25 Giugno 2021

Brianza Olginatese-Castanese Eccellenza: uragano bianconero, Pizzini cala il tris e rilancia Arioli

Le più lette

Pergolettese Under 17: Michele Riboli, Gabriele Tacchinardi e Gabriele Pessolani alla guida del sogno proibito gialloblù

L'ultimo atto domenica pomeriggio in quel di Renate, in una partita che per la Pergolettese Under 17 può valere...

Giovanile Centallo, calciomercato senza freni: ufficializzato anche Michael Martino

Settimana di fuoco per quanto riguarda il calciomercato centallese: il Direttore Sportivo Samuele Parola ha messo a segno un...

Bruinese Prima Categoria: Stefano Sansò lascia il ruolo di Dg

Stefano Sansò non è più il Direttore Generale della Bruinese. Una separazione, quella tra l’ormai ex dirigente e la...

La Brianza Olginatese spazza via la Castanese imponendosi con il risultato rotondo di 5-0. Dopo la sconfitta di domenica scorsa con la Base 96, i lecchesi si rialzano immediatamente e mandano un messaggio chiaro a tutte le pretendenti al primo posto. Invece i neroverdi restano ancora a secco di gol, dopo aver pareggiato 0-0 con l’Ardor Lazzate nel turno precedente. La gara non è praticamente mai in discussione, con i padroni di casa che mantengono il controllo del match per la totalità dei 90 minuti. Il mattatore dell’incontro è Pizzini, autore di una tripletta da vero bomber; a completare il tabellino sono le reti di Segato (su rigore) e del subentrato Del Re.

Un brutto quarto d’ora. La Brianza Olginatese parte subito con spirito propositivo, cercando di fare la partita e di schiacciare gli avversari nella loro metacampo. La Castanese risponde con un atteggiamento più attendista, lasciando il pallino del gioco ai bianconeri e stando pronta a ripartire. Ad ogni modo, la tattica applicata dai milanesi non regge e infatti appena al 9’ arriva la rete dello svantaggio: Segato tra le linee serve Pizzini con un tocco delizioso a scavalcare la difesa, il centravanti locale impatta al volo e insacca alle spalle di Mainini. L’1-0 non modifica i piani delle due squadre, le quali continuano con le rispettive strategie. In occasione di un contropiede neroverde, Nicola Viganò è bravissimo a fermare tutto con una scivolata; sul ribaltamento di fronte vola sulla destra Bellingheri, il numero 7 crossa al centro dove Pizzini, con uno splendido colpo di tacco, spinge la sfera nel sacco e al 14’ fa già 2-0. Subito il secondo gol, gli uomini di Garavaglia (nel frattempo espulso per proteste) cambiano il proprio atteggiamento, tentando di ribaltare l’inerzia del match attraverso una spinta più insistente e una costruzione del gioco da dietro. Tuttavia, la mossa applicata non produce i frutti sperati, con la compagine lecchese che gestisce il doppio vantaggio con sicurezza e, anzi, impedisce agli ospiti di rendersi veramente pericolosi. Infatti, gli unici tentativi dei neroverdi sono delle conclusioni da fuori che non impensieriscono Esposito.

Pratica in archivio. Al rientro dagli spogliatoi i ragazzi di Arioli ripartono nuovamente con lo spirito giusto, mostrando la stessa fame con cui avevano approcciato la gara. La pressione insistente manda in difficoltà la formazione milanese, la quale non riesce – come accaduto nella prima frazione – a trovare le contromisure adatte per opporsi agli avversari. Inevitabilmente, la ritrovata spinta bianconera porta alla terza rete: al 7’ lo scatenato Pizzini entra in area, a tu per tu con Mainini decide di saltarlo, costringendo l’estremo difensore a travolgerlo e a commettere fallo da rigore. Dagli undici metri si presenta Segato che, con estrema freddezza, spiazza il portiere e sigla il tris. Sotto di tre, gli ospiti provano a reagire cercando di imbastire un disperato tentativo di rimonta. A dare una piccola scossa e a portare vivacità tra le fila neroverdi sono i subentrati Annoni e Leontini, che generano pericolosità con alcune conclusioni dalla distanza e con incursioni interessanti. Il momento propositivo della Castanese dura poco, dato che al 18’ arriva la stangata decisiva che spegne ogni speranza di recuperare il match: Perini trova Pizzini smarcato al limite dell’area, quest’ultimo riceve e calcia di contro balzo, spedendo il pallone all’angolino senza dare scampo a Mainini. Il 4-0 taglia definitivamente le gambe ai milanesi, che comunque vanno vicini al gol della bandiera con Milani. A cinque minuti dal termine, i neoentrati Fall e Del Re si iscrivono al tabellino rispettivamente con un assist e una rete. Il numero 17 si scatena sulla corsia di destra e serve al centro Del Re, il numero 19 calcia come un rigore in movimento e trafigge il portiere ospite, calando la “manita”. Si conclude dunque l’incontro, regalando tre punti e morale alla Brianza Olginatese; mentre per la Castanese sarà importante resettare immediatamente, ripartendo già dalla gara di domenica prossima con la Base 96.

Brianza Olginatese-Castanese Eccellenza rigore Segato
Nicola Segato, Brianza Olginatese, ai appresta a battere il rigore del 3-0.

IL TABELLINO

BRIANZA OLGINATESE-CASTANESE    5-0
RETI: 9’, 14’ e 18’ st Pizzini (B), 9’ st rig. Segato (B), 39’ st Del Re (B).
BRIANZA OLGINATESE (4-4-2): Esposito 6, Brini 6, Guanziroli 6.5, Viganò N. 7 (16’ st Manara 6), Perini 7 (22’ st Citterio 6), Viganò M. 6.5, Belingheri 7.5 (31’ st Fall 6.5), Segato 7.5 (32’ st Colombo sv), Berberi 6.5, Pizzini 8.5 (20’ st Del Re 7), Panzetta 7. A disp. Jusufi, Contrastato, Bonella, Rada. All. Arioli 7.5.
CASTANESE (4-3-3): Mainini 5, D’Aversa 5.5, Vacirca 5, Becchi 6, Rorato 5.5 (21’ Pellegatta 5.5), Martelli 6 (16’ st Azzarone 6), Greco 6, Cotugno 5.5 (14’ st Leoni 6), Bozzi 5 (8’ st Leontini 6.5), Binaghi 5 (8’ st Annoni 6.5), Milani 5.5. A disp. Puglielli, Bartoli, Perotta, Gomaa. All. Garavaglia 5.
ARBITRO: Radice di Cinisello Balsamo 6.
ASSISTENTI: Bevilacqua di Bergamo e Savoldi di Brescia.
AMMONITI: Pellegatta (C), Vacirca (C), Citterio (B).
ESPULSO: 15’ All Garavaglia (C).

 

LE PAGELLE

BRIANZA OLGINATESE
Esposito 6 Non deve compiere interventi di rilievo, solo ordinaria amministrazione. Attento sulle uscite alte.
Brini 6 Non si mette particolarmente in mostra con giocate eccellenti, tuttavia fa il suo disputando una prova difensiva diligente.
Guanziroli 6.5 Soprattutto nel primo tempo, spinge in modo insistente con interessanti sovrapposizioni sull’out di destra.
Viganò N. 7 Sempre concentrato, risulta difficilmente superabile in dribbling. Parecchio caparbio ed efficace quando, con la sua scivolata, dà il via all’azione che genera il 2-0.
16’ st Manara 6 Entra per contenere le avanzate avversarie, esegue ciò che gli viene chiesto.
Perini 7 Metronomo, si occupa di smistare i palloni nella zona nevralgica del campo. Nel gol del 4-0 c’è il suo zampino. (22’ st Citterio 6).
Viganò M. 6.5 Fa partire l’azione da dietro, impostando con personalità. Dirige i compagni con indicazioni continue.
Belingheri 7.5 Un treno ad alta velocità che sfreccia sulla corsia di destra per oltre un’ora di gioco. Veramente imprendibile quando parte palla al piede; fornisce l’assist per la seconda rete.
31’ st Fall 6.5 Sostituisce bene il compagno, continuando ciò che il numero 7 aveva iniziato. Tutto questo permette anche a lui di sfornare un bell’assist per Del Re.
Segato 7.5 Delizia gli spettatori presenti con giocate di alta qualità a centrocampo. Regala un cioccolatino a Pizzini, il quale deve semplicemente “scartare la carta” per siglare l’1-0. (32’ st Colombo sv).
Berberi 6.5 Gara di sacrifico con parecchie sponde e lavoro sporco per aiutare la squadra. L’appuntamento con il gol è rimandato alla prossima giornata.
Pizzini 8.5 Graffia irreparabilmente la partita con una tripletta da attaccante di livello assoluto. Per non farsi mancare nulla, si procura pure il rigore che Segato trasforma. Si può chiedere di più?
20’ st Del Re 7 Entra e segna, il suo l’ha sicuramente fatto.
Panzetta 7 Da lodare sia per il contributo in fase offensiva, ma soprattutto per quello in fase difensiva, dove ripiega di continuo per assistere i compagni in copertura.
All. Arioli 7.5 Vittoria nettissima e mai in discussione, i suoi incanalano il match sul versante giusto fin dai primi minuti. La risposta che ci si aspettava dopo la sconfitta con la Base 96 è arrivata.

CASTANESE
Mainini 5 Subisce 5 reti e, anche se non ha evidenti responsabilità (a parte sul rigore causato da lui stesso), non fa praticamente nulla per evitarle.
D’Aversa 5.5 Sulla sua fascia si subisce meno che sull’altra, ma questo non gli garantisce la sufficienza.
Vacirca 5 Parecchio nervoso durante il corso della partita; viene saltato ripetutamente da Belingheri. Unica nota positiva, le poche sgroppate effettuate nel secondo tempo.
Becchi 6 Il più positivo della retroguardia, se non altro non molla mai e prova a proporsi in avanti con qualche cavalcata.
Rorato 5.5 Costretto ad uscire dopo 20 minuti per un infortunio muscolare, tuttavia fino a quando è in campo segue nella confusione generale il resto della squadra.
21’ Pellegatta 5.5 Anche lui mostra di essere abbastanza in difficoltà, anche se entra quando la situazione è già complicata.
Martelli 6 La grinta non gli manca di certo. Si getta con foga agonistica sugli avversari nel tentativo di recuperare palloni.
16’ st Azzarone 6 Porta un po’ di ordine a centrocampo.
Greco 6 Il capitano è uno dei pochi a raggiungere la sufficienza, in quanto mette l’aggressività necessaria fino all’ultimo istante.
Cotugno 5.5 Ha il compito di organizzare la manovra neroverde, ci riesce parzialmente. Impreciso sui corner battuti. (14’ st Leoni 6).
Bozzi 5 La buona volontà la mostra, però non riesce mai a creare nulla di veramente pericoloso e concreto.
8’ st Leontini 6.5 Alla fine probabilmente è lui il migliore tra i suoi, riesce a mettere un minimo in difficoltà la difesa lecchese.
Binaghi 5 Praticamente non pervenuto, ingabbiato completamente dai centrali bianconeri. L’unica nota di merito è il pressing che prova ad esercitare ad inizio partita.
8’ st Annoni 6.5 Il suo ingresso in campo porta vivacità al reparto offensivo.
Milani 5.5 Del tridente d’attacco è quello che produce le giocate più interessanti. Soprattutto nella ripresa, quando si fa vedere con maggiore frequenza dalle parti di Esposito. Segna pure una rete, ma gli viene annullata per fuorigioco.
All. Garavaglia 5 La sua squadra di fatto non è mai in partita: l’inizio è traumatico, l’accenno di reazione si riesce solamente ad intravedere da lontano e quando ormai è troppo tardi.

ARBITRO
Radice di Cinisello Balsamo 6
Alcuni fischi sono rivedibili. Il rigore appare palese; gli ospiti si lamentano per due possibili fuorigioco in occasione dei primi due gol, tuttavia quella è competenza degli assistenti.

LE INTERVISTE

BRIANZA OLGINATESE
Al termine dell’incontro si esprime così Arioli, tecnico della Brianza Olginatese: «Siamo partiti subito con il piglio giusto, abbiamo fatto gol e poi poco dopo abbiamo anche raddoppiato. Siamo partiti bene soprattutto dal punto di vista della mentalità, in questo modo abbiamo potuto indirizzare la gara facilmente nel verso giusto. Il risultato è lì, si commenta da solo; il rammarico viene se si ripensa alla partita di domenica scorsa (con la Base 96, ndr). Il calcio è questo, non è che in base alle vittorie o alle sconfitte cambia il mio modo di pensare e di giudicare. Questo campionato ha una formula decisamente strana, dobbiamo essere bravi a non farci cogliere impreparati e a giocare il nostro calcio ogni giornata. I margini di errore in questo torneo sono veramente pochi: a maggior ragione dato che a volte, in questo sport, anche una squadra meno quotata può portare a casa il successo. Difensivamente ci siamo comportati molto bene, riuscendo a concedere veramente poco; ad ogni modo il plauso va fatto a tutta la squadra. Speriamo di recuperare a breve anche gli indisponibili. L’importante ora è guardare alla prossima partita, dobbiamo concentrarci sulle singole gare, non a lungo termine; non ci devono interessare al momento i risultati delle altre».

CASTANESE
Invece l’allenatore della Castanese Garavaglia afferma: «Non giudico bene la partita in sé, ovviamente sia dal punto di vista della prestazione che del risultato. Tuttavia, a mio modo di vedere, i primi due gol sono viziati da altrettanti fuorigioco; questo comunque non toglie il fatto che abbiano strameritato di vincere. Inoltre, non capisco molto la mia espulsione, dato che ho semplicemente fatto notare che i giocatori fossero in offside. Noi ci siamo iscritti a questo campionato per capire quali siano le squadre per l’anno prossimo e quale sia il livello, dunque queste scoppole ci serviranno sicuramente. La classifica e i risultati non ci interessano, guardiamo solamente la crescita dei ragazzi».

Brianza Olginatese-Castanese Eccellenza foto Garavaglia
Alfio Garavaglia, allenatore della Castanese


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli