21 Settembre 2020 - 16:00:26
sprint-logo

Valcalepio, Eccellenza: a tu per tu con il presidente Gianfranco Lochis

Le più lette

Castellanzese Serie D, un nuovo attaccante per Mazzoleni: dal Borgosesia arriva Bigotto

Esperienza e qualità. Sono le due qualità che la Castellanzese spera di aver inserito nel proprio attacco con l'acquisto...

SprinteSport in edicola: il balletto delle ‘porte chiuse o aperte’, stop fino al 7 novembre?

SprinteSport è in edicola (e nello store digitale)! Il valzer delle gare 'a porte chiuse o a porte aperte':...

Città di Sangiuliano – Base 96 Eccellenza: Grasso e Zingari brillano nel poker

Nella seconda giornata di Coppa Italia Eccellenza è bastato un attimo per indirizzare i destini del San Giuliano e...

Miglior attacco del girone C di Eccellenza insieme al Lumezzane, terza miglior difesa e quarto posto in campionato, oltre che una finale di Coppa Italia persa soltanto di misura contro la più quotata Casatese. Questi gli ottimi dati che serviranno alla Valcalepio per ripartire con il giusto entusiasmo dopo il complicato periodo di lockdown. Una parentesi difficile da cancellare per la società bergamasca sia dal punto di vista sportivo, dato che ha bloccato sul più bello la scalata dei ragazzi di Delpiano, sia dal punto di vista umano, con il presidente Gianfranco Lochis colpito in prima persona dal Covid-19.

La guarigione del suo numero uno, risalente ormai a tre mesi fa, ha tuttavia segnato per la Valcalepio l’inizio della fase di ripresa dopo un avvio di 2020 così tormentato. Un sospiro di sollievo al quale hanno fatto seguito altre buone notizie, come la nascita di Noah, figlio del tecnico Delpiano, e la più recente festa per i 60 anni del presidente rossoblù. «E’ un bell’obiettivo che andava festeggiato a modo – afferma proprio Gianfranco Lochis – E’ stata una bellissima serata, con tanti ospiti sia del mondo del lavoro che del pallone visto che ci dividiamo tra queste due realtà». Un festeggiamento dal sapore particolare per il numero uno dei bergamaschi visti i due mesi di isolamento e l’essersi affacciato alla terapia intensiva, ma che ha fatto anche da spartiacque tra la passata stagione e quella che inizierà a breve. Per il 2020/2021, infatti, i preparativi in casa Valcalepio sono ormai tutti pronti, come spiega il presidente Lochis: «Il quadro della squadra è già completato, se manca ancora qualche tassello lo inseriremo con tutta calma tra settembre e ottobre. Abbiamo tenuto una rosa molto competitiva che deve puntare a risultati importanti, poi sarà il campo a parlare».

Guardando a quanto fatto di buono nella scorsa stagione, dietro a quei “risultati importanti” potrebbe nascondersi la volontà di puntare a qualcosa in più rispetto alla semplice zona playoff. Gli innesti di qualità messi a disposizione dal direttore sportivo Luca Bosio negli ultimi due mesi e la voglia di rivalsa dopo un campionato interrotto sul più bello, fanno infatti della Valcalepio una delle candidate alla lotta per il titolo. «L’anno scorso è stato molto importante per noi – spiega il presidente Lochis – Siamo stati colpiti nel momento clou e il campionato è finito quando pensavamo di poter dire e fare ancora molto, lasciandoci con tanto amaro in bocca. Abbiamo anche raggiunto la finale di Coppa Italia, perdendola, ma a testa molto alta. Quest’anno vogliamo ripetere qualcosa del genere e per farlo abbiamo immesso, se era possibile, qualche motivazione in più. Abbiamo aggiunto qualche carattere più pepato per puntare molto in alto, lottando con belle compagini come Lumezzane, Castiglione e Rovato».

Quest’ultima, nata dall’unione di Calcio Ghedi e Montorfano Rovato, apre inoltre ad una breve riflessione del numero uno della Valcalepio sul tema delle fusioni: «In tempi sempre più difficili dal punto di vista economico secondo me sono situazioni da realizzare. In particolare la nostra zona è troppo densa, con un’enorme dispersione in pochi chilometri. Per esempio la Real Calepina nasce in un triangolo in un’area ristretta, ma mi auguro che funzioni. Ovviamente non è cosa facile trovare tante persone con tante idee che puntino tutte allo stesso obiettivo, ma io stesso ero promotore perché solo con le fusioni si può puntare a campionati sempre più importanti. Per ora, però, la Valcalepio punta sulla sua strada indipendente».

Tornando al prossimo campionato di Eccellenza, infine, il presidente Lochis si sbilancia individuando la principale avversaria per le zone di vertice della classifica e ipotizzando quella che invece sarà la sorpresa della stagione 2020/2021: «In questi mesi ho tenuto d’occhio principalmente il Lumezzane che era in ballo con il passaggio in Serie D e ha un’ossatura molto importante, mentre una società che potrebbe sorprendere ancora è la Forza e Costanza. L’anno scorso ha fatto qualcosa di inaspettato, ma è una società da prendere sempre con molta attenzione».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli