12 Giugno 2021

Città di Sangiuliano-Pavia Eccellenza: Zingari e Grasso sono poesia, I gialloverdi di Crucitti sottomettono il Pavia

Le più lette

Cinisellese-Vigor Milano Pulcini: Marco Vitari alla Gigio Donnarumma, Lorenzo Solenne alla Gareth Bale, Leonardo Lavrati alla Christian Eriksen

La partita dei duelli. Quello di Marco Vitari, portiere di immenso talento della Cinisellese, contro Lorenzo Solenne, esterno devastante...

AC Leon-Zingonia Verdellino Eccellenza: Lambiase frena i leoni, tutto si deciderà nell’ultima giornata

Non ci si è di certo annoiati nel pomeriggio di Vimercate con il colpo grosso della Zingonia Verdellino, prima...

Joe Montemurro, il nuovo coach della Juventus Women che ha un passato italiano e bianconero

Joe Montemurro è il nuovo allenatore della Juventus Women, o meglio lo sarà a partire dal 1° luglio prossimo....

Il Città di Sangiuliano si impone ai danni del Pavia nel big match in scena al Comunale di via Risorgimento. In un match in cui non sono mancate le emozioni sono i gialloverdi a spuntarla, grazie ad un formidabile primo tempo, gli azzurri si sono dovuto inchinare di fronte alla potenza di fuoco dei milanesi, trascinati da Zingari e Grasso. Padroni di casa, guidati da Crucitti, che sono reduci dal pareggio esterno ottenuto contro il Sant’Angelo. Gli ospiti si presentano a questo incontro invece dopo la bruciante sconfitta rimediata nel derby contro l’Accademia Pavese la settimana scorsa. Entrambe le squadre navigano nelle zone medio-alte di classifica, anche se da tutte e due le parti ad inizio campionato gli obiettivi erano ben diversi. Le due compagini si trovano a 7 punti, anche se per il Sangiuliano sono 5 le partite giocate, mentre il Pavia ha già riposato e ne ha disputate quindi 4.

Succede di tutto. La partita comincia subito fortissimo, con le due squadre che conoscono bene l’importanza della posta in palio. La prima occasione capita al 3′ ai padroni di casa, quando Grasso riceve palla dal limite dell’area, sterza e calcia in porta senza pensarci due volte, con il pallone che sfila largo di poco. Sono solo le prove generali per il vantaggio gialloverde, visto che al 7′ di gioco si portano subito in vantaggio: Ababio sventaglia sulla destra per Zingari, che dopo un ottimo aggancio in corsa colpisce al volo con il destro, insaccando il pallone con un diagonale imparabile per Sacchi. Il Pavia in avvio di gara soffre estremamente il tasso tecnico del Sangiuliano e rischia di subire un altro gol al 13′, quando il tandem Zingari-Grasso delizia il pubblico con un’azione prolungata di prima che libera il numero 9 alla conclusione, rimpallata da Sacchi in calcio d’angolo. I nervi sono tesi come corde di violino e basta una scintilla per far divampare un fuoco dirompente. Al 16′ succede l’episodio, un colpo alla testa non fischiato dall’arbitro e il pallone che non viene buttato fuori. Ne deriva una rissa inutile ed evitabile tra alcuni calciatori, in cui a farne le spese sono i due tecnici, espulsi e allontanati dal campo per comportamento non consono ad un campo da calcio. Dopo qualche minuto di confusione generale il match riprende e il Pavia confeziona al 24′ la prima occasione della sua partita, con Noia che dal limite dell’area calcia in porta, e, complice una deviazione colpisce il palo. Appena un minuto più tardi però, al 25′, il Sangiuliano punge ancora la formazione pavese sempre grazie al duo Grasso-Zingari, che porterà al gol del primo. Il 10 cambia gioco da destra a sinistra con una sciabolata meravigliosa, il 9 aggancia alle spalle del difensore e con un pallonetto morbidissimo scavalca Sacchi e deposita in rete il gol del 2-0 per i gialloverdi. Milanesi semplicemente devastanti in contropiede, infatti al 33′ impensieriscono ancora la retroguardia pavese con lo sprint di Ababio in mezzo al campo: il centrocampista serve Grasso in area di rigore, ma il 9 calcia però sul muro alzato dalla difesa. Il Pavia si rende pericoloso al 36′ trovando il gol che riapre il match con Bahirov, che dopo essere stato servito alla perfezione da Esposito, infila in spaccata il gol che riapre il match e dà speranza alla formazione di Nisticò. Città di Sangiuliano che non ci sta e prova a riallungare le distanze con una grande manovra offensiva. Al 42′ Colonna si invola verso la porta e crea una situazione di 3 vs 2, spalleggiato da Grasso e Zingari, ma sul più bello sbaglia la misura del passaggio e sciupa l’occasione. Il primo tempo non smette di regalare emozioni e al 2′ di recupero ii gialloverdi trovano per la terza volta la via del gol. Da calcio d’angolo il solito Zingari disegna una traiettoria fantastica, su cui Piagni si inserisce e frusta il pallone di testa, trovando il gol del 3-1. Termina così un primo tempo avvincente ed emozionante, in cui il maggiore tasso tecnico dei padroni di casa ha fatto la differenza. Il Pavia nonostante tutto è ancora vivo e ardente, avendo dimostrato in più occasioni di essere in grado di impensierire la difesa avversaria.

Basta il primo tempo. Il secondo tempo non è sicuramente spettacolare come il primo, anche se il ritmo è comunque davvero elevato. Tuttavia la lotta e l’intensità della partita si svolgono prevalentemente a centrocampo, lasciando così poco spazio alle occasioni offensive. Nei primi 20′ è il Pavia ad avere il pallino del gioco, ma gli uomini di Nisticò non riescono mai ad impensierire la difesa avversaria fino al 21′, quando il neo entrato Romanini gira di testa una punizione di un compagno e scavalca Boari, ma per l’assistente è fuorigioco, rimanendo così sul 3-1. Le offensive degli ospiti non vengono mai ripagate, con il Sangiuliano che riesce a coprirsi con calma e ordine, provando a crearsi qualche occasione in contropiede. È quello che succede al 30′ con Robbiati, che avendo tanto campo davanti a sé, scocca un destro che si avvicina all’incrocio dei pali, ma Sacchi vola e allontana in calcio d’angolo. La più grande occasione della seconda frazione avviene all 33′ con Nucera che serve sul secondo palo Romanini: sponda di testa per Bahirov che, da due passi, colpisce in pieno la traversa, facendo così sfumare una grande chance per i suoi. Si va da una parte all’altra del campo in un battito di ciglia, e infatti al 35′ sono i padroni di casa a rendersi pericolosi con Rossi, che dai 30 metri lascia partire un destro potente che si infrange sulla traversa. Termina senza ulteriori acuti l’incontro al Comunale, con il Città di Sangiuliano che supera di qualità il Pavia, portandosi così a 10 punti in campionato e al continuo inseguimento della capolista varzi, che dista ora 4 punti. Gli azzuri invece cadono per la seconda volta consecutiva, crollando sotto i colpi di una squadra di tasso tecnico superiore.

IL TABELLINO

Città di Sangiuliano-Pavia 3-1
RETI: 7′ Zingari (CS), 25′ Grasso (CS), 36′ Bahirov (P), 47′ Piagni (CS).
CITTÀ DI SANGIULIANO (4-3-3): Boari 6.5, Mazzei 7, Zicari 6.5 (18′ st Robbiati 6.5), Ababio 7.5, Nasali 6.5, Piagni 7, Cossetti 6.5 (25′ st Trovato 6), Colonna 7, Grasso 8 (44′ st Parissenti sv), Zingari 8 (38′ st Licciardello sv), Parodi 6.5 (9′ st Rossi 6.5). A disp. Regina, Colombi, Caria, Trovato, Pedrazzini. All. Crucitti 6.
PAVIA (3-4-3): Sacchi 5.5, Ottonello 5 (15′ st Celestri 5), Grillo 5.5 DC, D’Ippolito 5, Noia 6, Villanova 5, Romani 5, Procida 4.5 (3′ st Romanini 6.5) , Colombo 6 (3′ st Petrucci 5), Bahirov 6.5, Esposito 6.5 (15′ st Nucera 6). A disp. Coppola D., Bellantoni, Musicò, Anzaghi, Feola. All. Nisticò 5.
ARBITRO: Cortale di Locri 5.
ASSISTENTI: Tinelli di Treviglio e D’Orto di Busto Arsizio.
AMMONITI: Procida (P), Noia (P), D’Ippolito (P), Grasso (CS), Romanini (P), Bahirov (P), Trovato (CS), Villanova (P), Romani (P).
ESPULSI: Nisticò (P), Crucitti (CS), Noia (P).

LE PAGELLE

CITTÀ DI SANGIULIANO
Boari 6.5 Organizza alla perfezione la sua squadra, comandandola a gran voce dalla difesa.
Mazzei 7 Moto perpetuo sulla fascia destra. Chiude ogni spazio in difesa ed è pronto a ripartire in contropiede. Prestazione super.
Zicari 6.5 Il suo compito è più delicato degli altri perchè deve coprire sull’uomo più in forma degli ospiti, ovvero Esposito. Nonostante questo riesce a fare una partita discreta.
18′ st Robbiati 6.5 Entra in partita con la giusta garra
Ababio 7.5 In mezzo al campo domina incontrastato grazie alla sua imponente fisicità. Con quelle gambe arriva ovunque, dimostrandosi indispensabile per la causa gialloverde.
Nasali 6.5 Pulito e ordinato in difesa, riesce ad uscire dal campo immacolato, vista la sua capacità di difendere con grande tranquillità.
Piagni 7 Un under difensore centrale è una scelta insolita, ma lui ripaga le scelte del mister con una super prestazione e un gol importantissimo.
Cossetti 6.5 Prestazione più che sufficiente per una mezz’ala dinamica. Sempre pronto a ricevere il pallone tra le linee, sa come fare male alla difesa avversaria.
25′ st Trovato 6 Nei 20 minuti in cui gioca fa il compitino senza scomporsi. Bravo con il pallone tra i piedi.
Colonna 7 Centrocampista di gamba e corsa, che non disdegna anche qualche sgroppata per vie centrali. Prestazione maiuscola per un ragazzo che potrà avere un futuro di assoluto livello.
Grasso 8 Velocità disarmante e grande tecnica fanno di questo attaccante uno dei più forti del girone. Ogni volta che tocca il pallone è pericoloso e la difesa non gli prende mai le misure. (44′ st Parissenti sv).
Zingari 8 Tecnica sopraffina e superiore alla media. Gioca una partita spettacolare in cui segna e serve i compagni con passaggi sublimi. (38′ st Licciardello sv).
Parodi 6.5 Buona prestazione in cui si distingue per alcune giocate di qualità. Gli manca il gol per essere più decisivo.
9′ st Rossi 6.5 Il suo ingresso in partita è senz’altro positivo, visto che dà dinamismo e pericolosità ai suoi. Colpisce una clamorosa traversa, in cui la fortuna non lo ha aiutato.
All. Crucitti 6 I suoi ragazzi interpretano alla perfezione la partita chiudendola nel primo tempo e amministrandola nel secondo. Espulsione giusta che non lascia una bella immagine.

PAVIA
Sacchi 5.5 Sfodera alcune parate degne di nota ma la sua difesa non gli dà certamente una mano. Viene bucato troppo spesso.
Ottonello 5 In mezzo al campo viene offuscato dalla fisicità e dalla gamba di Ababio. Soffre per tutta la partita e non riesce ad essere incisivo.
15′ st Celestri 5 Non entra in partita, soffrendo molto il ritmo del match.
Grillo 5.5 Non facile il compito di marcare Grasso, punta rapida e tecnicamente dotata. Soffre il suo dinamismo e non riesce quasi mai a prendergli le msiure.
D’Ippolito 5 Sulla sinistra deve fare i conti con la tecnica di Zingari. Inutile dire che il 10 gialloverde lo porta a spasso per il campo in lungo e in largo, riuscendo a creare sempre qualcosa di pericoloso.
Noia 5.5 In mezzo al campo fa il suo provando ad incidere. la sua prova non è negativa. Peccato per l’espulsione che ha compromesso il voto.
Villanova 5 In difesa traballa tutta la partita oscillando tra Grasso e Zingari. Non entra mai in partita.
Romani 5 Completamente fuori partita, tocca pochi palloni e non riesce ad essere vivo in un match complicato. Prestazione insufficiente.
Procida 4.5 Pochissimi palloni toccati e non presente in partita. Sostituzione più che giusta.
3′ st Romanini 6.5 Il suo ingresso in campo dà vitalità e pericolosità al Pavia. Segna un gol ma è in fuorigioco, e riesce ad essere spesso utile nel tenere su i palloni.
Colombo 6 Viene spesso incontro al limite dell’area cercando di creare qualche azione pericolosa. Tocca molti palloni e li smista bene ma il resto della squadra non gira tanto quanto lui.
3′ st Petrucci 5 Non entra bene in partita, non riuscendo ad incidere e a rendersi pericoloso. Sta troppo sulle sue.
Bahirov 6.5 Uno dei più mobili e intraprendenti in attacco. Il gol ne è la testimonianza, è sempre pronto a ricevere il pallone dentro l’area.
Esposito 6.5 Il migliore dei suoi per distacco. Un motorino con benzina infinita sulla destra, attacca e difende con continuità. Pregevole l’assist per il gol del 2-1.
15′ st Nucera 6 Sulla sinistra dice la sua con buoni risultati. Spinge e crea qualche occasione ma non basta.
All. Nisticò 5 Probabilmente schiera una formazione sbagliata con alcuni interpreti fuori partita e fuori ruolo. L’espulsione non giova sicuramente ai suoi ragazzi.

ARBITRO
Cortale di Locri 5 Non si dimostra all’altezza di dirigere una partita così delicata, fischiando troppo e non adottando un metro di giudizio omogeneo.


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli