18 Giugno 2021

Speranza Agrate-AC Leon Eccellenza: Paparella bomber del derby, ma il cuore di Pagani vale un punto per i padroni di casa

Le più lette

Speranza Agrate-Spezia Serie C Femminile: scopri gli scatti più belli del pareggio tra le ragazze di Danilo Brambilla e Jacopo Erbetta

Termina con un pareggio l'avventura della Speranza Agrate tra le mura amiche. Lo Spezia di Erbetta riesce infatti a...

Pergolettese-Carpi Under 17: la testata di Riboli all’ultimo minuto vale il pareggio per i Cannibali

Non è finita finché non è finita. Un detto sempreverde nello sport, e oggi la Pergolettese ha ricordato a...

Chieri-HSL Derthona Serie D: la fotogallery della partita

I colpi di reni di Rosti e l'imbucata perfetta di Mutti per Spoto. Con questi due fattori l'HSL Derthona...

Sorpresa al “Salvatore Missaglia”, con la Speranza Agrate che con un uomo in meno per oltre 60 minuti di partita fissa il risultato sul 2-2 nel derby con la capolista e favorita Leon, con una rete di Pagani allo scadere del tempo nella ripresa. Una classica impresa da Davide contro Golia, anche se nella prima parte di gara era stata la Speranza Agrate a giocare meglio della Leon. L’espulsione di Agosta poco prima della mezz’ora di gioco sembrava aver ribaltato le sorti della partita. Il grave errore degli ospiti è stato quello di non sfruttare almeno una delle occasioni avute per andare sull’1-3, così la Speranza Agrate è rimasta attaccata al match e con la rete nel finale di Pagani ha conquistato un
punto inaspettato. Per la capolista sono due punti letteralmente buttati via: la Leon resta al comando del girone C anche se con una partita in più della più immediata inseguitrice Zingonia Verdellino.

Paparella-Agosta, le due facce di una medaglia. Il piglio migliore in partenza ce l’ha la Speranza Agrate, che sa di essere sfavorita e ha il compito di aggredire la Leon per metterla in difficoltà. I ragazzi allenati da Alberto Motta sono sorpresi dall’atteggiamento spregiudicato degli avversari e il derby si sbocca già all’8′ in favore dei padroni di casa della Speranza Agrate: il pallone viaggia velocemente da destra a sinistra e da appena dentro l’area di rigore Farina scarica in porta di sinistro, tracciando una traiettoria imparabile per Martignoni. Il gol subito non sveglia la Leon da un certo torpore e tutto rimane inalterato sino a poco prima della mezz’ora, quando, in 120 secondi, la partita cambia decisamente registro. Al 28′ la Leon pareggia con un contropiede condotto da Andrea Ferrè e finalizzato da Paparella; passano pochi istanti e la Speranza Agrate resta in dieci per l’espulsione diretta di Agosta, che spinge a terra un avversario a gioco fermo e sotto gli occhi del signor Testoni. Pizzi corre ai ripari e inserisce Tricella, un difensore, che prende il posto dell’espulso sulla destra, sacrificando uno dei tre attaccanti, ossia Brignani. La Leon capisce che il momento è propizio e aumenta la pressione, finché al 41′ passa a condurre con la doppietta personale di Paparella, il quale da un metro mette in rete dopo il miracolo di Brambilla sulla conclusione ravvicinata di Bonseri. Proteste della Speranza Agrate per la posizione di Paparella, ma per la terna arbitrale è tutto regolare. Prova la fuga la formazione di Alberto Motta al 45′, il destro a rientrare di Jacopo Ferrè sorvola di poco la traversa. Nei due minuti di recupero concessi da Testoni non cambia il punteggio, squadre al riposo con la partita che appare seriamente indirizzata verso il lido della favorita Leon.

Pagani eroe rossoverde. Si ritorna in campo e c’è subito una novità per i padroni di casa: Canevari in luogo di Bazzani. Formazione inalterata per la Leon. La prima opportunità da rete della ripresa arriva al 15′, quando Bonseri non inquadra la porta da posizione molto favorevole: al contrario, avrebbe scritto la parola fine sul match. La partita è in mano ai ragazzi di Motta, che però non riescono a chiuderla, ma la Speranza non si abbatte e al 35′ sfiora il clamoroso pareggio con il solito Farina: il suo diagonale sinistro, deviato in corner, va vicino al bersaglio. Al “Missaglia” l’incredibile accade al 45′, con il pareggio insperato ma desiderato della Speranza Agrate: punizione da trenta metri di Farina, deviata sul palo da Martignoni, grande mischia in area e gol da pochi passi di Pagani che risolve la situazione. La Leon ha cinque minuti di recupero per provare ritornare in vantaggio, la Speranza Agrate però si chiude bene in difesa e il 2-2 non cambia per la gioia dei padroni di casa e la delusione degli ospiti.

IL TABELLINO

Speranza Agrate- AC Leon 2-2
RETI: 8′ Farina (SA), 28′ Paparella (L), 41′ Paparella (L), 45′ st Pagani (SA).
SPERANZA AGRATE (4-3-3): Brambilla 6, Agosta 5, Trabattoni 6.5 (39′ st Sclapari sv), Pettenati 6.5, Pagani 7, Cerrina Feroni 6, Brignani 6 (33′ Tricella 6, 26′ st Crippa 6), Bazzani 6.5 (1′ st Canevari 6.5), Carollo 5, Panin 6 (23′ st Bonissi 6), Farina 7.5. A disp. Tabarelli, Quadrio, Masperi, Mazzarella. All. Pizzi 6.5.
AC LEON (4-2-3-1): Martignoni 6, Gasperini 6.5 (27′ st Nicoletti 6), Ferrario 6 (5′ st Leotta 6.5), J. Ferrè 6.5, Venza 6, Scaccabarozzi 6.5 (18′ st Calloni 6), A. Ferrè 7, Achenza 6.5, Bonseri 6, Moreo 6.5 (14′ st Biraghi 5.5), Paparella 7.5 (32′ st Mari sv). A disp.: Perego, Ronchi, Schiavo, Bourmila. All. Motta 6.5.
ARBITRO: Testoni di Ciampino 6.
ASSISTENTI: Fantini di Busto Arsizio e Corbetta di Como.
AMMONITI: Brignani, Farina, Brambilla (SA), Ferrario, Calloni (L).
ESPULSO: Agosta al 29′ per reazione violenta (SA).
NOTE: angoli 2 a 6. Rec.: 2′ + 5′.

 

LE PAGELLE

SPERANZA AGRATE
Brambilla 6 Il solito leader, non è impegnatissimo dai temibili attaccanti ospiti.
Agosta 4 Espulsione da suicidio calcistico, lascia i suoi in dieci contro una squadra già favorita dai pronostici.
Trabattoni 6.5 Quando innesta le marce alte è sempre temibile; costretto a una partita più difensiva del solito. (39′ st Sclapari sv).
Pettenati 6.5 Ogni intervento è una piccola battaglia, lottatore indomito.
Pagani 7 Degna spalla del più esperto Pettenati, diventa l’eroe di giornate quando sigla la rete del definitivo pareggio.
Cerrina Feroni 6 Fa da barriera frangiflutti davanti alla difesa dal primo minuto all’ultimo di recupero.
Brignani 6 Fino a quando resta in campo fa a pieno il proprio dovere di attaccante. Sacrificato alla causa per l’espulsione di Agosta.
33′ Tricella 6 Sostituisce lo sciagurato Agosta con una prestazione ordinata. Sfortunato, non finisce la partita per un taglio in fronte.
26′ st Crippa 6 Buttato nella mischia all’improvviso per l’infortunio di Tricella, mette le sue energie fresche nella rimonta.
Bazzani 6.5 Ottima presenza nella zona nevralgica del campo, giusto mix tra qualità e corsa.
1′ st Canevari 6.5 Un tempo, il secondo, a tutta birra e grinta; la sua esperienza della categoria è un valore aggiunto in una neopromossa.
Carollo 5 Non è una giornata buona per il capitano, che passa più tempo a battibeccare con Scaccabarozzi che a giocare.
Panin 6 Nella prima parte di gara trova qualche spunto interessante, arretra la sua posizione quando la squadra va in inferiorità numerica.
23′ st Bonissi 6 Velocità e freschezza non gli fanno mai difetto, è una iniezione benefica.
Farina 7.5 Inarrestabile, segna un bellissimo gol e propizia la rete del pareggio di Pagani con una punizione deviata sul palo da Martignoni.
All. Pizzi 6.5 Azzecca l’atteggiamento aggressivo iniziale e la tattica di contenimento in inferiorità numerica.

AC LEON
Martignoni 6 Compie una unica vera parata sulla punizione di Farina.
Gasperini 6.5 Difensore robusto, difficile da superare nell’uno contro uno.
27′ st Nicoletti 6 Si piazza al posto di Gasperini e si guadagna la presenza
Ferrario 6 È più votato alla fase offensiva rispetto a quella difensiva, non è precisissimo nei cross per i
compagni.
5′ st Leotta 6.5 Entra e si piazza sulla fascia di sinistra, offrendo un buon contributo di spinta.
J. Ferrè 6.5 Regista basso, detta il ritmo delle giocate dei bianchi di Alberto Motta
Venza 6 Giornata disputata al minimo sindacale, può dare molto di più.
Scaccabarozzi 6.5 Duello da corazzieri vinto con il capitano rossoverde Carollo, sostituito per fine ossigeno.
18′ st Calloni 6 Bada al sodo come un difensore d’altri tempi e qualche scorrettezza di troppo.
A. Ferrè 7 Confeziona l’assist a Paparella per la marcatura del pareggio ed è una presenza costante su tutto l’arco dell’attacco.
Achenza 6.5 Centrocampista completo, è una buona miscela tra tecnica e corsa.
Bonseri 6 Spesso presente all’appuntamento col tiro ma pecca della solita precisione.
Moreo 6.5 Dà il giusto apporto di fantasia ai bianchi, abbinandoci anche un discreto dinamismo.
14′ st Biraghi 5.5 È visibilmente indietro nella forma fisica, si affida soltanto al suo proverbiale lancio lungo
Paparella 7.5 L’uomo del derby, sigla una doppietta in contropiede e da opportunista che avrebbe meritato più fortuna. (32′ st Mari sv).
All. Motta 6.5 Sa riorganizzare al meglio la squadra dopo il momento di sbandamento iniziale.

ARBITRO
Testoni di Ciampino 6 Direzione lineare, senza sbavature.

 

LE INTERVISTE

SPERANZA AGRATE. Il «Davide» Speranza Agrate ferma sul pareggio il «Golia» Leon, un 2-2 quasi miracoloso con gli agratesi con un uomo in meno già dal 29′ del primo tempo. «In realtà per come la Speranza Agrate ha affrontato la prima mezz’ora del primo tempo – ha dichiarato il tecnico rossoverde Gianmaria Pizzi – non ci siamo dimostrati tanto dei “Davide” al confronto dei “Golia” della Leon. Stavamo giocando meglio di loro e avevamo segnato con Farina un gol a conclusione di un’ottima azione di gioco. L’espulsione di Agosta, errore imperdonabile il suo, ha cambiato le carte in tavola. Avrei voluto giocarmela tutta a parità di forza per vedere come sarebbe finita. Siamo stati comunque bravi a conquistare almeno un punto». Quale è stato il segreto di questo pareggio in extremis? «Nell’intervallo ho chiesto ai ragazzi di non mollare – ha spiegato Pizzi – e di non farsi travolgere, di cercare di portare lo stesso punteggio di metà partita sino all’80’, così avremmo avuto qualche speranza di pareggiare, magari su azione da palla inattiva e così è stato. Punizione di Farina, palo, mischia e gol di Pagani. Bisogna anche riconoscere che la Leon ci ha dato una mano non chiudendo i conti tra la fine del primo tempo e la prima metà del secondo. Abbiamo dimostrato di meritare la categoria, però dobbiamo ancora lavorare molto, ogni errore commesso in queste quattro partite ci è costato caro». Per Agosta la società prenderà provvedimenti? «A caldo non ne vorrei parlare – ha concluso il tecnico di Monza. Però penso che saranno presi dei provvedimenti contro il giocatore».

AC LEON. È visibilmente insoddisfatto l’allenatore della Leon Alberto Motta al termine del derby pareggiato 2-2 in casa della Speranza Agrate, i suoi ragazzi non hanno sfruttato al meglio l’uomo in più per sessanta minuti e si sono fatti raggiungere in extremis dalla rete di Pagani, arrivata proprio al 90′. «Sono due punti veramente gettati al vento quelli di oggi contro la Speranza Agrate, eravamo a un passo dalla quarta vittoria consecutiva. Eravamo partiti male, siamo andati sotto nel punteggio ma abbiamo saputo riorganizzarci e ribaltare il punteggio già nel primo tempo. Il nostro grave errore è stato non sfruttare almeno un’altra opportunità da rete avuta tra gli ultimi minuti del primo tempo e la fase iniziale della ripresa, abbiamo commesso errori banali. Abbiamo tenuto in partita i nostri avversari sino alla fine e siamo stati puniti proprio al novantesimo». È stato un problema di gioco o di mentalità? «Inizialmente di gioco – ha risposto Motta – ma poi abbiamo sistemato la nostra manovra ed è stato l’approccio mentale a non essere il migliore. Nel secondo tempo abbiamo accettato il loro ritmo basso e siamo andati a cozzare contro il loro muro difensivo, con tutti i giocatori dietro la palla. E li abbiamo tenuti in partita sino ai minuti conclusivi quando siamo stati puniti da un gol in mischia, è stata una vera beffa. In 11 contro 10 le partite vanno chiuse e in fretta». In settimana ci sarà da lavorare? «Dovrò battere molto sull’aspetto mentale, striglierò per bene i miei giocatori; le partite non si vincono solo perché sulla carta siamo più forti».

 


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli