14 Aprile 2021

Pistoiese – Como Serie C: Maurizi subito decisivo, interrotta la striscia positiva del Como

Le più lette

Sandro Siciliano: «Moduli fluidi per entrambi, Tindo svaria in avanti. Castagna mattatore»

Borgaro-Aygreville è 4-3-3 vs 4-2-3-1. Il Borgaro in campo con Novallet in porta e la linea difensiva a quattro: Lamantia...

Alpignano, ora è ufficiale Giorgio Manavella dal Lascaris

Giorgio Manavella abbraccia virtualmente l'Alpignano, sua nuova società. Come avevamo anticipato, la società di via Migliarone era in vantaggio...

Fossano-Caronnese Serie D: Coviello apre, Adorni rimonta, 2-2 all’Angelo Pochissimo

Ci ha preso ormai gusto il Fossano di Viassi, che rimonta sulla Caronnese al novantesimo minuto con il risultato...

Dura poco il primo posto in solitaria del Como che si vede sconfitto dalla Lucchese grazie al gol del neo acquisto Samuele Maurizi che si regala un esordio da sogno. Dopo la vittoria sul Renate nel posticipo di Lunedì il Como si presenta al Melani con un solo obiettivo in testa: mantenere il primato appena conquistato e continuare nella striscia di risultati utili consecutivi che dura oramai da 7 giornate. Un compito non facile visto che la formazione in maglia orange è alla ricerca disperata di punti per uscire dalla zona playout. I padroni di casa hanno aperto il 2021 con un vittoria sul Grosseto, un pari e una sconfitta rispettivamente contro Giana e Alessandria. Un rullino di marcia chiaramente opposto a quello degli avversari. Un risultato positivo nella giornata di oggi, contro quella che è la capolista, potrebbe dare un senso all’anno del centenario apertosi con una serie di risultati discontinui e dare una svolta alle sorti della stagione.

Durante la settimana la Pistoiese ha annunciato i nuovi arrivi degli attaccanti Pietro Rovaglia, ex primavera del Chievo, e Samuele Maurizi, ex Carpi, entrambi subito a disposizione del tecnico Riolfo. Il tecnico degli ospiti, Gattuso, assente a causa di un malore avvertito Venerdì, e stato sostituito da Massimiliano Guidetti. Como che, oltre all’assenza del proprio tecnico, ha dovuto fare i conti con le assenze di Germoni, Bertoncini e Terrani. Arruolabile invece l’ultimo acquisto Daniels, esterno d’attacco olandese classe 1994. Rispetto alla vittoria contro il Renate c’è un solo cambio che riguarda il reparto arretrato. Dkidak è recuperato e si riprende subito la maglia da titolare, il resto della squadra non cambia, con le chiavi dell’attacco affidate a Gabrielloni. Nella prima frazione della gara partono forte gli ospiti che nei primi 10′ vanno tre volte al tiro. Al 1′ il Como ha un calcio di punizione dalla sinistra che taglia la trequarti, interviene Valiani che alza un campanile per la facile presa di Perucchini. Pochi minuti più tardi Cicconi va via sulla fascia sinistra, salta l’uomo e mette un pallone fuori area per Arrigoni che arriva da dietro e prova il tiro che però finisce fuori sopra la traversa. Sempre sulla fascia, ma questa volta dall’altra parte, Peli arriva in fondo e mette un pallone che viene messo in corner. Nei primi 10′ la pressione alta dei ragazzi di Guidetti costringe la Pistoiese a palloni lunghi che però sono preda della difesa avversaria.

La squadra di Riolfo, nonostante fatichi a superare la propria metà campo, conquista corner pericoloso affidato a Stoppa, pallone che passa sopra la testa di tutti, arriva Pierozzi che sbuca alle spalle e con una zampata sfiora il vantaggio ospite. Bravo Facchin a rifugiarsi in corner. Gli Orange prendono coraggio e cominciano ad alzare il baricentro, costringendo il Como a rimanere più basso. Al 31′ Gatto sulla sinistra fa tutto bene, resiste alla carica di Salvi e si incunea tra le maglie arancioni, ma sbaglia ingenuamente l’appoggio per l’accorrente Arrigoni. Al 37′ altro pericolo per il Como, azione rapida sull’asse Stoppa-Valiani, il capitano tenta di chiudere al centro, ma Crescenzi è decisivo e allontana con un grande intervento che si tramuta in un capovolgimento di fronte. Il lancio di Crescenzi ispira il contropiede guidato da Cicconi che riesce a servire Gabrielloni, conclusione deviata da Perucchini su cui nessuno degli ospiti si avventa per correggere in rete, la palla finisce ancora a Cicconi che calcia a lato da ottima posizione.

La ripresa vede un Como pimpante e una Pistoiese più attendista, un replay di quanto già visto nella prima frazione. Al 10′ botta e risposta delle due squadre: prima gli Orange si fanno vedere con Chinellato, conclusione rasoterra in diagonale che accarezza il palo. Primi brividi per il Como che rischia tanto in questa circostanza. Rispondono subito i lariani con la conclusione mancina di Ferrari da fuori area, palla alta sulla traversa. Gabrielloni al 15′ si porta vicino al vantaggio: Spinozzi perde una palla sanguinosa a due passi dall’area di rigore, Gatto consegna subito palla al numero 9 che entra in area e spara clamorosamente alto con Perucchini in uscita bassa. Al 26′ insacca Maurizi sulla sponda aerea di Rovaglia, che in area di rigore di testa spizza per il compagno, trovando il varco per il corridoio centrale e tagliando fuori la difesa ospite. Grande debutto per i due nuovi arrivati che firmano il vantaggio a danno della capolista. Giunti alla fine della gara gli ospiti si giocano la carta dei lanci lunghi e al 44′ Ferrari prima si fa murare dalla difesa di casa, e sul proseguimento dell’azione si fa pescare in fuorigioco su sponda aerea di Gatto. Cade a Pistoia la capolista che non riesce ribaltare il vantaggio di Maurizi. Brava la Pistoiese a incartare il gioco del Como e nella ripresa ad alzare la pericolosità offensiva con i due nuovi arrivati, Rovaglia e Maurizi. Tre punti fondamentali che permettono ai ragazzi di Riolfo di uscire dalle zone calde momentaneamente.

IL TABELLINO

PISTOIESE 1-0 COMO 
RETE: 26’st Maurizi (P)
PISTOIESE (4-3-1-2):
Perucchini 7, Simonti 6, Varga 6.5 (32’st Mazzarani sv), Salvi 6, Pierozzi 6.5, Spinozzi 6.5 (37’st Pezzi), Simonetti 6.5, Mal 5 (1’st Maurizi 7), Valiani 7, Stoppa 6.5 (19’st Rovaglia 7), Chinellato 6.5 (37’st Camilleri). A disp. Vivoli, Tempesti, Rondinella, Romani, Renzi, Giordano, Cerretelli, Cavalli. All. Riolfo 7.
COMO (4-2-3-1): Facchin 6, Iovine 5.5, Dkidak 6 (38’st Daniels sv), Solini 5 (37’st Toninelli sv), Crescenzi 5.5, Bellemo 5.5, Arrigoni 6.5 (25’st H’Maidat 5.5), Gatto 5.5, Cicconi 6.5, Peli 6 (43’st Ferrari sv), Gabrielloni 5 (25’st De Nuzzo 5.5). A disp. Bovolon, Celeghin, Bolchini, Soldi, Rosseti, Zanotti, Daniels, Vincenzi. All. Guidetti 5.5.
ARBITRO: Moriconi di Roma 6 Amministra bene la gara che non presenta momenti concitati nella prima frazione di gioco. Nella ripresa adotta un criterio più largo, mancano dei gialli da ambo i lati.
AMMONITI: Simonetti (P), Solini (C), Salvi (P), Ferrari (C), De Nuzzo (C), Maurizi (P).

LE PAGELLE

PISTOIESE

Perruchini 7 Non viene chiamato spesso in causa, i tiri da fuori non preoccupano il ragazzo che al 46′ della ripresa salva il risultato con un intervento strepitoso su Cicconi.
Simonti 6 Grandi pericoli non ci sono, ma si fa sempre trovare nel posto giusto al momento giusto.
Varga 6.5 Prestazione di sostanza per il neo arrivato. Non era la prima da titolare, ma in poco tempo sembra essersi ambientato bene con i compagni di difesa.
Salvi 6 Come tutta la difesa grossi pericoli non ne ha avuti. Concesso qualche tiro da fuori ma non abbastanza pericolosi per impensierire il portiere.
Pierozzi 6.5 Spinge per 90′ e va vicino al vantaggio nel primo tempo. I tempi d’inserimento sono ottimi.
Spinozzi 6.5 Perde un pallone pericoloso nella ripresa davanti alla sua area di rigore, ma questo non lo destabilizza nei successivi minuti. Prestazione di sostanza.
Simonetti 6.5 In mezzo al campo si fa sentire parecchio e ripulisce tanti palloni.
Mal 5 Non di certo un primo tempo da ricordare.
Dal 1’st Maurizi 7 Il suo ingresso alza la pericolosità offensiva della squadra. Oltre al gol che vale i tre punti si prende la scena là davanti insieme a Rovaglia con il quale c’è grande intesa in campo.
Valiani 7 Lotta, si muove su tutto il fronte avversario, nasconde bene la palla e gestisce quando c’è da far rifiatare la squadra. Prova anche la conclusione da fuori, una certezza.
Stoppa 6.5 Tra i più attivi nella prima frazione della gara. Nella ripresa cala fisicamente. Dal 19’st Rovaglia 7 Entra subito in partita, non gli manca personalità e non si tira indietro nei contrasti. Suo l’assist di testa che spiazza la linea difensiva avversaria mettendo Maurizi a tu per tu con Facchin.
Chinellato 6.5 Fa a sportellate là in avanti, tiene alta la squadra e più volte prova la conclusione. Tanto lavoro sporco.
All. Riolfo 7 La squadra è ben messa in campo, le trame di gioco avversarie sono imbrigliate e il Como poche volte si rende veramente pericoloso. I cambi dalla panchina portano quella cattiveria che è mancata nel primo tempo.

COMO

Facchini 6 Sul gol non ha grandissime colpe, per il resto si fa trovare pronto.
Iovine 5.5 Soffre troppo il subentrato Rovaglia, dal quale si fa sorprendere sul colpo di testa che spiazza tutto il reparto.
Dkidak 6 Appena rientrato dall’infortunio, non si poteva chiedere di più. Corre e si dà da fare sulla fascia ma si vede che è ancora indietro di condizione.
Solini 5 Non fornisce la solita sicurezza al reparto arretrato. Prestazione da dimenticare.
Crescenzi 5.5 Prova a tenere a galla il reparto dietro ma manca di cattiveria in alcuni frangenti.
Bellemo 5.5 In mezzo al campo soffre la condizione strepitosa di Valiani, non è preciso come suo solito.
Arrigoni 6.5 In mezzo al campo si nota la sua presenza per la qualità delle giocate, bravo a smistare e a nascondere palla.
Gatto 5.5 Poco incisivo sotto porta. Fatica a trovare spazio tra le linee avversarie.
Cicconi 6.5 È l’ultimo ad arrendersi. Sulla fascia salta l’uomo e corre come se avesse due polmoni. Al 46′ della ripresa si crea da solo l’occasione che avrebbe almeno dato il pari alla sua squadra.
Peli 6 Prestazione discreta, propositivo. Un problema fisico lo costringe a lasciare il campo alla fine del primo tempo.
Dal 43′ Ferrari 5.5 appena entrato si fa ammonire. In avanti non si fa vedere più di tanto).
Gabrielloni 5 L’unica occasione ghiotta degli ospiti passa dai suoi piedi. Pallone però gestito con poca lucidità.
All. Guidetti 5.5 La squadra è rimaneggiata e si vede. I cambi non apportano niente, e ai ragazzi sembra manchi cattiveria e precisione nella costruzione del gioco.

 

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0