12 Giugno 2021

AC Leon-Lumezzane Eccellenza: Bonseri e Jacopo Ferré chiamano, Pinton e Caracciolo rispondono

Le più lette

Antoniana-Accademia BMV Pulcini: non bastano i fantastici gol di Rottini-Tripodi per i giallorossi, spettacolo di Tano, Belli e Tavarone

Dopo le scoppiettanti vittorie delle scorse settimane, Antoniana e Accademia BMV s'incontrano oggi in un match avvincente sin dal primo minuto,...

Gozzano-Sestri Levante Serie D: la fotogallery della partita

Al vantaggio del Sestri Levante il Gozzano risponde con la solita coppia d'assi Sylla-Allegretti. Il 2-1, possibile anche grazie...

Afforese-Cob 91 Esordienti B: Zorzella trascinatore, i rossoblù rispondono con le pazzie di Lisciandrello

I giovani ragazzi di Afforese e Cob 91 hanno portato in campo tanta, tantissima voglia di divertirsi, di impegnarsi...

Lo scontro tra titani nel girone C di Eccellenza va in archivio con un pareggio 2 a 2 ed entrambe le formazioni hanno delle recriminazioni: la Leon per aver sprecato il doppio vantaggio dato dalle reti di Bonseri e Jacopo Ferrè e il Lumezzane per aver dominato per quasi un’ora di gioco senza aver saputo concretizzare in area di rigore, anche per aver trovato di fronte un super Perego in porta, all’esordio stagionale. I bresciani allenati da Marius Stankevicius hanno dimostrato un gran cuore nel recuperare il doppio svantaggio, sull’altro fronte la Leon di Alberto Motta ha compiuto un salto in avanti nel gioco e nello spirito di gruppo. Secondo pareggio per i brianzoli, che settimana scorsa avevano pareggiato sempre per 2-2 nel derby sul campo della Speranza Agrate.

 

Solo Lumezzane. A entrare prima nel clima della grande sfida è il Lumezzane, che vuole provare a metterci sopra subito una ipoteca. E’ proprio bresciano il primo episodio degno di nota, una insidiosa punizione calciata da destra da Pesce, Perego manda in angolo e questo è il prologo della sua giornata ispirata. Gli ospiti fanno girare bene e velocemente il pallone, a cui si unisce una strepitosa condizione atletica che mette in seria difficoltà una Leon fin troppo arrendevole. I bianchi di Motta arrivano spesso in ritardo sul pallone e il signor Esposito, insufficiente la sua direzione di gara, li grazia in un paio di occasioni. Passano un po’ di minuti per registrare un’altra emozione ed è ancora di marca ospite: il Lumezzane si rende molto più pericoloso, punizione a giro di destro di Minotti, grande parata di Perego. È un monologo rossoblù, al 34′ sinistro al volo di Pesce, fuori di mezzo metro con Perego che tira un sospiro di sollievo. Finalmente la Leon batte un colpo, primo calcio d’angolo dopo i sei battuti dal Lumezzane, precisa palla scodellata in mezzo all’area da Biraghi per l’incornata quasi solitaria di Bonseri, pallone sul fondo di poco. La parità non si schioda e squadre al riposo sullo 0-0, con il Lumezzane che avrebbe meritato qualcosa in più contro una Leon che subisce troppo e ha la forza di ripartire in contropiede.

 

Botte e risposte. La probabile strigliata di Motta negli spogliatoi ha il suo effetto e la Leon alza il baricentro per non farsi schiacciare ancora da un Lumezzane che, comunque, non rinuncia a far gioco e a spingere sull’acceleratore. Inverardi all’8′ spara dal limite, Perego respinge a mani aperte. Il calcio è uno sport strano e al 10′ in pochi secondi la partita cambia padrone: corner per il Lumezzane, pallone respinto che sembra facile preda di Inverardi, ed invece il n.7 rossoblù fa un liscio clamoroso, da cui parte il contropiede della Leon, pallone a Paparella sulla sinistra e traversone immediato per Bonseri, Dadson la devia soltanto di testa eludendo l’uscita di Kaloudis e apparecchiando per il tocco a porta vuota di Bonseri, alla quinta marcatura in stagione. Il Lumezzane reagisce quasi immediatamente e Inverardi prova a rifarsi al 13′ con un pallonetto. Strepitosa parata di Perego. Nella seconda metà della ripresa a diventare protagonisti sono i giocatori inseriti in campo sia da Motta sia da Stankevicius. Jacopo Ferrè al 28′, soltanto due minuti dopo aver sostituito Leotta, porta sul 2-0 l’undici di casa con un rasoterra precisissimo da 25 metri. Il Lumezzane ha il pregio e la fortuna di accorciare le distanze già al 30′ con un colpo di testa di Pinton da azione da calcio d’angolo e la partita promette un finale incandescente. Così, al 43′, Serpelloni, che Stankevicius aveva inserito sempre al 26′ al posto di Razzitti, colpisce quasi perfettamente di testa da cinque metri palo pieno e Caracciolo la mette dentro per il 2-2, risultato con cui va in archivio questa emozionante sfida.

IL TABELLINO

LEON-LUMEZZANE 2-2
RETI: 10′ st Bonseri (Le), 28′ st J. Ferré (Le), 30′ st Pinton (Lu), 43′ st Caracciolo (Lu).
LEON (4-2-3-1): Perego 7.5, Marzullo 7, Cereda 6.5 (48′ st G. Villa sv), Leotta 6.5 (26′ st J. Ferré 7), Calloni 6, Venza 6, A. Ferré 5.5 (18′ st Ronchi 6), Achenza 6, Bonseri 6.5 (43′ st Marinoni s.v.), Biraghi 5.5, Paparella 6 (26′ st Schiavo 6). A disp.: Martignoni, Gasperini, Ferrario, Moreo. All. Motta 6.5.
LUMEZZANE (4-3-1-2): Kaloudis 6, Zungno 7, R. Villa 6, Politti 6.5, Pinton 7, Pesce 7, Inverardi 5.5 (21′ st Padernu 6), Dadson 6.5, Caracciolo 6.5, Minotti 6, Razzitti 6 (26′ st Serpelloni 6.5). A disp.: Agliardi, K. Stankevicius, Giosu, Fattori, Zullo, Straolzini, Barbieri. All M. Stankevicius 6.5.
ARBITRO: Esposito di Bergamo 5.5.
ASSISTENTI: Cicognani di Busto Arsizio e Mavelli di Milano.
AMMONITI: Venza, Marzullo, Ronchi (L), Pesce, Kaloudis, Politti (Le).

LE PAGELLE

 

LEON
Perego 7.5 Titolare per la prima volta in stagione, dimostra di non essersi arrugginito, su Pinton e Caracciolo non poteva proprio nulla.
Marzullo 7 Giovane dall’ottimo futuro, deciso negli interventi difensivi e per nulla timoroso di spingere sulla fascia.
Cereda 6.5 Soffre a non fluidificare quando la squadra è schiacciata in difesa, nella ripresa spinge come tutti i compagni
Leotta 6.5 Fa da barriera davanti alla difesa e si propone anche nell’impostare il gioco.
26′ st J. Ferré 7 È «caldissimo» e passano soltanto 120 secondi da quando entra a quando infila Kaloudis con un preciso rasoterra.
Calloni 6 Partita complicata contro Caracciolo e Razzitti, usa l’esperienza e le maniere forti.
Venza 6 Prestazione gemella di quella del compagno Calloni; qualche rudezza di troppo ma sufficienza raggiunta.
A. Ferré 5.5 È lasciato solo in attacco e contro la strutturata difesa rossoblù paga un gap fisico
18′ st Ronchi 6 Entra al posto di Andrea Ferré ma si mette nella posizione di Bonseri, creando qualche grattacapo alla difesa ospite.
Achenza 6 Si muove molto in mezzo al campo e per questo motivo paga dazio nella precisione nei passaggi.
Bonseri 6.5 Prestazione in crescendo del bomber di Motta, si fa trovare pronto all’appuntamento; quinto gol stagionale.
Biraghi 5.5 Ha il solito radar nei lanci, però non appare al meglio come condizione fisica; deve lavorare ancora un po’.
Paparella 6 Meno performante della settimana scorsa, doppietta nel derby; lascia il segno con l’assist per Bonseri.
26′ st Schiavo 6 Qualche iniziativa interessante quando è buttato nella mischia..
All. Motta 6.5 Cambia marcia alla Leon con una strigliata nell’intervallo.

 

LUMEZZANE VGZ
Kaloudis 6 Non ha molto lavoro, è messo fuori tempo da Dadson sull’azione del vantaggio della Leon.
Zungno 7 Blocca Paparella e non disdegna di gettarsi all’attacco sulla fascia destra.
R. Villa 6 Vince il duello con Bonseri nei 45 minuti iniziali, lo perde nella seconda frazione di gioco.
Politti 6.5 Dirige la difesa con estrema autorevolezza e sa usare le maniere forti quando servono.
Pinton 7 Rendimento simile al compagno di reparto Politti, impreziosito dall’inzuccata che batte Perego e ridà speranza al Lumezzane.
Pesce 7 Centrocampista onnipresente e con un piede sinistro «educato» con cui fa quello che vuole.
Inverardi 5.5 Alle spalle della coppia d’attacco Caracciolo-Razzitti ha delle buone invenzioni ma ha il peccato del liscio incredibile da cui parte l’azione del vantaggio della Leon.
21′ st Padernu 6 Ci mette cuore e grinta quando subentra a Inverardi, mette il suo mattoncino nella rimonta.
Dadson 6.5 Centrocampista completo, fisicità unita a una buona tecnica di base; gli manca qualche centimetro per fermare il traversone di Paparella per Boneri.
Caracciolo 6.5 L’Airone gioca soprattutto per la squadra, però quando si mette in proprio timbra il pareggio.
Minotti 6 Si affida soprattutto alle qualità tecniche per sopperire a una mobilità ridotta.
Razzitti 6 Con Caracciolo forma una coppia d’attacco possente, è soltanto poco presente al tiro.
26′ st Serpelloni 6.5 Sostituzione decisiva per Stankevicius, il suo colpo di testa che sbatte sul palo porta alla rete di Caracciolo.
M. Stankevicius 6.5 Una formazione manovriera e anche con tanto cuore.

 

ARBITRO
Esposito di Bergamo 5.5 Direzione di gara insicura.

 

LE INTERVISTE

AC LEON
È stata una Leon dai due volti, rinunciataria fino al 45′, intraprendente e vicina ai tre punti nella ripresa. «Nel primo tempo abbiamo fatto molta, troppa fatica contro una squadra forte e preparata sul piano fisico, gli abbiamo concesso troppi spazi e siamo stati fortunati a essere andati al riposo in parità – ha dichiarato l’allenatore della Leon Alberto Motta -. Nell’intervallo ho chiesto ai miei ragazzi di cambiare atteggiamento, di essere più coraggiosi e osare con le ripartenze; mi hanno ascoltato e siamo andati addirittura sopra di due gol. Purtroppo abbiamo subito il recupero del Lumezzane, stavamo assaporando i tre punti». Risultato fotocopia della domenica precedente contro la Speranza Agrate: «È un altro rammarico, però si tratta di due prestazioni diverse, contro il Lumezzane abbiamo sprecato il doppio vantaggio ma hanno dimostrato di essere una squadra forte, contro la Speranza ci siamo fatti sorprendere in superiorità numerica». Anche per Alessandro Paparella, autore dell’assist per la rete dell’1-0 di Bonseri sono da rimarcare la prestazione nel secondo tempo e la delusione per aver sprecato un vantaggio di due gol: «Dopo un primo tempo difficilissimo, siamo rientrati in campo con un altro piglio e abbiamo sfruttato le nostre abilità in contropiede e appunto da un’azione di questo tipo è nato il gol di Bonseri su mio assist, e lì la partita è cambiata con il raddoppio di Jacopo Ferré sembrava che l’avessimo in pugno e invece ci hanno recuperato ed è la seconda vota di fila che succede».

LUMEZZANE
Un Lumezzane quasi perfetto per quasi un’ora di partita in casa della capolista Leon ha rischiato di tornare a casa dal «Comunale» di Vimercate con le pive nel sacco, recuperando almeno un punto in Zona Cesarini con la rete del definitivo 2-2 siglata dall’Airone Andrea Caracciolo. «Abbiamo avuto in mano la partita per tutto il primo tempo e nella fase iniziale della ripresa – ha spiegato a fine partita il tecnico Marius Stankevicius, la manovra era fluida e stavamo bene fisicamente, mancava soltanto il gol. Purtroppo al primo errore commesso la Leon ci ha punito e ci siamo ritrovati a inseguire, e abbiamo anche preso il 2-0. A quel punto del match i miei ragazzi hanno saputo reagire, non so quante altre squadre sarebbero riuscite a risalire da 2-0 a 2-2. Dobbiamo mantenere questo atteggiamento sino alla fine del campionato per raggiungere la più alta posizione possibile» I cambi sono stati importanti. «Chi è entrato in campo a partita in corso ha giocato con la stessa intensità di chi aveva cominciato la partita e il loro apporto è stato fondamentale per raggiungere il pareggio». Sono due punti persi o uno guadagnato? Il tecnico commenta: «Possono essere valide entrambe le teorie, per come il Lumezzane aveva impostato la partita e giocato per buona parte della gara possono considerarsi come due punti persi perché potevamo fare bottino pieno; per come si era messa la partita nel secondo tempo è certamente un punto guadagnato perché a due minuti dal novantesimo eravamo ancora sotto nel punteggio».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli