12 Giugno 2021

Acos Treviglio Promozione: Nicholas Rossi lascia il club e sceglie la via del calcio a 5

Le più lette

Chisola-Lucento Under 14 All Stars: la fotogallery della partita

È successo di tutto sabato a Vinovo tra il Lucento di Ursoleo e il Chisola di Caccialupi. Vantaggio rossoblù...

Pro Sesto-Genoa Serie C Femminile: Parodi e Seveso per il pareggio, poi la festa biancoceleste

Finisce in pareggio la sfida tra Pro Sesto e Genoa, ma le ragazze di Ruggeri hanno comunque di che...

Lecco-Novara Under 17: Wachira regala alle Aquile il primo successo stagionale

Allo stadio Rigamonti-Ceppi, il Lecco trova la prima vittoria stagionale superando 1-0 il Novara. Le Aquile, che venivano dalla...

Il DS Antonio Viganò ha ufficializzato una separazione in casa Acos Treviglio: Nicholas Rossi si accasa al Bergamo Calcio, club di Serie C1 del Campionato di Calcio a 5 fino al mese di giugno. Una scelta dettata dal desiderio del difensore di tornare a calcare i campi da gioco, cosa che il campionato di Promozione non ha potuto garantirgli per questo finale di stagione: «Ho voglia di giocare e mettermi alla prova con un altro tipo di calcio». Prima di questa decisione, ha tentato un’esperienza interessante all’estero: «Ho provato un mese e mezzo fa a giocare in una squadra di Serie B di Zanzibar, campionato ancora non riconosciuto dalla CAF. Non è stato semplice: a causa dell’altissima temperatura gli allenamenti erano alle 5 del mattino che impedivano di poter praticare calcio. Dopo un periodo di prova ho deciso di ritornare in quanto mancavano i presupposti economici, visto che il club non era professionistico». Un tipo di calcio molto diverso dal nostro: «Molta corsa ma poca tecnica e tattica». Torniamo invece alla scelta del Bergamo Calcio. Come è maturata? «Conoscevo da tempo la squadra. Adesso che la Promozione è stata definitivamente sospesa, ho colto l’occasione per misurarmi con un nuovo sport». A proposito di ciò, quali sono le differenze che hai riscontrato tra le due tipologie di calcio? «Sfatiamo un mito: nel calcio a 5 non si corre di meno come si sente dire spesso. Rispetto al gioco a 11, è molto più veloce e tattico. Posso dire comunque che sono due sport letteralmente diversi, e me rendo conto anche dagli allenamenti: nel calcio a 5 si lavora quasi esclusivamente col pallone, mentre la componente atletica non viene trattata come nel calcio tradizionale». Il tuo futuro, alla luce di questa sterzata, quale sarà? «Io voglio imparare a giocare a calcio a 5, è qualcosa che mi incuriosisce. Certo, mi viene difficile lasciare dopo tutti questi anni il calcio a 11, quindi non posso dire di aver già preso la mia decisione definitiva».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli