16 Maggio 2021

Sestese-Milano City Eccellenza: il primo tempo basta a Ferrero, Caraffa e Lombardo affondano Aiello

Le più lette

Torino-Lazio Under 18: Della Valle e Eordea stendono i biancocelesti

Il secondo gol consecutivo del centrale granata Alessandro Del Valle regala la vittoria ai ragazzi di Semioli, abile dalla...

“Tutti pazzi per i Regionali”, il podcast: ospite della seconda puntata Marcello Gozzini, direttore generale dell’Uesse Sarnico

"Tutti pazzi per i Regionali", la nuova rubrica podcast settimanale dedicata ai campionati giovanili regionali, oltre ad essere realtà,...

PDHAE-Gozzano Serie D: la fotogallery della partita

Torna a giocare dopo quasi un mese il Gozzano e strappa il pari nella tana dei leoni valdostani. Il...

Alla Sestese di Ferrero bastano due gol nel primo tempo per festeggiare i primi tre punti del nuovo Girone A, iniziato contro un vecchio nemico: il Milano City. Le due formazioni, che prima della pausa non si erano ancora affrontate, lo fanno alla prima giornata in un match che le vede schierarsi entrambe con il 4-3-3. Uno specchio che riflette a vantaggio dei padroni di casa che, dopo aver colpito un palo in avvio, al 19′ pescano il jolly dalla distanza con Caraffa, che calcia direttamente in porta una punizione dai 30 metri e coglie impreparato un imperfetto Rinaldi. Sempre nel primo tempo, questa volta a cinque minuti dalla fine, la Sestese trova la via del raddoppio con un altro tiro da fuori area. Questa volta il protagonista è Lombardo, che trova la giocata giusta sulla fascia sinistra, si accentra e con il destro calcia sul palo lontano, superando il portiere avversario. Sotto di due reti, il Milano City prova ad accorciare le distanze più volte nella ripresa, ma senza riuscire a riaprire i conti. «È stata una partita assurda – commenta nel postgara il tecnico Aiello – Abbiamo preso un gol da 40 metri su punizione e un altro sempre con un tiro da fuori, le uniche due conclusioni in porta che abbiamo subito. Noi invece ne abbiamo create almeno una dozzina, ma la palla non voleva entrare, e questo è il calcio. Non siamo stati bravi a concretizzare tutto quello che abbiamo creato e siamo stati anche molto sfortunati, ho dovuto fare subito tre cambi nella ripresa perché avevamo problemi fisici. Ora pensiamo alla prossima partita». Di diverso avviso invece Ferrero, che commenta: «Abbiamo fatto bene nel primo tempo, colpendo un palo e creando qualche altra occasione per chiudere il primo tempo con un margine più ampio. Nella ripresa abbiamo avuto qualche problemino con gli infortuni, anche se nulla di grave, ma ho dovuto forzare i cambi e abbiamo riscontrato più difficoltà, lasciando a loro la manovra e concedendo almeno tre/quattro palle gol che con più fortuna potevano concretizzare. Nel complesso sono soddisfatto a metà».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli