martedì 2 Giugno 2020 - 11:15:05

Eccellenza, Lumezzane: a tu per tu con capitan Lleshaj, un vincente nato

Le più lette

Club Milano, Marco Bezzi è il nuovo Responsabile Scuola Calcio: «Tornerò bambino»

Marco Bezzi è pronto a rimettersi in gioco, nel ruolo di Responsabile della Scuola Calcio al Club Milano. Con...

Castiglione Eccellenza, arrivano le prime conferme: si riparte da Fantoni, Mangili, Maccabiti e Guagnetti

Dopo aver annunciato il nuovo tecnico, il Castiglione muove un altro passo verso la stagione 2020/2021 rendendo note le...

Legnarello e Santissimi Martiri unite nella ripresa: i due presidenti lavorano in vista della prossima stagione

Legnarello e Santissimi Martiri ci saranno anche il prossimo anno. I due presidenti, Roberto Monzani e Gaudenzio Costacurta, tramite una...

Punto fermo del Lumezzane con 20 presenze su 21 partite, fascia di capitano da inizio stagione e perno del gioco rossoblù nel 4-3-3 di Quaresmini. Questo è Viserjan Lleshaj, centrocampista classe 1987 che sta guidando il Lumezzane nella lotta al vertice con il Telgate, sua vecchia squadra proprio nella scorsa stagione. Guardando ancor più indietro negli anni Lleshaj ha già dimostrato un certo feeling con la vittoria dei campionati, vedi i 5 titoli fin qui collezionati: Promozione ed Eccellenza a Rudiano, poi i successi con Caravaggio, Grumellese e Rezzato. Questi ultimi due, in particolar modo, sono rimasti impressi nella memoria di Lleshaj che li ricorda con piacere: «Sicuramente ogni campionato che vinci è bello, forse il momento migliore è stato la vittoria a Grumello dopo due anni di playoff. E’ stata una bella lotta con il Darfo Boario, loro erano una corazzata ma nel girone di ritorno noi abbiamo ingranato e siamo riusciti a vincere con un turno di anticipo. In quella stagione a Grumello c’era anche un grande presidente, Diego Belotti, che purtroppo è venuto a mancare l’anno scorso. E’ stato un vero amico, quasi un padre per me visto il rapporto che andava oltre al calcio – racconta commosso Lleshaj – Anche l’annata (2016/2017) di Rezzato è stata ottima. Probabilmente è stata la squadra più completa in cui io abbia mai giocato, ogni reparto era forte e avevamo degli ottimi ricambi. Era una bella società, ma devo dire che ho avuto la fortuna di giocare sempre in belle società».

Dopo il quinto campionato messo in bacheca, il centrocampista ha vestito la maglie di Breno, Orceana e Telgate, fino all’arrivo alla coorte di Quaresmini, suo allenatore ai tempi del titolo ottenuto con il Rezzato. «Quaresmini è uno dei tanti motivi per cui sono venuto qui. Mi aveva voluto già quando era al Darfo Boario, ma io ho scelto il Telgate perché ero vicino a casa. Mi ha sempre cercato ed è un allenatore che riesce a tirar fuori il meglio di me. Sia a livello di campo che dal punto di vista umano è uno dei migliori allenatori che ho avuto». Subito insignito della fascia di capitano, ora il centrocampista albanese si ritrova a due soli punti proprio dal suo passato più recente: «A Telgate mi sono trovato bene, anche perché la società era la stessa che c’era a Grumello quando abbiamo vinto il titolo. Alla fine ci siamo trovati a giocarci il campionato proprio noi due, loro ci hanno sorpassato meritatamente in un periodo in cui noi siamo calati anche a causa di infortuni e squalifiche che abbiamo pagato non avendo una rosa molto lunga. A inizio stagione le aspettative non erano queste, abbiamo fatto più del previsto e siamo sempre stati davanti. Ora ci troviamo lì e dobbiamo giocarcela fino alla fine».

Nonostante il duello in cima alla classifica sembri una questione tra Lumezzane e Telgate non bisogna dimenticarsi del treno di cinque squadre pronte ad approfittare di eventuali passi falsi in vetta. Tra queste inseguitrici Lleshaj individua una contendente in particolare: «La Valcalepio è la squadra più completa anche se è a -7 dal Telgate e a -5 da noi. Bisogna vedere quando si riprenderà e quanto tempo ci vorrà per prepararsi. Chi starà bene subito si porterà a casa il titolo. Noi speriamo di riprendere perché per tanti giocatori questi tre mesi di campionato sono importanti anche dal punto di vista delle rate e dei mutui da pagare. Sono stipendi che possono aiutare molti ragazzi, anche se sappiamo tutti la situazione che stiamo vivendo in questi giorni. Rispettiamo le regole e aspettiamo, sperando che finisca tutto il prima possibile».

Lunedì sul giornale sarà disponibile anche un articolo in cui il capitano del Lumezzane ci descriverà il suo 11 ideale, formato dai migliori compagni di squadra incontrati nel corso della sua carriera piena di successi.

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy