10 Aprile 2021

Figc: richiesto al Coni “l’interesse nazionale” per l’Eccellenza

Le più lette

Canegrate Under 16: voglia di vincere e di regionali, Crispino resta fino al 2022

Antonello Crispino, allenatore dell’Under 16 del Canegrate, è in società da ormai tre anni; il tecnico ha allenato i 2002...

Fiammata Asti sul mercato, arrivano Favale e Kerroumi

Ci si aspettava un colpo forte da parte dei Galletti e alla fine ne sono arrivati due. Agli acquisti...

Folgore Caratese: Anania si dimette da allenatore dell’Under 19 e da Direttore Tecnico

Domenico Anania lascia la Folgore Caratese dopo 5 anni. L'ex biancazzurro ha presentato le proprio dimissioni, accettate dal club,...

«La Federcalcio conferma di aver inviato formale richiesta al CONI al fine di condividere la ‘preminenza di interesse nazionale’ per il Campionato di Eccellenza, con l’obiettivo di far ripartire l’attività agonistica. Ciò in virtù del fatto che, come evidenziato da una specifica richiesta del Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, suddetto campionato ha diretti collegamenti con il Campionato Interregionale e prevede le fasi finali nazionali. In attesa della necessaria autorizzazione da parte delle autorità di Governo, le modalità dell’eventuale ripresa saranno discusse nel prossimo Consiglio Federale, che sarà convocato nei primi giorni di marzo. Nel frattempo, la FIGC, con apposito comunicato ufficiale, ha differito i termini del tesseramento nell’ambito dell’attività della LND fino al 31 marzo».

 

Questa la nota ufficiale pubblicata da qualche minuto sul sito ufficiale della Figc. Una comunicazione che è arrivata dopo le note diffuse dalla Lnd e dal Coni, che ‘imputavano’ alla Figc stessa la mancata richiesta formale.

 

Così, in mattinata, dopo le lamentele da parte di molti al mancato inserimento da parte del Coni dell’Eccellenza tra i campionati di ‘interesse nazionale’, lo stesso Coni scriveva sul proprio sito: «In relazione alle numerose richieste e sollecitazioni pervenute al Comitato Olimpico Nazionale da parte di società e tesserati interessati al Campionato di Eccellenza del calcio, il CONI precisa che ai sensi del DPCM vigente, gli eventi e le competizioni riconosciuti di interesse nazionale sono tutti gli eventi e le competizioni ricompresi nell’arco temporale dello stato di emergenza prorogato sino al 15 aprile 2021 – programmati e fissati con sufficiente anticipo nei calendari agonistici, con date e luoghi certi, individuati dalle Federazioni Sportive Nazionale, dalle Discipline Sportive Associate, dagli Enti di Promozione Sportiva ovvero dagli Organismi Sportivi Internazionali. Pertanto nessuna decisione sul Campionato di Eccellenza può essere attribuita al CONI che si limita a recepire quanto deciso e trasmesso dalle singole Federazioni Sportive Nazionali, quindi nel caso in questione dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio».

 

Nota a cui era seguita la precisazione da parte della Lnd: «La Lega Nazionale Dilettanti, in merito agli attesi indirizzi per la ripresa dell’Eccellenza e degli altri campionati regionali di vertice, compresi quelli di calcio femminile e di calcio a 5 (maschile e femminile), ha presentato al riguardo un’apposita comunicazione alla FIGC, nel pieno rispetto di tutti gli adempimenti di carattere formale ed istituzionale.

 Detta comunicazione, inviata lo scorso 8 febbraio, oltre a formulare alla FIGC le istanze relative alla prosecuzione della stagione sportiva 2020-2021 per tutti i campionati regionali con un diretto collegamento alle competizioni nazionali organizzate dalla stessa Lega Dilettanti, contiene una dettagliata relazione sugli esiti del Consiglio Direttivo della LND tenutosi il 5 febbraio 2021.

 Le suindicate istanze, come è noto, sono riferite in primo luogo al riconoscimento, per le già citate categorie, del “preminente interesse nazionale” (che spetta al CONI per il tramite della FIGC) e di conseguenza anche alla richiesta di un’ulteriore proroga dei termini dei tesseramenti e dei trasferimenti dei calciatori e delle calciatrici fino al 31 marzo 2021, scadenza fissata ad oggi al prossimo 26 febbraio.

 La Lega Nazionale Dilettanti, non avendo ricevuto alcun riscontro, nella giornata del 23 febbraio, ha quindi provveduto ad inoltrare alla FIGC una nuova comunicazione, al fine di sollecitare la stessa nel fornire le proprie indicazioni al riguardo, sia per quanto attiene l’avvio dell’iter da parte della FIGC presso il CONI, sia in ordine alla valutazione, da parte della stessa Federazione, sulle determinazioni assunte in modo unanime dal Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti in merito alla ripresa della stagione sportiva 2020-2021».

 

Prosegue dunque la ‘marcia di avvicinamento’ alla ripartenza possibile del Campionato di Eccellenza, dopo che sono stati prolungati i termini dei trasferimenti (come chiesto dalle società e della Lnd), nelle prossime ore arriverà l’inserimento del Coni nella lista di manifestazione di interesse nazionale, e – come scritto nella nota della Figc – nel prossimo Consiglio Federale dei primi di marzo verranno presumibilmente accolte le richieste di deroghe della Lnd sul blocco delle retrocessioni e la possibilità per i vari comitati regionali di scegliersi il format, e verrà anche affrontato il tema del protocollo da attuare (quello della Serie D) con la questione ‘spinosa’ del costo per i tamponi e quei circa 2 milioni di Euro che la Lnd ha ‘quantificato’ nella richiesta di aiuto alla Figc. Piccoli passi verso la ripartenza dell’Eccellenza.

Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c’è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0