25 Giugno 2021

Ciliverghe-AC Leon Eccellenza: Schiavo entra e allo scadere ribalta il Ciliverghe, i Leoni continuano a sognare

Le più lette

Progetto Sport Giovani, a Brescia un nuovo modo di vedere il calcio: l’intervista a Massimiliano Picchioni

In questi ultimi due anni il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto è senza dubbio quasi vuoto ma ammirare...

Lascaris-Bacigalupo All Stars Under 14: missile di Panaccione, la chiude Dimatteo

Al campo sportivo di Via del Castello a Vinovo si conclude con un sonoro 4-0 il match valido per...

ColicoDerviese Promozione: riconfermato Vola, preso Passerini, portiere con un passato nel calcio a 5

La ColicoDerviese si prepara alla prossima stagione con la prima riconferma e il primo acquisto, entrambi in porta. A...

Pazzesca rimonta nel finale di gara tra Ciliverghe e AC Leon: la doppietta di Schiavo risolleva una partita che sembrava ormai perduta e proietta gli uomini di Motta in testa alla classifica del girone. Finisce quindi 2 a 3, un punteggio che lascia a bocca asciutta il Ciliverghe che pure l’aveva ben indirizzata nella prima frazione e che per lunghi tratti della ripresa era sembrato in pieno controllo del risultato, dimostrando ordine, tenacia e costanza. Ci è voluta una magia di Bonseri per rimettere in carreggiata i brianzoli e tenere vivo il match; poi è stato il turno del subentrato Schiavo, assoluto MVP di giornata: un suo tuffo magistrale di testa e una conclusione chirurgica al termine di un contropiede forsennato hanno sancito il definitivo trionfo degli ospiti, rimasti tra l’altro in 10 dall’83’ per il doppio giallo rimediato da Marzullo.

Ovunque Valotti. Partenza-razzo dei padroni di casa, che dopo 4′ la sbloccano con il protagonista indiscusso della prima frazione, Valotti: il 10 del Ciliverghe semina il panico sulla sinistra e con un tiro a giro velenosissimo infila la sfera bagnata nell’angolino del palo lontano. Azione fotocopia all’11’: dribbling rapidissimo di Valotti e palla insidiosa a rientrare in area. Stavolta è lesto Mair ad approfittarne: il suo tocco da distanza ravvicinata porta il risultato sul 2 a 0. L’AC Leon, assorbito lo shock iniziale – e graziato dall’arbitro quando Marzullo rischia un fallo da ultimo uomo rimediando solo il giallo – pur con qualche difficoltà dovuta a ritmi di manovra poco efficaci, pian piano riesce a venir fuori alla distanza. Dall’altra parte invece il Ciliverghe sembra esaurire le energie dello sprint iniziale e cala vistosamente. Così ci vuole un super Spezia a dire di no a Paparella al 34′. L’estremo difensore gialloblù non può però nulla al 38′: il destro a giro fantascientifico di capitan Bonseri finisce all’incrocio, imparabile. Sono i segnali di una riscossa che si concretizzerà però solo molto più avanti nella storia della sfida.

Schiavo in extremis. La ripresa infatti vede tutt’altro ritmo: le due compagini temono il confronto aperto, la rapidità di azione va scemando insieme alla pioggia e le giocate non illuminano le trame. Gli ospiti, impazienti, sprecano tanti palloni gettandoli in avanti, mentre i locali gestiscono chiudendo gli spazi dietro e restando pronti a ripartire. Ma non è un contropiede a cambiare il match, bensì il rosso che al 38’st Marzullo rimedia per doppia ammonizione con un intervento in ritardo. Da lì in poi, per l’ultimo frangente di gara, l’AC Leon mette tutta l’intensità possibile, anche con l’uomo in meno. Sarà proprio questa dimostrazione di cuore e voglia a creare i presupposti per le sentenze finali. Al 42’st infatti, sulla punizione calciata in area da Jacopo Ferrè, come un’apparizione miracolosa sbuca dal nulla in tuffo Schiavo, che trova una traiettoria imprendibile e batte Spezia. La spinta del pareggio è trascinante e la partita si riaccende, finché, al 49’st, a recupero quasi scaduto, arriva il contropiede decisivo: ripartenza tutta in velocità che sorprende il Ciliverghe; Schiavo riceve ancora dopo aver duettato con Bonseri, si libera in area e, micidiale, incrocia sul secondo palo, facendo esplodere la gioia della panchina che invade il terreno di gioco per festeggiare l’uomo del giorno.

IL TABELLINO

CILIVERGHE-AC LEON 2-3
RETI: 4′ Valotti (C), 11′ Mair (C), 38′ Bonseri (L); 42’st Schiavo (L), 49’st Schiavo (L).
CILIVERGHE (4-4-2): Spezia 6, Licini 5.5, Bosio 6, Andriani 6, Contri 6, Quaggiotto 6.5, Pasotti 7 (9’st Brunelli 6), Fonjock 6, Mair 6.5 (25’st Ait Bakrim sv), Valotti 7.5, Ricupati 5.5 (39’st Lauricella F. sv). A disp. Kullaj, Scidone, Lauricella N., Albini, Gentili, Broli. All. Cogliandro 5.5.
AC LEON (4-3-3): Perego 6, Marzullo 5.5, Cereda 6, Leotta 7 (20’st Ronchi 6.5), Calloni 5.5, Venza 5.5, Ferrè A. 6 (39’st Marinoni sv), Achenza 5.5, Bonseri 7 (50’st Moreo sv), Biraghi 5.5 (30’st Ferrè J. 6.5), Paparella 5.5 (14’st Schiavo 8.5). A disp. Martignoni, Gasperini, Ferrario, Villa. All. Motta 6.5.
ARBITRO: Copelli di Mantova 5.5.
ASSISTENTI: Usman Ghani e Flaccadori di Bergamo.
AMMONITI: 14′ Marzullo (L), 30′ Pasotti (C), 43′ Licini (C); 23’st Andriani (C), 43’st Ronchi (L), 49’st Ferrè J. (L).
ESPULSO: 38’st Marzullo (L).

LE PAGELLE

CILIVERGHE
Spezia 6
Può ben poco sui tre gol subiti. Chiamato in causa in pochissime occasioni, compie una bella parata nel primo tempo.
Licini 5.5 Non riesce a dare la giusta spinta sulla destra, anche se molla mai la presa per tutti i 90 minuti. 
Bosio 6
A sinistra gioca con ordine e tende a non strafare. Copre bene le trame di gioco avversarie ed è anche decisivo in un paio di situazioni.
Andriani 6
Sempre pronto ad entrare nella mischia, viene ammonito per proteste. Da buon capitano è in prima linea per raggiungere l’obiettivo che sfumerà proprio allo scadere.
Contri 6
Non sbaglia quasi mai in copertura, anche se butta via tanti palloni in impostazione, con lanci lunghi che non vanno mai a segno.
Quaggiotto 6.5
Tra i più frizzanti in mezzo al campo, parte bene e poi cala nella ripresa, forse anche per stanchezza.
Pasotti 7
Eccezionale nei primi 45′: fa quel che vuole sulla destra e domina la fascia. Poi si eclissa, vinto dalla fatica che lo costringe a uscire.
9’st Brunelli 6
Non efficace come Pasotti in fase offensiva. Prova comunque a dar fastidio agli avversari.
Fonjock 6
Acquisisce fiducia con il passare dei minuti, ma non è sempre preciso nelle giocate.
Mair 6.5
Segna un gol da vero rapinatore d’area; poi fatica a trovare nuovi modi per essere pericoloso.
Valotti 7.5 Enorme nel primo tempo, quando stravolge i piani dell’AC Leon con le sue incursioni. E’ imprendibile e lo dimostra. Anche lui, però, cala nella ripresa.
Ricupati 5.5
Meno efficace dei compagni di reparto, lavora bene soprattutto di sponda.
All. Cogliandro 5.5 Rammaricato per un risultato che poteva essere ben diverso: difficile da digerire una sconfitta così, maturata nel recupero e con l’uomo in più. 

AC LEON
Perego 6
Pronto quando chiamato in causa, tradito da pioggia, rimbalzi velenosi e dai suoi sui due gol subiti.
Marzullo 5.5
Subisce impotente le discese di Valotti e rischia il rosso subito. Si riscatta nella ripresa, finché non viene espulso davvero: con il senno di poi però sarà quello l’episodio che darà la svolta al match.
Cereda 6
Mai fuori posto, gestisce in scioltezza fase difensiva e offensiva, pur senza esagerare con la spinta.
Leotta 7
Unico a crederci dei suoi, fin dai primi minuti. E’ l’anima del centrocampo brianzolo.
20’st Ronchi 6.5
Subentra egregiamente a Leotta per dare la svolta alla gara e ribaltarla.
Calloni 5.5
Impreciso quando la giocata è decisiva; ha alti e bassi.
Venza 5.5
Lotta e soffre con i compagni di reparto. Mette il cuore per arrivare oltre il 90′ e trovare i tre punti.
Ferrè A. 6
Impalpabile per gran parte della gara, si risveglia a tratti, provando ad illuminare il match senza successo.
Achenza 5.5 Entra ed esce dalla partita; a volte è un fantasma, altre è il cuore del gioco. Quando trova le misure riporta a galla i suoi.
Bonseri 7
Realizza una rete magistrale, da vedere e rivedere: una parabola sotto l’incrocio su cui il portiere non può arrivare.
Biraghi 5.5 Lento in impostazione, non riesce a dare ritmo alla manovra dei suoi. Esce nervosissimo.
30’st Ferrè J. 6.5
Da un suo cross nasce il gol del pareggio. La riscossa dell’AC Leon passa anche dai suoi piedi educati.
Paparella 5.5
Ci prova, ma non sembra mai del tutto convinto delle sue potenzialità.
14’st Schiavo 8.5
La ribalta da solo, con due gol bellissimi: il primo, in particolare, brilla per tempismo e intuizione. Il secondo è una delizia di precisione.
All. Motta 6.5
Riesce a trovare tre punti in una partita che sembrava già persa. La sua squadra ha un carattere formidabile e lui la guida come un vero condottiero.

ARBITRO
Copelli di Mantova 5.5 
Molti dubbi quando grazia Marzullo nel primo tempo per un fallo su Valotti lanciato a rete. Per il resto una prova ordinata, anche se la tensione nel finale sale non poco.

LE INTERVISTE

Cogliandro (Ciliverghe): «Partita difficile da analizzare per come è andata a finire. Questo, del resto, è il calcio e oggi è girata così. Forse dovevamo essere più cinici quando abbiamo avuto le occasioni per esserlo. Il nostro portiere del resto ha fatto una sola parata. Dispiace anche per l’episodio del primo tempo, in cui un cartellino rosso avrebbe costretto i nostri avversari a giocare gran parte del match in un uomo in meno. Non siamo soddisfatti comunque. Purtroppo è andata così».

Motta (AC Leon): «Gli avversari ci hanno messo in difficoltà nei primi 25 minuti di gioco, giocando da subito con personalità e dimostrando di essere un’ottima squadra. Sono stati bravi anche a tenere bassi i ritmi a inizio ripresa; poi però, con l’espulsione, tutto è cambiato. Il contributo dei subentrati è risultato decisivo, con Schiavo in primis che ci ha permesso di vincere il match con la sua doppietta. Ora il sogno continua: preparandoci a questo campionato abbiamo cercato di non stravolgere il gruppo esistente, aggiungendo innesti di qualità che ci potessero aiutare. Adesso guardiamo già al prossimo incontro, lo scontro diretto con il Castegnato di settimana prossima sarà importante prima della pausa».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli