18 Giugno 2021

Brianza Olginatese-Zingonia Verdellino Eccellenza: Segato manda al tappeto i bergamaschi

Le più lette

Pinerolo-Alessandria Serie C Femminile: finalmente vittoria grigia. Bergaglia la sblocca, Luison mette la perla e Bagnasco chiude il discorso

L'Alessandria vince, in casa del Pinerolo, la sua prima partita del campionato con il risultato di 1-3. La formazione...

Imperia-Gozzano Serie D: Allegretti risponde a Minasso, Soda riporta i rossoblù in Serie C

Il Gozzano è di nuovo in Serie C! La notizia era ovviamente nell’aria già da un po’, ma mancava...

Venaria-Volpiano Under 14: torneo All Stars, la FF, Faye-Frazzetta per le Foxes, Tomiato speranza orange, applausi per tutti

Clima da vera finale, come lo è sempre Venaria-Volpiano, un classico del calcio giovanile. Sul campo base del Barcanova,...

Una domenica calcisticamente da ricordare per le città di Olginate e Merate:  il sodalizio nato quest’estate debutta tra le mura amiche e centra la prima vittoria della sua storia in Eccellenza, mandando al tappeto un generoso Zingonia. La formazione di Arioli mostra subito i muscoli con una buona occasione non concretizzata da Berberi dopo pochi istanti di partita. Segue, al 20’, una pregevole combinazione sulla fascia tra Brini e Fall, con il primo che rientra sul destro e calcia a giro sul secondo palo, mancando di poco il bersaglio. I bergamaschi paiono limitarsi a tenere il campo senza correre troppi pericoli. Una prima frazione di gioco senza troppi squilli si accende improvvisamente al 40’ complice una fiammata di Baldrighi, che sguscia in dribbling tra le maglie avversarie e da posizione defilata tocca di punta cercando l’angolo più lontano, ma la palla esce di un nulla.  Un minuto più tardi, Brini imbecca in area Pizzini che, spalle alla porta, cerca spazio per la conclusione ma viene trattenuto per la maglia da Enrico Noris.  Il penalty che ne deriva è trasformato impeccabilmente da Pizzini.  Con la testa già negli spogliatoi, l’USD Brianza subisce la rete del pareggio in pieno recupero: azione ben congegnata dello Zingonia, potente conclusione di Chimenti respinta in qualche modo da Feltrin ma sulla ribattuta si avventa Lambiase che di testa ribadisce in rete.  Galvanizzato dal pareggio agguantato in extremis, lo Zingonia riparte con più convinzione nella ripresa e va vicino al vantaggio al quarto d’ora con una rasoiata di Gullotta su punizione, che lambisce il palo alla sinistra di Feltrin.  Al 21’, di nuovo Gullotta dribbla un avversario, avanza ad ampie falcate e cerca la rete ma la palla termina sul fondo.  Un minuto più tardi, l’episodio decisivo:  entrata non proprio ortodossa di Noris su Berberi ed espulsione del primo per somma di ammonizioni. Sulla successiva punizione, da distanza siderale, Segato coglie una clamorosa traversa, suonando la carica ai compagni.  Al 39’, altro tiro da fermo:  la posizione è più vicina, l’esecuzione è nuovamente magistrale e questa volta l’ex Pro Sesto ha più fortuna, con la palla che gonfia la rete per il 2-1.  Lo Zingonia accusa il colpo e per i padroni di casa tutto diviene più facile.  Girandola di occasioni negli ultimi minuti:  prima Del Re con un tiro cross che si perde sul fondo dopo un’ottima progressione sulla fascia;  poi, Raccagni regala il pallone nella propria area a Pizzini, ma Sangalli limita i danni.  Infine, Bonacina respinge ingenuamente con il braccio un traversone proveniente dalla destra e il sig. Santeramo fischia nuovamente un rigore per il Brianza, trasformato con freddezza dal man of the match Segato.

IL TABELLINO

 

 

BRIANZA OLGINATESE-ZINGONIA VERDELLINO 3-1
RETI:  40’ Pizzini rig. (O), 47’ Lambiase (Z), 39’ st e 50’ st rig. Segato (O),
USD BRIANZA OLGINATESE  (4-4-2):  Feltrin 6, Viganò M 6  (32’ st Viganò N. sv), Brini 6.5, Panzetta 6.5, Perini 6 (33’ st Manara sv), Guanziroli 6.5, Belingheri 6.5 (36’ st Del Re sv), Segato 8, Berberi 6 (41’ st Colombo sv), Pizzini 7, Fall 6 (21’ st Citterio 6). A disp.  Brivio, Botta, Proserpio, Bonella. All. Arioli 6.5.
ZINGONIA VERDELLINO (4-2-4):   Sangalli 6, Cugini 5.5 (11’ st Morlotti 5.5), Noris L 6., Bonacina 6, Carminati 6, Noris E 5., Micheletti  sv (30’ Raccagni 6), Chimenti 6, Gullotta 6.5 (28’ st Bara sv), Baldrighi 6 (38’ st Panza sv), Lambiase 6.5 (31’ st Lizzola sv). A disp. Taiocchi, Dolci, Lamera, Marino  All. Luzzana 5.5
ARBITRO: Santeramo di Monza 6.
AMMONITI:  Perini (B), Belingheri (B), Cugini (Z), Noris E. (Z),  Raccagni (Z)
ESPULSO:  Noris E. (Z) al 22’ st

 

LE PAGELLE

 

USD BRIANZA OLGINATESE
All. Arioli 6.5  C’è ancora da lavorare ma la strada è quella giusta.
Feltrin 6  Respinge centralmente il tiro di Chimenti sull’occasione del pareggio, per il resto inoperoso.
Viganò M 6  Fa il suo compitino senza troppi affanni (32’st Vigano N. sv).
Brini 6.5  Molto propositivo nel primo tempo, i pericoli più significativi giungono dalla sua zona.
Panzetta 6.5  Tatticamente affidabile, poche sbavature.
Perini 6  Esce stanco a dieci minuti dal termine per far avanzare Segato sulla linea dei centrocampisti (33’st Manara sv).
Guanziroli 6.5  Più brillante nella ripresa, quando gli sviluppi del gioco si spostano sulla sua fascia.
Belingheri 6.5   Il reparto di destra con Guanziroli, quello dei “senatori”, funziona  (36’st Del Re sv)
Segato 8  L’eroe di giornata. Trascina la squadra con un calcio di punizione da incorniciare, dopo aver colpito la traversa nell’occasione precedente.
Berberi 6  E’ l’uomo più atteso, deve ritrovare la lucidità sottorete  (41’st Colombo sv).
Pizzini 7  Si procura il rigore e lo trasforma. Una garanzia per il Brianza.
Fall 6  Spesso nel vivo del gioco ma deve migliorare nella gestione della palla  (21’st Citterio 6).

 

ZINGONIA VERDELLINO
Sangalli 6  Tre gol subiti di cui due rigori e una punizione al bacio.  Non è lui il principale responsabile della sconfitta.
Cugini 5.5  Non una prova entusiasmante  (11’st Morlotti 5.5)
Noris L. 6  Più in difficoltà nel secondo tempo, quando il Brianza intensifica la manovra sulla destra
Bonacina 5.5  La stanchezza e la frustrazione lo conducono ad un inconcepibile fallo di mano nella propria area che vale ai padroni di casa il 3-1 finale.
Carminati 6  Il leader di una difesa a tre che tutto sommato regge fino alla magia di Segato
Noris E. 5  Giornata no. Lascia la squadra in 10 nel momento più delicato della partita.
Micheletti sv  Sostituito da Luzzana dopo mezzora  (30’pt Raccagni 6  con il suo ingresso lo Zingonia passa alla difesa a tre e lui non sfigura).
Chimenti 6  Protagonista nell’azione del gol del momentaneo pareggio.
Gullotta 6.5  Primo tempo in sordina, nella ripresa si rende pericoloso in più circostanze  (28’st Bara sv).
Baldrighi 6  Una sola fiammata nel primo tempo con cui stordisce la difesa avversaria senza trovare la rete (38’st Panza sv).
Lambiase 6.5  Si batte tra la retroguardia padrona di casa e timbra il cartellino  (31’st Lizzola sv)

LE INTERVISTE

 

 

GIOVANNI ARIOLI
Un soddisfatto Giovanni Arioli, tecnico dell’USD Brianza Olginatese, analizza con fierezza la vittoria dei suoi:  «Una buona prestazione, decisa da un singolo, Segato, che già prima aveva colpito la traversa. E’ un giocatore molto importante per noi, che possiamo impiegare anche in difesa come oggi.  Dobbiamo ancora trovare la quadra, siamo un gruppo nuovo con tanti buoni giocatori.  Oggi abbiamo trovato una squadra molto aggressiva, fastidiosa aggiungerei.  Ancora dobbiamo crescere, qualcuno ha fatto meno bene ma abbiamo creato tante occasioni e se riesci a creare tanto, alla lunga i gol arrivano».  Un’Olginatese che nel finale controlla molto bene la partita senza correre pericoli, risultando superiore anche sul piano fisico.  «Stiamo bene» – afferma Arioli – «Era la prima partita su questo campo che oltretutto è pesante.  Abbiamo tanti ragazzi giovani che quando entrano fanno benissimo. Ora pensiamo alla prossima partita».

 

ALBERTO LUZZANA
Alberto Luzzana, mister dello Zingonia, è deluso per la sconfitta.  «Siamo partiti in difficoltà poi abbiamo trovato la quadra quando siamo passati con la difesa a tre, perché giocando con quattro attaccanti, i loro esterni e le loro due punte ci mettevano in difficoltà.  Cambiando modulo, si è creato un buco in mezzo al campo e abbiamo segnato, dovevamo sfruttare di più quella situazione. Siamo stati in partita fino al momento della punizione di Segato, che ha fatto un capolavoro».  Lo Zingonia torna in patria con una recriminazione:  «L’espulsione di Noris non la discuto, ma c’era anche un fallo tattico pochi secondi prima su un nostro giocatore, al quale è stato anche sfondato il calzettone, e l’arbitro ha ritenuto di non fischiarlo.  Se fosse stata usata la stessa misura avremmo finito la partita in 11».  Luzzana rimane comunque fiducioso per il futuro:  «Oggi abbiamo pagato caro la nostra inesperienza, ma abbiamo finito la partita con sette giovani. Il percorso che stiamo costruendo è importante».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli