22 Giugno 2021

Alcione-Rc Codogno Eccellenza: si conferma ancora Selpa, la banda Albertini non si ferma più

Le più lette

Il Cantello Belfortese cambia volto: è Massimo Miglioli il nuovo direttore sportivo dei biancorossi

Una società che punta su un progetto nuovo ed ambizioso, capace di ridare slancio dopo annate non semplici, ed...

In Val d’Aosta nasce il River Plaine, Fenusma e Quart si uniscono

Far fronte comune per ovviare alle difficoltà di questo periodo e costruire un futuro roseo all’insegna della comunione d’intenti....

Come a Besnate, anche a Vergiate un torneo provinciale con squadre del Piemonte

Nelle riunioni federali - almeno fino a quando si sono svolte - riguardo i tornei è sempre stato ricordato...

Terza vittoria consecutiva per l’Alcione del tecnico Albertini, che porta a casa tre punti preziosissimi dopo una partita di battaglia e di sofferenza contro un buon Codogno. Gli arancio-blu reggono così il ritmo del Varzi e si mantengono ad una sola lunghezza di ritardo, in attesa dello scontro diretto di domenica prossima. Non riescono invece a dare continuità alla vittoria contro il Sangiuliano gli uomini di El Sheikh, usciti sconfitti ma con numerosi segnali incoraggianti; il girone non è lungo, ma le possibilità di risalire la classifica ci sono ancora. Una sola novità per parte, rispetto alle formazioni di sette giorni fa: per i padroni di casa a metà campo rientra Grossi e si prende subito una maglia dal primo minuto, mentre finisce in panchina Truzzi. Un cambio anche per il Codogno, che non ha a disposizione Rantier per squalifica, sostituito nell’occasione da Bertocchi.

Ancora Selpa. La partita mette in mostra sin da subito grande intensità e grande organizzazione da parte di tutte e due le squadre: nessuno molla mai un contrasto e i duelli, soprattutto a metà campo, sono molto numerosi. Le occasioni inizialmente latitano, ci vuole così un episodio a sbloccare il match: l’Alcione guadagna parecchi angoli in pochi minuti e da uno di questi arriva il gol del vantaggio. Batte Lacchini, la difesa del Codogno perde la bussola e il più sveglio è Selpa, che di testa buca un incerto Cioffi. Conferma quindi le grandi dote realizzative, il 9 dei padroni di casa, dopo il gol decisivo di una settimana fa in casa del Club Milano. La partita rimane molto tattica, con leggero predominio dei ragazzi di Albertini, mentre gli ospiti non riescono mai ad innescare le ali Bi Zamble e D’Aniello. Entrambe le compagini faticano però a mantenere il possesso, con molti duelli individuali che portano a palloni vaganti che non vengono però gestiti, con preferenza al non rischiare nulla. Le occasioni così sono molto poche: ci prova Salzano in ripartenza, ma non angola abbastanza la conclusione. Nel finale Grossi sfiora l’incrocio con bella conclusione dalla distanza e Bertocchi non sfrutta un buon cross, mettendo alto di testa.

Lotta continua, ne esce meglio l’Alcione. Dagli spogliatoi, dopo l’intervallo, esce un Codogno molto agguerrito, che alza ulteriormente la pressione offensiva e mette in difficoltà in più occasioni la difesa di casa. Ci provano immediatamente Pezzi e D’Aniello, che trovano pronto Ruzzoni; il portiere dell’Alcione è poi splendido nel deviare in angolo un destro angolato di D’Aniello, che con le sue iniziative mette in crisi la retroguardia avversaria. Dopo i primi minuti di fuoco, però, la squadra di Albertini si riorganizza e, pur mantenendo una strategia maggiormente difensiva, blocca tutte le iniziative ospiti e non lascia spazio al Codogno per fare male. È cinico, poi, l’Alcione, a trovare il raddoppio a metà ripresa alla prima occasione utile: sugli sviluppi di una punizione, la torre di Valenti viene messa fuori male dalla difesa del Codogno e sul secondo palo è ancora Selpa, sempre di testa, a trovare la rete. Trovato il 2-0, Albertini chiede ai suoi di gestire il possesso e di cercare di addormentare il ritmo: l’idea pare funzionare, perché il Codogno non riesce a farsi pericoloso dalle parti di Ruzzoni né a creare i presupposti per arrivare alla conclusione. Dal nulla, però, un altro episodio; Negri tocca col braccio un pallone vagante e per Gambirasio è automatico concedere il rigore. Dal dischetto si presenta Bi Zamble, che è precisissimo e ridà speranze ai suoi. La stanchezza ha però la meglio e i ragazzi di El Sheikh non riescono farsi minacciosi dalle parti di Ruzzoni.

IL TABELLINO

Alcione-RC Codogno 2-1
RETI (2-0,2-1): 10’ Selpa (A), 26’ st Selpa (A), 37’ st rig. Bi Zamble (C).
ALCIONE (4-3-1-2): Ruzzoni 7, Della Volpe 6.5, Negri 5.5, Moratti 6 (18’ st Truzzi 6.5), Filadelfia 7, Volpini 6.5, Salzano 5.5 (19’ st Valenti 6.5), Mauri 6.5, Selpa 7.5 (27’ st Orlandi sv), Grossi 5.5 (7’ st Giugno 5.5), Lacchini 6 (34’ st Scaramuzza sv). A disp. Festinese, Cornaggia, Guedegbe, Carlini. All. Albertini 7.
RC CODOGNO (4-3-3): Cioffi 5.5, Bernazzani 6.5, Bernardini S. 6, Mastrototaro 6.5, Castellana 6 (24’ Mavrov 5.5), Giavardi 6, Dragoni 6.5, Pezzi 5.5, D’Aniello 6.5, Bertocchi 5.5 (21’ st Imprezzabile 6), Bi Zamble 6.5. A disp. Castagnetti, Compierchio, Troka, De Matteo, Mazzi, Porati, Gazzola. All. El Sheikh 6.
ARBITRO: Gambirasio di Bergamo 6.5.
ASSISTENTI: Monardo di Bergamo e Flaccadori di Bergamo.
AMMONITI: Volpini (A), Dragoni (C), Negri (A), Bernazzani (C), Scaramuzza (A), Bi Zamble (C), Ruzzoni (A).

LE PAGELLE

ALCIONE
Ruzzoni 7 Meraviglioso nell’intervento su D’Aniello a inizio ripresa; intuisce anche il rigore di Bi Zamble, non riuscendo però ad arrivare. Sempre sicuro nelle uscite.
Della Volpe 6.5 Soffre a inizio ripresa le iniziative di D’Aniello, ma non crolla mai. Partita in crescendo, concentrato ed attento negli interventi.
Negri 5.5 Un po’ nervoso, si propone con costanza ma non è mai preciso negli appoggi. Ingenuo nell’allargare il braccio e concedere il rigore della rete avversaria.
Moratti 6 L’Alcione fa poco possesso, specialmente nel primo tempo, e lui fatica a prendere in mano le redini del gioco. Sempre grintoso nel lottare.
18’ st Truzzi 6.5 Entra con grande piglio e vince tanti duelli a metà campo. Va anche alla conclusione, sempre in movimento.
Filadelfia 7 Concede le briciole sia a Bertocchi sia a Zamble Bi. Grande aggressività, ma anche tanta correttezza; gran capitano.
Volpini 6.5 Si fa condurre da Filadelfia e non sbaglia nulla. Non sempre pulito tecnicamente, è però molto bravo nelle letture.
Salzano 5.5 Non riesce ad accendere la luce, oggi, faticando a trovare la posizione giusta e a trovare qualità nelle giocate.
19’ st Valenti 6.5 Inserito per tenere su palla, lotta con grinta su ogni e vince numerosi contrasti; offre sponde preziose, ottimo ingresso.
Mauri 6.5 Sempre grande qualità, non ha il ritmo o la velocità degli altri, ma rimedia con intelligenza e sapienza. Tatticamente preziosissimo.
Selpa 7.5 Due palloni utili e due reti segnate; non ha a disposizione altre occasioni, ma bastano quelle per condurre i compagni alla vittoria. (27’ st Orlandi sv).
Grossi 5.5 Al rientro dal primo minuto, non regge però l’intensità del match e fatica a tenere il ritmo. Partita di sofferenza.
7’ st Giugno 5.5 Un po’ timido, fatica a proporsi e al tempo stesso non aiuta granché Della Volpe. Qualche errore di troppo a livello tecnico.
Lacchini 6 Svaria tra metà campo e trequarti offensiva, faticando però a mettere in mostra la propria qualità. Anche lui più di lotta che di governo (34’ st Scaramuzza sv).
All. Albertini 7 Ottimo primo tempo, a inizio ripresa la squadra soffre la pressione e l’atteggiamento aggressivo del Codogno. Reagisce però con grande organizzazione e attenzione, portando a casa la terza vittoria consecutiva e candidandosi ad un campionato di vertice.

RC CODOGNO
Cioffi 5.5 Non impegnato in tante parate, è però incerto in occasione della prima rete dell’Alcione. Non offre sicurezza alla propria difesa.
Bernazzani 6.5 L’Alcione attacca maggiormente dalla sua parte, sfruttando le sovrapposizioni di Negri. Lui però non sbanda mai e, anzi, non concede quasi nulla.
Bernardini S. 6 Partita di attenzione e diligenza, non spinge quasi mai ma tiene bene la posizione ed in difesa non soffre.
Mastrototaro 6.5 Sfrutta il fisico nelle lotte a metà campo, è sempre prezioso con calci piazzati ben battuti e pericolosi.
Castellana 6 Fatica contro Selpa ad anticiparlo, deve abbandonare presto la contesa per un problema fisico.
24’ Mavrov 5.5 Rude negli interventi, non sempre è preciso ed attento nelle letture e nel posizionamento difensivo.
Giavardi 6 Privo del compagno di reparto Castellana, fatica inizialmente a prendere le misure. Non crolla però mai, con una partita di attenzione e costanza.
Dragoni 6.5 Dei tre centrocampisti, è quello che si inserisce maggiormente e che crea problemi alla difesa dell’Alcione. Non riesce però a trovare la porta o a creare minacce a Ruzzoni.
Pezzi 5.5 Perde tanti contrasti a metà campo, faticando al contempo a proporsi in avanti. Gara con più ombre che luci.
D’Aniello 6.5 Primo tempo anonimo, ad inizio ripresa crea tanti problemi alla difesa ospite, con movimenti a tagliare dentro il campo e ad impegnare Ruzzoni nella parata più difficile della sua partita.
Bertocchi 5.5 Sostituisce lo squalificato Rantier, ma non mostra la stessa qualità e non riesce mai ad accendersi, né al centro dell’attacco né largo a destra.
21’ st Imprezzabile 6 Prova a mettere intensità e grinta nelle giocate, non è mai pericoloso però in zona offensiva.
Bi Zamble 6.5 Ben contenuto sia quando parte come ala destra, sia quando viene spostato a fare la prima punta. Nervoso, ha però il merito di essere freddo e preciso nel trasformare il rigore della speranza.
All. El Sheikh 6 Primo tempo che non conferma le ottime impressioni di sette giorni fa; la squadra reagisce bene nel secondo tempo, ma a parte le occasioni iniziali non riesce mai ad arrivare alla conclusione. Esce comunque a testa alta, su un campo difficile.

ARBITRO
Gambirasio di Bergamo 6.5 Lascia correre un po’ troppo, non ravvisando gli estremi del fallo su contatti a volte anche duri. Non perde mai però il controllo della gara ed è corretto il fischio che porta al rigore.

LE INTERVISTE

 Il tecnico dell’Alcione Albertini commenta con soddisfazione la vittoria odierna, che dà continuità ai successi precedenti: «Oggi è stata una partita combattuta, come lo saranno tutte fino alla fine. La rosa è profonda, i cambi aiutano a mantenere alto il livello. Oggi abbiamo messo in campo poca qualità, ma abbiamo dimostrato di saper soffrire e abbiamo giocato tante partite nella stessa partita». In vista del big match di settimana prossima col Varzi, aggiunge: «Dobbiamo prepararci al meglio, è stimolante andare sul campo della prima in classifica a giocarci le nostre chance».

Dall’altra parte El Sheikh invece analizza così la prestazione dei suoi: «Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, rispetto a settimana scorsa abbiamo sbagliato approccio e abbiamo regalato un tempo all’Alcione. A questi livelli è poi difficile recuperare, gli errori si pagano caro». Sugli obiettivi di questo campionato, aggiunge: «Viviamo di partita in partita, cercando di risalire un po’ di posizioni».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli