12 Agosto 2020 - 23:34:15

Eccellenza, la parola ad Alessandro Anzano: «Ardor Lazzate realtà ambiziosa, crediamo ai playoff»

Le più lette

Città di Varese Serie D, Matteo Simonetto rinforzo per la difesa. «Tornare qui è un sogno»

Seconda ufficialità della giornata per il Città di Varese che dopo Manuel Romeo annuncia il difensore centrale Matteo Simonetto....

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Denuncia una società: «I dati dei giocatori potrebbero finire anche in Qatar, Mossino questo lo sa?». Intanto in Lombardia spunta tra i soci un...

Continua ad agitare le acque la decisione dei comitati regionali, Piemonte e Lombardia, di affidarsi ad una società esterna,...

Arrivato a Lazzate nella sessione invernale del mercato, Alessandro Anzano si è subito conquistato un ruolo da protagonista nei gialloblù. L’Ardor, ancora una volta, ha dimostrato di essere una realtà molto ambiziosa, ma la stagione in corso è stata spesso discontinua, vivendo anche due cambi di panchina. «Mi sono ambientato sin da subito qui» racconta l’attaccante: «La società ha dimostrato sempre di voler competere per traguardi importanti e l’obiettivo rimane quello di centrare la zona playoff, nonostante non sempre riusciamo ad avere continuità nei risultati».

«I cambi di allenatore sono sempre un fallimento per tutti: personalmente mi trovavo bene a lavorare con Alessio Vianello, e mi è spiaciuto quando se ne è andato. Ad ogni modo anche con Roberto Bonazzi stiamo lavorando bene: nel suo primo mese di lavoro è stato chiaro sin da subito quanto fosse preparato e competente, avendo avuto a che fare con categorie superiori» spiega Anzano. «L’esperienza col Busto 81 è stato un piacevole ritorno, dopo la stagione trascorsa in precedenza, ma a un certo punto non c’è stata più sintonia e ho voluto cambiare. Nonostante non stiamo lottando per il primo posto comunque, qui a Lazzate c’è talmente tanta ambizione, che non sento differenza rispetto a quando giocavo con l’attuale capolista: qui si cerca sempre il massimo. Purtroppo, finora, non siamo riusciti ad essere costanti, e questo ci ha penalizzato, ma, quando e se la stagione riprenderà, sapremo farci trovare pronti» continua.

«Attualmente ho giocato poche partite con l’Ardor, ma la gara che mi è rimasta più nel cuore è stata la vittoria contro il Verbano, ottenuta grazie alla rete di Scapinello: in quel frangente la squadra è stata quadrata e perfetta, e ha messo in campo tutto il suo valore. La zona playoff dista solo due punti, al momento, quindi dobbiamo continuare a crederci» conclude Anzano.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli