7 Marzo 2021

Grosseto-Piacenza Serie C: De Respinis e Martimbianco la combinano grossa e regalano al Grifone il sorpasso sull’Albinoleffe

Le più lette

Gravina: Eccellenza pronta a partire, ora i format. Per i fondi aspettiamo il Decreto Ristori

Si è concluso il Consiglio Federale FIGC e la sentenza è positiva: via libera all'Eccellenza. Non è ancora uscita...

Serie D, pesanti inibizioni in casa Folgore Caratese. 14 mesi a Criscitiello, 6 a Diciannove, che lascia il Dipartimento?

Inibizione fino al prossimo 1 settembre per Giacomo Diciannove, fino al 30 aprile 2022 per Michele Criscitiello. Tre giorni...

Aurora CMC Under 16: il ritorno a casa di Alessio Marangotto, tecnico dei 2005

Alessio Marangotto, tecnico dell’Aurora Cerro Maggiore Cantalupo Under 16, è in società da questa stagione, dopo aver passato quattro...

La prima partita del girone di ritorno, una sorta di sfida salvezza tra Grosseto e Piacenza, si conclude con la seconda vittoria interna per il Grifone. La squadra di casa, allenata da Lamberto Magrini, opera già dal primo minuto un cambio nella coppia d’attacco: dentro Boccardi e Galligari al posto di Russo e Moscati schierati la scorsa giornata. Due cambi anche per il tecnico del Piacenza che, al posto di Palma e Galazzi, schiera Miceli e Scorza.

Dopo una prima fase di studio tra le due squadre, la prima occasione per gli ospiti del Zecchini si palesa appena dopo tredici minuti: De Respinis controlla la sfera in area, Maio si appropria del pallone e calcia sull’esterno della rete. Lupi che tentano di alzare da subito il ritmo della partita e che spingono molto sulla fascia sinistra con il solito Visconti. Sulla stessa fascia incalza un buonissimo ritmo anche la formazione di casa con Galligani e che, dopo appena cinque minuti, trova la rete del vantaggio: a realizzarlo è il numero 10 Boccardi con un splendido tiro che infila Libertazzi sul secondo palo. I biancorossi di Manzo non ci stanno e poco dopo fanno tremare Barosi prima con una punizione battuta da Miceli e poi, sulla ribattuta, con un tap in fallito da parte di De Respinis. Il pallino del gioco, durante la prima frazione, è quasi sempre in mano al Piacenza che, soprattutto nel finale, preme per trovare il gol del pareggio. Anche il Grifone si rende pericoloso in un paio di occasioni con Galligani, ma dopo la rete del 1-0 tende molto di più ad aspettare che ad aggredire. Scaduto il 45′ il risultato rimane fermo sull’1-0.

Nessun cambio effettuato per l’inizio della seconda metà di gara. Lo scenario è lo stesso del primo tempo: gli ospiti partono aggressivi, mentre il Grosseto aspetta e prepara l’eventuale contropiede. A conferma di quanto detto la seconda rete di De Respinis annullata per fuorigioco al 12′ (la prima era avvenuta nella prima frazione). Cambio tattico attuato da Vincenzo Manzo: dentro Bruzzone al posto di Scorza con Corbari che si sposta perciò a centrocampo. Clamorosa al Zecchini la moviola del 21′ con De Respinis che sbaglia il calcio di rigore procurato dal neoentrato Lamesta. Sfuma, quindi, un’ulteriore occasione per realizzare il gol del pareggio. Dopo il pericolo scampato, Magrini effettua subito un triplo cambio per suonare la sveglia ai suoi. Ma le sorprese, o meglio, i pasticci del Piacenza non sono ancora finiti: Martimbianco commette un fallo che costringe il direttore di gara a tirare fuori il secondo cartellino giallo ai danni del difensore piacentino. Lupi in dieci per gli ultimi venti minuti di partita. Non tarda, infatti, ad arrivare il raddoppio dei padroni di casa dopo un batti e ribatti in area piacentina. Sersanti spinge in rete di testa e infila Libertazzi che più di tanto non può fare. Il subentrato Babbi, allo scadere dell’ultimo minuto di recupero, segna il gol della bandiera che serve a rendere leggermente meno amaro il passivo. Il match si conclude 2-1.

 

IL TABELLINO

GROSSETO 2

PIACENZA 1

RETI 19′ Boccardi (G), 33′ st Sersanti (G), 48′ st Babbi (P)

AMMONIZIONI: Martimbianco (P), Maio (P), Ciolli (G), Barosi (G)

ESPULSO: 26′ st Martimbianco (P)

ARBITRO Baratta di Rossano 6

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi; Polidori, Gorelli (24′ st Raimo), Ciolli, Campeol; Sersanti, Kraja, Cretella (14′ st Kalaj); Sicurella (24′ st Vrdoljak); Boccardi (24′ st Moscati), Galligani (32′ st Merola). A disp.: Comparini, Giannò, Simeoni, Russo, Consonni, Scaffidi. All.: Magrini

PIACENZA (3-5-2): Libertazzi; Corbari, Battistini, Martimbianco; Simonetti, Scorza (19′ st Bruzzone), Miceli (9′ st Palma), Pedone, Visconti (34′ st Babbi); De Respinis, Maio (9′ st Lamesta). A disp.: Stucchi, Renolfi, Bruzzone, D’Iglio, Maritato, Daniello, Saputo, Galazzi, Cannistrà. All.: Manzo

LE PAGELLE

GROSSETO

Barosi 6 Quando chiamato in causa si fa trovare pronto, il Piacenza è aggressivo ma lui tiene duro.

Polidori 5.5 Insufficiente la prova del terzino destro che commette il fallo da rigore su Lamesta.

Gorelli 6 Sopperisce più volte a qualche errore del suo compagno Ciolli e poi è costretto ad uscire per un fastidio alla coscia (24′ st Raimo 6)

Ciolli 5.5 Qualche disattenzione di troppo che rischia di mettere in pericolo il parziale dell’1-0.

Campeol 6 Sufficiente invece la gara del classe 2000 che non rischia mai di subire troppo sulla sua fascia.

Sersanti 7.5 Sua la rete che mette al sicuro i tre punti dei grossetani, facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto.

Kraja 6 Senza sbavature ma senza neanche chissà quale spunto eccezionale.

Cretella 6 Una partita sobria, ma senza qualcosa di sbalorditivo. Tutto sommato una sufficienza meritata (14′ st Kalaj 6)

Sicurella 6.5 Sempre attento e pericoloso, con inserimenti giusti e buoni spunti (24′ st Vrdoljak 6)

Boccardi 7.5 È lui che sblocca il risultato e fa prendere un po’ di sicurezza ai suoi (24′ st Moscati 6)

Galligani 7 Un buonissimo primo tempo, fatto di incursioni e velocità che fanno sussultare la difesa piacentina (32′ st Merola sv).

All. Magrini 6.5 Porta a casa tre punti importanti per la classifica e per il morale. Quel che serve dopo due brutte sconfitte consecutive.

PIACENZA

Libertazzi 6 Non ci offre le sue solite prodezze, ma sui due gol subiti non poteva fare molto.

Corbari 6 È sempre costante nelle sue prestazioni, ma bisogna dire che nel suo ruolo adattato gioca meglio che a centrocampo, dove è stato spostato nel secondo tempo.

Battistini 6 Forse poteva coordinare e guidare meglio la difesa, vista l’età e l’esperienza, ma il voto individuale è certamente sufficiente.

Martimbianco 5 Un doppio giallo sicuramente sciocco e sicuramente evitabile, ha messo in netta difficoltà i compagni in uno dei momenti migliori della squadra.

Simonetti 5.5 Di solito è più preciso e offre più spunti, oggi sbaglia un po’ di più rispetto al suo standard

Scorza 6 Una buon primo tempo, considerando che era la prima volta da titolare in maglia biancorossa (19′ st Bruzzone 6)

Miceli 6.5 Era da tempo che non si vedeva in campo e possiamo dire che ha fatto leggermente meglio degli altri. Meriterebbe più spazio (9′ st Palma 6)

Pedone 6 Ha delle buone idee e offre anche qualche spunto, però a volte si perde in un bicchier d’acqua.

Visconti 6 Una buona gara che però non lo vede al suo solito massimo (34′ st Babbi 6 tocca pochissimi palloni, ma merita la sufficienza giusto per aver segnato il gol nel finale)

De Respinis 5 Va bene non aver paura di tirare un calcio di rigore, ma farlo con sufficienza non va decisamente bene. Dal suo errore, il Piacenza si sgretola poco alla volta fino al definitivo 2-0.

Maio 6 Buon primo tempo anche per il numero 9, ma si nota che ancora deve recuperare la sua migliore condizione fisica (9′ st Lamesta 7.5)

All. Manzo 5.5 Non si può rosicchiare un punto alla Juventus e poi perdere contro una diretta concorrente. C’è da impartire più una filosofia “Carpe Diem” a questo punto del campionato.

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli