18 Giugno 2021

Pergolettese-Lecco Serie C: Iocolano e Marzorati riacciuffano Varas e Scardina, finisce in parità fra gialloblù e blucelesti

Le più lette

Virtus Verona-Albinoleffe Primavera 3: festa a metà per gli orobici, Zoma è straripante

Un Albinoleffe senza pietà supera agevolmente in quel di Verona la Virtus, con cinque gol nel primo tempo e...

Roma-Milan Primavera 1: Zalewski e Tall mettono fine alle flebili speranze playoff dei rossoneri

La Roma di De Rossi regola il Milan con un secco 2-0 e pone fine definitivamente alle residue speranze...

Lascaris-Chisola Under 15: De Robertis in extremis gela i bianconeri, è festa per i vinovesi

L'urlo di Alex De Robertis, la festa del Chisola che inizia quando ormai, in pieno recupero, il 2-2 sembrava...

Quattro gol, tre rigori, un cartellino rosso. Non è mancato nulla nello spettacolare pomeriggio di Crema, nel quale Pergolettese e Lecco si sono divise la posta in palio. Al doppio vantaggio gialloblù, firmato da Varas su rigore e Scardina, gli ospiti hanno risposto con Iocolano, sempre dal dischetto, e la zuccata di capitan Marzorati. Nel mezzo, un altro penalty sbagliato da Duca, che avrebbe potuto chiudere la contesa in favore dei cremaschi. Un pareggio che, alla fine, scontenta un po’ tutti. La squadra di D’Agostino – espulso – perché ha fallito l’aggancio alla Pro Vercelli al terzo posto. E la Pergo, che con una vittoria avrebbe scavalcato il Grosseto al decimo posto. Anche se, come ha più volte ribadito l’allenatore dei gialloblù, l’obiettivo resta la salvezza. Ma nessun verdetto è ancora deciso. Non resta che aspettare il rush finale di campionato che si prospetta rovente.

Uno-due Pergo. Rispetto alla vittoria di tre giorni fa contro la Carrarese, De Paola ritrova Varas e lo lancia dal primo minuto. D’Agostino invece cambia tre undicesimi della formazione che ha battuto la Pistoiese. Dentro Lora, Azzi e Mastroianni, fuori Masini, Mangni e Capogna. Fra le quattro novità, la più impattante è indubbiamente quella dei gialloblù. Infatti, dopo quattordici minuti, è proprio Varas a regalare il vantaggio alla Pergolettese. Cross dalla destra di Bariti, Scardina anticipa Cauz, che lo stende. Longo non tentenna e indica il dischetto. Dagli undici metri va il numero 7 che incrocia e batte Pissardo. Nemmeno il tempo di festeggiare che, centoventi secondi più tardi, i cremaschi si ritrovano nuovamente ad esultare. In contropiede, Duca allarga per Vargas, che di sinistro pesca perfettamente Scardina, il quale allarga il piattone e realizza il suo sesto gol stagionale. Incassato il doppio colpo, il Lecco cambia marcia e va due volte vicino al bersaglio. Prima con Cauz che, dopo una mischia, conclude col mancino, trovando l’opposizione di Ghidotti. Poi con Iocolano, che conclude di destro a rientrare, non centrando lo specchio della porta.

Rimonta Lecco. Nella ripresa, il Lecco è una furia e si getta a capofitto verso la porta avversaria nel tentativo di accorciare le distanze. E l’episodio che riapre la gara arriva dopo appena tre minuti. Contatto in area gialloblù fra Villa e Lora. Per il direttore di gara è ancora calcio di rigore, anche se i dubbi restano. La responsabilità se la prende Iocolano, che opta per lo stesso angolo di Varas, ottenendo lo stesso risultato. I blucelesti continuano a spingere sull’acceleratore e confezionano due enormi occasioni per ristabilire la parità. La prima con Mastroianni, che da due passi si divora di testa il più facile dei gol. La seconda con Azzi che, dopo un coast to coast, conclude con una rasoiata di collo esterno, respinta da Ghidotti. La Pergo, dopo essersi rintanata nella propria metà campo, riprende ad attaccare e al ventesimo minuto si procura un altro tiro dagli undici metri. Punizione dalla destra di Duca, Scardina viene steso in area e Longo assegna per la terza volta la massima penalità. A poter chiudere i conti è proprio Duca, ma la sua conclusione centrale termina alta. E così, dieci minuti più tardi, il Lecco agguanta il pareggio. Angolo di Iocolano, Marzorati tutto solo impatta di testa e imbuca alla sinistra di Ghidotti, regalandosi la prima gioia personale del campionato. Nell’ultimo quarto d’ora, le squadre si allungano alla ricerca del gol vittoria, ma nessuna delle due trova il guizzo decisivo.

IL TABELLINO

PERGOLETTESE-LECCO 2-2
RETI (2-0, 2-2):
14’ rig. Varas (P), 16’ Scardina (P), 3’ st rig. Iocolano (L), 29’ st Marzorati (L).
PERGOLETTESE (4-3-3): Ghidotti 7, Bariti 6, Panatti 6.5, Bakayoko 6.5, Villa 6, Ferrari 5.5 (32’ st Andreoli 5.5), Palermo 6, Duca 5, Kanis 5 (14’ st Faini 6), Scardina 7.5, Varas 7 (14’ st Candela 6). A disp. Labruzzo, Tosi, Lamberti. All. De Paola 6.5.
LECCO (4-3-2-1): Pissardo 6, Celjak 5.5, Marzorati 6.5, Cauz 5.5 (30’ st Merli Sala 6), Capoferri 6 (1’ st Nannini 5), Lora 5.5, Bolzoni 6 (23’ st Mangni 6), Marotta 6.5, Azzi 6, Iocolano 7, Mastroianni 5 (15’ st Capogna 5). A disp. Borsellini, Malgrati, Malinverno, Purro, Emmausso, Nesta, Haidara, Moleri. All. D’Agostino 6.5.
ARBITRO: Longo di Cuneo 6.
ASSISTENTI: Lalomia di Agrigento e Madonia di Palermo.
ESPULSO: 27′ st D’Agostino (L) per proteste.
AMMONITI: Kanis (P), Celjak (L), Nannini (L), Lora (L), Marzorati (L), Scardina (P), Ghidotti (P), Candela (L).

LE PAGELLE

PERGOLETTESE

Ghidotti 7 Zero responsabilità sui gol subiti ed è strepitoso in un paio di circostanze a salvare il risultato.
Bariti 6 Costretto ancora da terzino, dimostra ancora una volta grande impegno, non sfigurando nemmeno oggi.
Panatti 6.5 Sforna da centrale un’altra, ottima prova. Che possa diventare una costante?
Bakayoko 6.5 Bene anche lui. Controlla Mastroianni senza patemi e di testa le prende tutte lui.
Villa 6 Meno propositivo in fase offensiva, si vede fischiare un rigore dubbio a sfavore. Controlla bene la sua fascia in fase difensiva.
Ferrari 5.5 In ombra, probabilmente stanco per il tour de force dell’ultima settimana. Tiene la posizione e poco altro. (32’ st Andreoli 5.5).
Palermo 6 Schierato davanti alla difesa, le manovre offensive della Pergo iniziano tutte da lui, che sbaglia poco e niente.
Duca 5 From hero to zero. Ha l’occasione di vivere una settimana da Dio, ma spara alto il rigore che avrebbe scritto la parola fine alla partita.
Kanis 5 Unica nota veramente stonata della Pergo. Non entra mai in partita e si prende anche un’ammonizione. (14’ st Faini 6).
Scardina 7.5 Segna, gioca di sponda e si procura due rigori. Prova totale, difficile fare meglio.
Varas 7 Non giocava da più di tre settimane e il suo è un ritorno in grande stile. Gol su rigore per sbloccare la gara e assist per Scardina. Pomeriggio super. (14’ st Candela 6).
All. De Paola 6.5 La prepara bene e per poco non sfiora la terza vittoria in sette giorni.

LECCO

Pissardo 6 Incolpevole sui gol, non è chiamato a interventi straordinari.
Celjak 5.5 Prende un colpo ad inizio partita e si innervosisce. Poi torna con la testa in gara, spingendosi poco in avanti e gestendosi bene dietro.
Marzorati 6.5 Meglio in avanti che in difesa. Fatica e non poco a contenere Scardina, ma il primo gol in campionato è pesante e vale il pareggio dei suoi.
Cauz 5.5 Si fa bruciare da Scardina in occasione del primo rigore. Cerca di rimediare all’errore con un sinistro da dentro l’area, ma Ghidotti è attento. (30’ st Merli Sala 6).
Capoferri 6 Ordinato, prestazione sufficiente senza picchi, né verso il basso, né verso l’alto. (1’ st Nannini).
Lora 5.5 Fatica ad imporsi a metà campo. Si propone per impostare, ma poco altro.
Bolzoni 6 Sfrutta la fisicità sulle palle alte e inizia l’azione dei suoi con passaggi precisi. (23’ st Mangni 6).
Marotta 6.5 Il migliore a centrocampo. In continuo movimento, si propone spesso in avanti per dare una soluzione in più.
Azzi 6 Si muove a fisarmonica per non concedere punti di riferimento. Vicino al gol dopo una bella percussione, trova la risposta di Ghidotti.
Mastroianni 5 Mangiato dai centrali difensivi, ha una palla buona in tutta la partita, sciupata malamente di testa da pochi passi. (15’ st Capogna 5).
Iocolano 7 Faro offensivo del Lecco, passano dai suoi piedi tutte le occasioni più pericolose. Freddo dal dischetto per riaprire la gara.
All. D’Agostino 6.5 Ci teneva, come dimostra il rosso per proteste. Alla fine deve accontentarsi del pari.

ARBITRO

Longo di Cuneo 6 Assegna tre rigori. Due per la Pergo, netti, e uno per il Lecco, dubbio. Molto dubbio.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli