25 Giugno 2021

Varesina-Brianza Olginatese Eccellenza: Berberi e Viganò decidono di testa, Arioli aggancia Spilli in vetta alla classifica

Le più lette

Lissone Promozione, Balestri dopo la separazione: «Vorrei trovare un ambiente sano per lavorare con i giovani»

L'esperienza di Gianluca Balestri a Lissone termina quasi un anno dopo la sua presentazione in biancoblù. Un'avventura preceduta dalla...

Monza-Inter Under 18: scopri le immagini più belle del match vinto dai ragazzi di Chivu

Il Monza ci prova ma non basta, l’Inter bissa il 4-1 dell’andata e tiene fuori dalla fase finale del...

LG Trino-La Biellese Eccellenza: la lavagna tattica di Rosario Ligato

Match Point fallito per la Biellese che a Trino non va oltre il pareggio. Sarà spareggio con l’RG Ticino. Gli...

Tre punti pesantissimi per la Brianza Olginatese che espugna il campo della Varesina imponendosi per 1-2. I ragazzi di Arioli soffrono il gioco e la velocità degli avversari specialmente nei primi minuti, ma poi sono loro a confezionare le occasioni da gol più clamorose. Due angoli con due conseguenti colpi di testa sono tutto ciò che è bastato ai bianconeri per portare a casa la vittoria: da rivedere le disastrose marcature a zona della Varesina sui calci piazzati. Decisivi gli stacchi di Berberi nel primo tempo e Matteo Viganò nel secondo; utile solo per la classifica marcatori il gol del momentaneo pareggio della Varesina di Amelotti. La qualità di Segato e Perini hanno fatto la differenza insieme alla fisicità di Pizzini e la tecnica di Berberi. Nota di merito anche alla linea difensiva, quasi sempre in grado di rendere poco efficaci i tentativi di incursione della Varesina. Bene i padroni di casa nel primo tempo: veloci, cinici; nel secondo il ritmo cala e si dimostrano poco incisivi.

Amelotti risponde a Berberi. Parte forte la Varesina nel primo tempo, riuscendo a trovare spesso Bellacci tra le linee e a sfruttare il poco movimento da parte di Segato e Perini per creare superiorità numerica sulla trequarti avversaria. Dopo appena due minuti di gioco c’è anche la prima occasione per i padroni di casa con un destro al volo potentissimo di Nejmi su cross di Vezzi che si spegne a lato. Al 6’ ci vuole un intervento con le mani di Esposito per deviare in calcio d’angolo una buona conclusione di Broggi dalla destra. All’11’ arriva il vantaggio ospite su calcio d’angolo battuto da Segato che trova perfettamente la testa di Berberi tutto solo sul secondo palo per siglare lo 0-1. Tuttavia, dura appena quattro minuti la gioia della Brianza Olginatese, perché al 15′ c’è subito il pareggio della Varesina. Questa volta è bravissimo Vezzi a ricevere palla spalle alla porta e servire largo Amelotti che di prima calcia fortissimo di mancino a incrociare: pallone assolutamente imparabile per Esposito. Alla mezz’ora c’è una scodellata di Segato a scavalcare la difesa precisa per il sinistro al volo di Pizzini, che trova clamorosamente l’esterno della rete. Passano pochi minuti e si presenta la fotocopia dell’azione precedente, ma questa volta Segato pesca Pizzini, il 10 ospite difende palla e la scarica su Berberi, il cui mancino è respinto dal piede di Spadavecchia, che salva la squadra da un gol che sembrava più facile realizzare che sbagliare.

Incorna Viganò. Nella seconda frazione non si registrano molte occasioni da gol e, nonostante la Varesina cerchi di attaccare di più, i ritmi calano, consentendo alla difesa ospite di non avere grandi difficoltà a sedare le minacce. Dopo dieci minuti di gioco è Pizzini ad essere pescato da Perini sul lato destro dell’area: il bomber della Brianza Olginatese sbaglia incredibilmente il primo controllo, ma riesce a guadagnarsi lo spazio per calciare, trovando i pugni di Spadavecchia a dirgli di no. Al 17′ arriva una golosissima palla gol per il vantaggio ospite, con un cross perfetto di Panzetta per la testa di Belingheri: Spadavecchia si supera e con la punta delle dita devia la palla quel tanto che basta per concedere agli avversari soltanto un corner. È proprio un corner alla mezz’ora, però, a regalare i tre punti ad Arioli: dalla bandierina questa volta è Perini a crossare perfettamente sul secondo palo, dove il colpo di testa schiacciato a terra e preciso di Matteo Viganò risulta fatale per la Varesina. Dopo l’1-2 ospite i ragazzi di Spilli provano a gettarsi in avanti, senza mai però riuscire ad essere concreti.

IL TABELLINO

VARESINA-BRIANZA OLGINATESE 1-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2): 11′ Berberi (B), 15′ Amelotti (V), 28′ st Viganó M. (B).
VARESINA (4-2-3-1): Spadavecchia 6.5, Nejmi 6 (15’ st Boccadamo 5.5), Essan 5, Zefi 5.5, Allodi 6, Amelotti 6.5 (32’ st Anzano 5.5), Mira 6.5, Broggi 5.5 (20’ st Urso 6), Vezzi 5.5, Bellacci 6 (32’ st Tomasini 5.5), Rebolini 6 (43’ st Kate sv). A disp. Castelli, Chiarion, Castelli, Bregnaj. All. Spilli 5.5.
BRIANZA OLGINATESE (4-4-2): Esposito 6, Brini 6.5, Guanziroli 6.5, Tarasco 6, Perini 7, Viganò M. 7, Belingheri 7 (47’ st Contrastato sv), Segato 6.5 (20’ st Del Re 6), Berberi 6.5 (23’ st Citterio 6), Pizzini 6.5 (Dal 42’ st Proserpio sv), Panzetta 6.5. A disp. Jusufi, Manara, Viganò N., Fall, Colombo. All. Arioli 6.5.
ARBITRO: Scarano di Seregno 6.5.
ASSISTENTI: Rio di Milano e Turra di Milano.
AMMONITI: Nejimi (V), Bellacci (V), Tarasco (B), Rebolini (V), Allodi (V).

LE PAGELLE

VARESINA
Spadavecchia 6.5 Non può nulla sui gol, ma salva la squadra con un paio di interventi che sono pane per i fotografi.
Nejmi 6 Spinge molto nel primo tempo, poi si spegne lasciando troppo spazio a Panzetta.
15’ st Boccadamo 5.5 Spinge più del compagno, ma senza mai trovare un vero cross pericoloso.
Essan 5 Corre tanto e inizialmente sembra reggere fisicamente Belingheri, che poi nel secondo tempo gli va via in ogni modo possibile.
Zefi 5.5 Lascia troppo libero Berberi sull’1-0 e rischia di fargli fare la doppietta alla fine del primo tempo. Non benissimo.
Allodi 6 Pizzini gli da un gran lavoro da fare, ma si comporta molto bene quando non deve farlo girare. L’unico bravo a saltare di testa sui calci piazzati.
Amelotti 6.5 Un ottimo primo tempo, tanta corsa, tecnica e gol spettacolare; nel secondo si perde, calando di intensità e non riuscendo ad essere decisivo.
32’ st Anzano 5.5 Entra per prendere qualche pallone di testa, non gliene arriva nemmeno uno.
Mira 6.5 Probabilmente il migliore della Varesina, sempre bravo in entrambe le fasi. Preciso anche nelle coperture, purtroppo non un gran pomeriggio per i suoi.
Broggi 5.5 Punta bene Brini e prova anche a calciare in porta, non riesce mai a mettere davvero in difficoltà la difesa avversaria.
20’ st Urso 6 Entra con il piglio giusto, prova a prendere l’iniziativa e mette al centro qualche bel pallone che non viene sfruttato.
Vezzi 5.5 Giocare da punta centrale con due giganti come Tarasco e Viganò non deve essere facile, paga i centimetri che gli mancano e la poca concretezza quando deve concludere.
Bellacci 6 I suoi inserimenti tra le linee sono il cuore pulsante delle azioni offensive dei suoi, purtroppo non è mai coinvolto quando si tratta di concretizzare.
32’ st Tomasini 5.5 Entra per provare a dare velocità e corsa alla manovra, ci riesce solo in parte.
Rebolini 6 Gestisce bene il possesso, preciso anche nei passaggi. Anche lui protagonista del disastro nelle marcature sui calci piazzati. (43’ st Kate sv).
All. Spilli 5.5 Buono l’approccio alla gara, subisce più di quanto crea, ma superiore nel possesso palla. Fatali gli errori nelle marcature a zona: da rivedere.

BRIANZA OLGINATESE
Esposito 6 Non può nulla sul gol di Amelotti e di fatto è una delle poche occasioni in cui è chiamato a giocare; quasi spettatore nel secondo tempo.
Brini 6.5 Si fa puntare da Broggi nel primo tempo, ma poi non lo lascia più passare; si propone bene anche davanti.
Guanziroli 6.5 Si fa sfuggire Amelotti sull’1-1, ma è protagonista di una buona gara in fase difensiva.
Tarasco 6 Amelotti lo fa soffrire nel primo tempo, ma è sempre bravo quando deve chiudere su Vezzi.
Perini 7 Si abbassa sulla linea difensiva per impostare in fase di possesso, fa rifiatare i compagni con scelte sagge e di esperienza nella gestione della sfera.
Viganò M. 7 Annulla quasi completamente Vezzi per tutta la partita e fa lo stesso con il subentrato Anzano. Il gol che regala i tre punti porta la sua firma: sontuoso.
Belingheri 7 Sicuramente uno dei migliori in campo; classe 2001 e dimostra una personalità e una tecnica decisamente di un’altra categoria. (47’ st Contrastato sv).
Segato 6.5 Certamente non un centrocampista di movimento, non veloce, ma il suo piede non ce l’ha nessuno. Pesca i compagni in modo preciso anche con lanci di 40 metri; suo il corner perfetto per il colpo di testa che porta in vantaggio i suoi.
20’ st Del Re 6 Si sposta sulla fascia e prova a spingere, non ha grandi occasioni per sfondare.
Berberi 6.5 Il gol che sbaglia davanti alla porta è clamoroso, ma il colpo di testa che sigla il vantaggio vale di più: ottima prestazione.
23’ st Citterio 6 Non ha occasioni per calciare, ma gestisce bene la palla quando è chiamato a far salire la squadra.
Pizzini 6.5 Un attaccante perfetto: fisico e tecnico. Oggi un po’ impreciso sotto porta, ma sicuramente una prestazione più che positiva. (42’ st Proserpio sv).
Panzetta 6.5 Gioca da esterno per tutta la partita, ma entra spesso dentro il campo chiamato dalla sua natura di mezz’ala. Quando esce Segato prende il suo posto in mezzo al campo e fa tutto molto bene.
All. Arioli 6.5 Vince con due calci piazzati, ma crea tanto e porta a casa una vittoria importante tanto quanto meritata.

LE INTERVISTE

VARESINA
Spilli è visibilmente amareggiato dopo questa sconfitta, ma vuole rimanere fiducioso per il proseguo del campionato: «Io non mi sento il peso sulle spalle, avevamo un bonus da giocarci, l’ho detto prima della partita anche ai ragazzi, però c’è comunque amarezza. Loro hanno dimostrato di essere forti, ma deve esserci rammarico per aver preso due gol su calcio d’angolo. L’hanno presa sempre loro sui calci piazzati, non avevamo ancora incontrato squadre con grandi saltatori, loro invece molto fisici, avevano centimetri e ci hanno messo in difficoltà. È sicuramente un aspetto su cui dovremo migliorare. La classifica comunque non cambia, noi continuiamo per la nostra strada. Loro hanno chiaramente riaperto il campionato, ma comunque noi siamo in corsa e sappiamo quello che dobbiamo fare. Abbiamo peccato nei particolari, che nel calcio fanno spesso la differenza. Dobbiamo trovare la condizione e la lucidità per giocare anche con questo caldo, è la nostra prima partita con un caldo torrido, che non ci ha sicuramente aiutato; molti avevano i crampi a fine match, con questo caldo ti mancano anche le energie. L’unica cosa che davvero mi dispiace è che su alcuni cambi sono stato un po’ costretto dai cartellini. Per fortuna l’arbitraggio non ha inciso sul risultato, ma l’ha fatto sui miei cambi. Le gare non sono fatte soltanto di uscite da dietro e di palle importanti tra le linee: sono fatte di astuzia, di esperienza e noi troppo spesso nella partita abbiamo peccato in queste caratteristiche. Settimana prossima ci vorrà morale ed entusiasmo a mille, perché ci aspetta un altro big-match».

BRIANZA OLGINATESE
Arioli si toglie un peso, il peso di una partita quasi da dentro o fuori, il peso di una sfida vinta meritatamente: «Sinceramente noi avevamo tutto da perdere, era una gara fondamentale. Siamo caduti la prima giornata in una partita un po’ stregata, non giocata bene e in un girone così non ti puoi permettere di perdere punti in giro. Il peso sulle spalle era tanto e questa partita per noi era come una finale. È un campionato anomalo, lo ripeterò sempre, ma senza vincere oggi probabilmente il nostro sarebbe già finito. La Varesina è una squadra che conosciamo bene, con tanti valori. La partita è stata bella, giocata bene da entrambe, ma noi penso che alla fine abbiamo meritato di vincere, potevamo fare anche qualche gol in più, ma bravi anche loro ad avercelo impedito. Obiettivamente ad inizio partita la Varesina ci ha un po’ destabilizzato, ci ha messo in difficoltà, perché come dicevo è una bella squadra; siamo stati bravi noi a neutralizzarli e ci portiamo a casa questi tre punti pesantissimi. Quando si vince, va tutto bene. Le occasioni più clamorose le abbiamo avute comunque noi e soprattutto nel secondo tempo abbiamo concesso pochissimo, perciò mi sento di fare i complimenti a tutti i ragazzi. Serve la mentalità vincente e oggi l’abbiamo avuta. Fare 100 chilometri con uno zaino di 30 chili o farli senza zaino sono due cose molto diverse, io credo e spero che con la partita di oggi ci siamo tolti questo zaino».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli