinistra, è creatore di diverse occasioni pericoloso in proprio o mettendo in gioco i compagni. Unico neo: a volte tergiversa con il pallone tra i piedi (26’ st Arrigoni 7).
Ferrari 6 Ha il compito non facile di aprire gli spazi in una partita dove la difesa è molto ostica. Bene nelle sponde, poco preciso nelle conclusioni.
All. Gattuso 6.5 La partita è complicata sin dalle prime fasi e rischia di finire a reti bianche. Indovina le sostituzioni che scuotono la squadre e porta a casa tre punti molto preziosi.

LUCCHESE
Biggeri 6.5 Il Como attacca a più riprese e in diverse occasioni è costretto a interventi importanti.
Pellegrini 6 La partita è complicata sulla sua fascia e fatica nel confronto con Terrani, quando può chiude la propria zona.
Benassi 5.5 Come il compagno di reparto fatica a contenere il rodato attacco del Como, a cui si aggiunge il prolungato impiego (42’ st Scalzi sv).
Panariello 5.5 Non sempre preciso negli interventi risolutivi e fa fatica a chiudere sulle sortite degli avversari.
Panati 6.5 Forse il migliore dei suoi: agevola spesso la manovra ed è autore di più di una giocata di qualità.
Sbrissa 5.5 Cerca di portare la giocata giusta nel centrocampo ma spesso  manca la precisione nelle fasi cruciali (22’ st Kosovan 6).
Zennaro 6 Il centrocampo del Como è ostico e come il compagno di reparto fa fatica, nonostante la buona volontà e una discreta presenza (11’ st Meucci 6).
Nannelli 6.5 Uno dei pochi della Lucchese a rendersi veramente pericoloso: sulle fasce è bravo a smarcarsi e aiutare nel gioco.
Adamoli 6 Prova a mantenere sempre la posizione corretta è aiutare in fase difensiva creando sovrannumero (11’ st Maestrelli 6).
Petrovic 6 Un paio di giocate pericolose ma non è sempre efficace quanto dovrebbe.
Bianchi 6 Cerca di inserirsi in maniera pericolosa più che può coadiuvando il compagno di reparto.
All. Di Stefano 6
Cerca di opporsi alla capolista portando un gioco ostico e concreto ma non è sufficiente a risolvere il match a proprio favore, nonostante guidi i suoi con ordine fino alla fine.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0