24 Gennaio 2021

Juventus – Pistoiese Serie C: Petrelli è immenso, bianconeri di misura

Le più lette

Gorla Minore Under 14: Francisco Ramirez, il tecnico italo-peruviano alla guida dei 2007 gialloblù

Francisco Ramirez, allenatore dell’Under 14 del Gorla Minore, è in società da un anno, iniziando questo percorso ad agosto...

Lutto a Parabiago e in tutto il calcio legnanese, si è spento Giovanni Di Bello

Calcio legnanese in lutto per la scomparsa, avvenuta nella notte, di Giovanni Di Bello, che da anni lottava contro...

Promozione Lombardia, le società «votano» per non tornare in campo

Dopo la call di lunedì sera dedicata all'Eccellenza, il Comitato Regionale Lombardia ha riunito le società di Promozione per...

Finisce 3-2 tra Juventus e Pistoiese: una partita ricca di spettacolo, con i toscani che sono riusciti a riaprire e lasciare in bilico fino all’ultimo istante una partita che, complice una prestazione di Elia Petrelli davvero da incorniciare, sembrava essere già chiusa a metà del primo tempo.

Le due squadre sono scese in campo da subito determinate: i piemontesi, con l’obiettivo di ribaltare l’andamento non entusiasmante delle ultime gare e tornare alla vittoria in casa, che mancava dalla partita della prima giornata contro la Pro Sesto; gli arancioni, per riprendere coraggio ed allontanarsi con maggiore decisione dalla zona nera della classifica. L’iniziativa, dopo alcuni minuti di studio reciproco tra le due formazioni, viene decisamente assunta dai padroni di casa che si affacciano con insistenza nella metà campo avversaria. E già al 10′ i ragazzi di Zauli cominciano a segnare il tabellino; è infatti una bella azione di Correia, allungatosi a fondo campo, a produrre il cross rasoterra che dà a Petrelli l’occasione di appoggiare sull’angolo destro a portiere battuto, per l’1-0 che sblocca la gara. Ma i bianconeri non sembrano affatto volersi accontentare, in particolare lo stesso Petrelli, alla sua seconda da titolare di inizio gara, che – questa volta a seguito di un uno-due al limite dell’area – si crea la palla del raddoppio personale, messo a segno con un bel tiro angolato su cui non può nulla l’estremo difensore Vivoli. Non c’è neppure il tempo di esultare che Rafia – uno dei più brillanti dei suoi – con un cinismo rapace degno dei migliori goleador, recupera un pallone lasciato vacante da un pasticcio della difesa orange, per poi – questa volta con un gesto di altruismo altrettanto meritevole – appoggiare sulla sinistra al solito Petrelli, che infila la rete che gli vale quanto meno una standing ovation alla prestazione, oltreché forse un biglietto da titolare prenotato per le prossime gare. A questo punto, la partita sembra ormai essere indirizza verso un binario morto. E invece, sotto gli occhi attoniti di Andrea Pirlo – oggi sugli spalti con alcuni collaboratori per ammirare i talenti di quella che avrebbe dovuto essere la sua squadra – la Pistoiese riesce ad emergere con un colpo di reni inaspettato, riaprendo improvvisamente la partita. In particolare, è uno splendido gesto atletico di Cesarini, che coglie la sollecitazione di un lancio in area di Camilleri infilando in rovesciata Israel, a valere il momentaneo 3-1.

Galvanizzati da questa rete, gli ospiti rientrano dagli spogliatoi con un piglio decisamente più aggressivo, e riescono subito a tornare in gol con Mirko Romagnoli, che sfrutta bene una palla bassa arrivata in area da un corner sul lato sinistro. A questo punto, con i bianconeri schiacciati e la Pistoiese più fiduciosa, sarebbe potuto anche arrivare il clamoroso pareggio, se Israel non avesse avuto la splendida freddezza di parare e deviare in corner un bel tiro da fuori area di Valiani, autore della prestazione migliore tra i suoi. Sfumata questa occasione, però, la squadra di Frustalupi sembra perdere progressivamente la brillantezza della prima frazione della ripresa, lasciandosi irretire da un Juventus finalmente ben attrezzata a controllare il risultato. Scorre così senza particolari emozioni l’ultima mezz’ora, al termine della quale i torinesi portano a casa un successo forse più sofferto del necessario, ma in ogni caso meritato.

IL TABELLINO

JUVENTUS-PISTOIESE 3-2
RETI (3-0, 3-2): 10′ Petrelli (J), 24′ Petrelli (J), 28′ Petrelli (J), 32′ Cesarini (P), 3′ st Romagnoli (P).
JUVENTUS (3-4-2-1): Israel 6.5, Delli Carri 6.5, Capellini 6 (39′ st Troiano sv), Coccolo 6.5, Di Pardo 7 (1′ st Barbieri 6.5), Peeters 6.5, Ranocchia 6.5 (14′ st Mosti 6), Correia 7, Fagioli 6.5, Rafia 7 (26′ st Vrioni 6), Petrelli 8. A disp. Nocchi, Rosa Oliveira, Brighenti, Leone, Del Sole, Tongya, Wesley. All. Zauli 7.
PISTOIESE (3-4-2-1): Vivoli 6.5, Romagnoli 7, Camilleri 7 (41′ st Renzi sv), Solerio 6.5, Pierozzi 6.5, Spinozzi 6 (1′ st Mal 6), Cerretelli 6 (34′ st Simonetti sv), Simonti 6, Valiani 7.5 (24′ st Gucci 6), Cesarini 7, Chinellato 6 (34′ st Stoppa sv). A disp. Toselli, Llamas, Mazzarani, Salvi, Giordano, Tempesti, Rondinella. All. Frustalupi 6.5.
ARBITRO: Giaccaglia di Jesi 7.
COLLABORATORI: Martinelli di Seregno  eGiorgi di Legnano.
QUARTO UOMO: De Angeli di Milano.

LE PAGELLE

PAGELLE JUVENTUS

Israel 6.5 Non ha responsabilità particolari sui gol, importante la parata su Valiani.

Delli Carri 6.5 Partita grintosa e fisica, apporto positivo.

Capellini 6 Alcune responsabilità nei gol subiti.

Coccolo 6.5 Fa buona guardia e aiuta nelle ripartenza.

Di Pardo 7 Decisivo nella seconda rete di Petrelli.

1′ st Barbieri 6.5 Entra bene in partita.

Peeters 6.5 Presenza decisa, di grande aiuto nella fase difensiva.

Ranocchia 6.5 Aiuta bene nella metà campo.

Felix Correia 7 Veloce e brillante.

Fagioli 6.5 Buon apporto nella parte avanzata del campo.

Rafia 7 Corre molto e apre spazi, prestazione di rilievo.

Petrelli 8 La partita perfetta: una promessa per il futuro.

All. Zauli 7 I suoi entrano in campo con la giusta determinazione, e anche nel momento più critico riescono a rimanere sufficientemente concentrati.

PAGELLE PISTOIESE

Vivoli 6.5 Subisce tre reti, ma non ha particolari responsabilità su nessuna.

Cerretelli 6 Alcune imprecisioni in copertura.

Valiani 7.5 Leader trascinatore, peccato solo sia mancato il gol.

Spinozzi 6 Gli manca un pizzico di grip.

Cesarini 7 Rete stupenda, da ricordare.

Pierozzi 6.5 Prestazione di sostanza.

Solerio 6.5 Senza eccellere, fa la sua partita.

Romagnoli 7 Tra i migliori dei suoi.

Camilleri 7 Assist prezioso nel primo gol.

Chinellato 6 Un po’ in ombra.

Simonti 6 Propositivo in poche occasioni.

All. Frustalupi 6.5 I suoi non si fanno scoraggiare e riescono quasi a riprendere una partita che sembrava senza scampo; peccato sia mancato un altro pizzico di cattiveria nel finale.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli