Varesina AlbinoGandino Tiraboschi
Alessio Tiraboschi dell'AlbinoGandino

Calcio d’agosto d’accordo, ma la prima uscita ufficiale dell’anno regala subito spunti di riflessione sia per la Varesina che per l’AlbinoGandino. Il 2-2 dei novantacinque minuti complessivi di gioco può essere ritenuto specchio fedele del match: perché d’accordo che la Varesina ha avuto più occasioni a referto, ma gli errori nei momenti cruciali (che sono costati due gol…) e la discontinuità non possono essere sottovalutati. L’AlbinoGandino ha fatto quello che era nelle sue corde: una gara ragionata, a tratti “camaleontica”, facendo affidamento sui propri punti di forza che rispondono ai nomi di Carrara, Noris e Tiraboschi. I primi due, Carrara e Noris, hanno disinnescato nel modo migliore le bocche di fuoco rossoblù, il terzo – Tiraboschi – si è dannato l’anima là davanti fino alla fine. E proprio dalla sua caparbietà, e dalla leggerezza venegonese sul rilancio di Spadavecchia, è arrivato il gol del vantaggio dopo aver intercettato palla ai venticinque metri. La Varesina, che fino a quel momento aveva avuto un paio di occasioni con Pizzini disinnescate da Bogazzi e Carrara, si vede sempre e solo con l’ex Fenegrò fino alla fine del tempo ma gli esiti non sono quelli auspicati. Nella ripresa Spilli si gioca tutti i jolly del mazzo inserendo Vezzi e disegnando una squadra a profonda trazione anteriore. E i frutti si sono visti ben presto: Deodato, al 6’, trova il pareggio con una giocata gaciale dopo il servizio di Cargiolli. Pizzini, poi, dopo una trenata di cinquanta metri, non è supportato da Vezzi nel due contro uno. Questione di minuti, perché i due innesti estivi al 24’ ribaltano tutto: Pizzini veste i panni dell’assit-man e Vezzi del cecchino appoggiando alle spalle di Bogazzi un pallone con su scritto “spingere”. Sembra il copione perfetto per Spilli, ma un pasticcio difensivo consente all’AlbinoGandino di guadagnarsi il penalty del 2-2 di Carobbio. «Siamo contenti della prestazione e di aver messo in difficoltà una squadra come la Varesina – dice Radici – Il nostro obiettivo è quello della salvezza, poi vedremo…».

Varesina-AlbinoGandino 2-2
RETI (0-1, 2-1, 2-2): 19′ Tiraboschi (A), 6′ st Deodato (V), 24′ st Vezzi (V), 29′ st rig. Carobbio(A).

PAGELLE VARESINA
All. Spilli 6 Urge trovare continuità ed evitare gli errori.
Spadavecchia 6 Di fatto gli arrivano solo due tiri nello specchio.
Micheli 6 Come sempre c’è fino alla fine. (42′ st Boccadamo sv).
Taino 6.5 Rischia di farsi prendere dal nervosismo ma ragiona.
De Angelis 6 Non pare proprio insormontabile.
Giudici 6.5 Carobbio gli parte un paio di volte ma lui sa cosa fare. Esce per infortunio. (7′ st Zefi 6).
Bellacci 6 Serve l’armatura ma pare averla dimenticata nel primo tempo. (33′ st Broggi sv).
Rebolini 6 Ci si aspetta di più.
Leone 6 Fiducia nel prendere la regia. Sacrificato per la causa comune. (1′ st Vezzi 7).
Pizzini 7 Manca solo il gol.
Cargiolli 6 Un solo acuto in un match dove si è lasciato “trascinare”.
Deodato 7 Di fatto non tradisce mai. (17′ st Canavesi 6.5).
A disp.: Baglieri, Essan, Gottardi, Loda.

PAGELLE ALBINOGANDINO
All. Radici 7 Squadra organizzata e di carattere.
Bogazzi 6.5 Vigile nelle prese alte.
Carrara F. 8 Diagonali perfette, nessuna paura contro i tenori.
Piantoni 7 Sgasate fino alla fine.
Savoldelli 6.5 Si fa sempre trovare pronto. Compito assolto.
Morotti 7 Si arrangia con l’esperienza. Rischia il cartellino.
Noris 7 Perno della retroguardia. La mette giù e trova anche il lancio.
Borelli 6 Trova la quadratura.
Franchini 6 Risponde presente. (19′ st Ongaro 6).
Zanga 6 Pronto a dare un appoggio. (19′ st Hamzaoui 6).
Tiraboschi 7.5 Un giocatore così lo vorrebbero tutti in squadra. Il primo a portare pressione e quando serve aiuta anche dietro. (42′ st Cornelli sv).
Carobbio 7 Addolcisce, fa rifiatare e disegna. Sempre sul pezzo.
A disp.: Lugli, Mister, Alberta, Borlini, Cornelli, Beloli.

 


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

[...]

Se vuoi continuare a leggere questo contenuto devi essere abbonato all'edizione digitale. Se hai già un abbonamento effettua il login, altrimenti vai sul nostro STORE (cliccando qui) e acquistane uno.