5 Agosto 2020 - 13:13:01

Eccellenza Casatese, a tu per tu con Stefano Baldan

Le più lette

Terza Categoria Varese, la Jeraghese si è presentata sperando nel ripescaggio

In attesa di un ripescaggio in seconda categoria, ieri 30 luglio, alla bombonera di Jerago con Orago, è stata...

GS Pero Calcio a 5 Femminile, la presentazione: puntare in alto per costruire in basso

Tanti sorrisi, contagiosi, ma che non possono celare l’emozione di ciò che si andrà a vivere. Nella splendida location...

Terza Categoria Monza, la Nuova Frontiera si presenta sperando nel ripescaggio

Sarà un'altra stagione in Terza categoria o ci sarà il premio del ripescaggio in Seconda per la Nuova Frontiera?...

Al di là di come possa finire questa stagione, di certo l’annata che si è vissuta fino ad ora a Casatenovo è stata un’annata ultra positiva. Dire sopra le aspettative sarebbe falso, ma la piazza lecchese spesso negli ultimi anni, dopo un’estate da regina, in campo non riusciva a confermarsi. Spesso, ma non quest’anno. Grande protagonista fino ad ora è stato il figliol prodigo Stefano Baldan, tornato dal Presidente Sassella, dopo la grande stagione vissuta lo scorso anno al NibionnOggiono. Lui ha vissuto da vicino la crescita della squadra lecchese e in estate vi ha fatto ritorno senza alcuna esitazione: «Secondo me Casatenovo non è una piazza storica a livello calcistico. Però in questi anni è cresciuta molto. Vero si sono commessi degli errori, com’è normale che sia, ma se ora siamo dove siamo è anche grazie a questi errori». Fino al 6-0 rifilato al Lemine Almenno nell’ultimo turno di campionato giocato, la Casatese aveva sempre dato l’impressione di essere uno schiacciassassi, quasi un pesce fuor d’acqua per ciò che riguarda l’Eccellenza. «In questa stagione – continua Baldan – rispetto al passato c’è una consapevolezza diversa. Una consapevolezza che in campo diventa tranquillità, è un po’ come se avessimo pilota automatico ora gli automatismi e la qualità ci sono e tutto è più facile. Inoltre il gruppo è fantastico, sia a livello umano sia a livello tecnico». Eppure gli scettici ipotizzavano un altro anno in chiaroscuro per la Casatese, che in estate aveva vissuto l’ennesima rivoluzione in termini di rosa. «Vero – afferma Baldan – anche in estate ci sono stati tanti cambiamenti, ed infatti all’inizio qualcosina non funzionava alla perfezione. Però, bene o male, i giocatori tra di loro si conoscevano già per esperienze passate e dunque questo processo di amalgama è stato più semplice e veloce. Anche ora, fino a quando abbiamo giocato, eravamo un gruppo in costante miglioramento. Giocando e allenandosi con compagni forti si migliora e poi in campo, proprio conoscendo le capacità dei tuoi compagni si possono prendere dei rischi che, oltre a far divertire, possono essere determinati: azzardi una giocata difficile, consapevole che chi deve andare a ricevere palla ha tutte le potenzialità per controllarla e continuare l’azione. Così diventa tutto più facile». Ora però lo spettro della sospensione inizia ad aleggiare nelle stanze dei bottoni, e questo i giocatori lo sanno. Eppure la Casatese in questo periodo di stop è stata costretta a continuare ad allenarsi visto che l’impegno di Coppa è stato posticipato: «Diciamo che – continua Baldan – seppur in un clima surreale noi ci siamo allenati in questo periodo visto che siamo ancora in corsa per la Coppa Italia. Vista la pausa abbiamo fatto un lavoro che potrebbe darci qualcosa nel lungo periodo visto che abbiamo fatto anche un piccolo lavoro di richiamo e di carico. Io mi auguro che si possa tornare presto in campo, ma sono perfettamente consapevole che quando e se accadrà di tornare in campo sarà un campionato diverso. Dovremmo andare ad affrontare 9 partite in poco più di 40 giorni il che rappresenterebbe un impegno importante. Sono sincero, senza questa pausa credo che alla fine saremmo riusciti ad arrivare in fondo senza troppi problemi, visto come stavamo giocando. Ora però le incognite sono tante e dunque bisognerà aspettare».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli