24 Novembre 2020 - 16:57:12

Città di Sangiuliano Eccellenza, la Corte di Appello Territoriale annulla la sconfitta a tavolino

Le più lette

Breno – Tritium Serie D: la prima volta di Nordi e Artaria termina 2-2, terzo pari consecutivo per Tacchinardi

La prima rete con la maglia della Tritium in campionato di Nicolò Lolli non basta a Omar Nordi per...

Villarbasse Under 19, Preziuso: «La crescita dei miei ragazzi è la mia più grande vittoria»

Il Villarbasse Under 19 di Giuseppe Preziuso non ha incominciato nei migliori dei modi il proprio campionato con due...

Santhià, storia del glorioso club vercellese

Tra le società di cui abbiamo parlato su questo numero di Sprint e Sport in edicola da lunedì, c'è...

Con il campionato fermo, in Eccellenza Girone B si muove la classifica. Nella giornata odierna la Corte di Appello Territoriale ha ripristinato il risultato originario di Cisanese-Città di Sangiuliano, annullando così la vittoria a tavolino assegnata alla squadra di casa. Di seguito il testo in versione integrale apparso sul comunicato del Comitato Regionale Lomabardia: «La società ASD CITTA’ DI SAN GIULIANO ha proposto reclamo avverso la decisione del Giudice Sportivo che ha comminato la sanzione sportiva della perdita della gara per 0 – 3, l’ammenda di Euro 150,00 ed inibito sino al 28.10.2020 il dirigente accompagnatore, Giampiero Cervinaro, per aver impiegato nella gara in epigrafe il calciatore Damiano Zicari che non risultava tesserato per la predetta società. La Corte di Appello Territoriale, verificata la regolarità del reclamo, sentita la reclamante, osserva. La società reclamante afferma che in data 25.09.2020 è stata presentata richiesta di tesseramento del calciatore Damiano Zicari, che in data 29.9.2020 l’Ufficio Tesseramenti ha segnalato alla società un errore nella presentazione della domanda e che il giorno stesso tale errore è stato sanato con la presentazione della documentazione corretta; a comprova di ciò la società reclamante ha presentato la relativa documentazione. Pertanto, la società reclamante sostiene che il calciatore è stato impiegato in buona fede nella gara del 27.09.2020, visto che si trattava di una mera irregolarità del tesseramento presentato in data 25.09.2020 – e quindi prima della predetta gara – e che solamente successivamente alla gara in questione è stata segnalata una mera irregolarità nel tesseramento che è stata immediatamente sanata. Il reclamo merita di essere parzialmente accolto. Infatti, ai sensi dell’Art. 39, comma V, NOIF le irregolarità nella presentazione della domanda di tesseramento prontamente sanate comportano la sanzione dell’ammenda e non la perdita della gara. D’altro canto, la società reclamante ha impiegato il calciatore in buona fede, dopo aver presentato la domanda di tesseramento, visto che è venuta a conoscenza dell’irregolarità del tesseramento dopo la disputa della gara in questione ed ha prontamente sanato tale irregolarità. Per quanto sopra esposto e ritenuto la Corte di Appello Territoriale in parziale accoglimento del reclamo ed in riforma del provvedimento reclamato, commina alla società reclamante l’ammenda di Euro 700,00, ripristinando il risultato ottenuto sul terreno di giuoco e dispone addebito della relativa tassa se non ancora versata».

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli