10 Aprile 2021

Atletico CVS Promozione, il tecnico Viandanti tra scetticismo e voglia di ripartenza

Le più lette

Il Torino di Nicola ha giocato un derby da vero Toro, dice Luca Giannini

Un derby combattutissimo, un derby con tante emozioni. La Juve non rimedia alla sconfitta con il Benevento e rimedia...

Orsa Iseo: Luciano Quetti il nuovo direttore sportivo, e Coradi replica a Corini

In attesa dell’ufficializzazione di Luciano Quetti come nuovo direttore sportivo, prevista nel pomeriggio di martedì 6 aprile, il presidente...

Eccellenza Girone C: Filippo Ricupati passa al Ciliverghe dalla Calvairate, a Lumezzane dal Desenzano Calvina arriva Franchi

Ciliverghe e Lumezzane continuano la loro già folta campagna acquisti entrambe con un rinforzo in attacco: i gialloblù hanno...

Pochi margini di ripartenza per il campionato. Si unisce al pensiero comune anche Guido Viandanti, allenatore dell’Atletico CVS.

«Purtroppo è tutto fermo. Con il passaggio alla zona gialla stiamo proseguendo gli allenamenti individuali consentiti dal DPCM attualmente in vigore e con il rispetto dei protocolli. In tutta questa situazione, naturalmente, il mercato è categoricamente chiuso, tanto in entrata, quanto in uscita».

Avete ricevuto richieste da parte di qualche tesserato di andare via?

«Al momento no. La rosa è sempre la stessa e stiamo continuando a mantenere lo stesso gruppo».

La situazione non è delle migliori. Qual è il suo pensiero?

«Questo è tutto, fuorché calcio. Senza contatto, senza preparare la partita la domenica, tutto diventa veramente complicato. Mi auguro che si possano capire in modo chiaro quali saranno gli sviluppi. Se dovessimo mettere fine, come pare, alla stagione in corso, ci faremo trovare sicuramente pronti per la prossima annata».

L’Atletico CVS ha disputato le prime tre gare del campionato, ottenendo un pareggio, una sconfitta e una roboante vittoria contro il Cologno per 7-1. Qualche rimpianto per la stagione che vi avrebbe potuto vedere come una delle possibili incognite del campionato?

«Spiace perché c’erano le prospettive per poter fare bene e anche perché avevamo costruito un bel collettivo. Ci credevamo e ci crediamo tuttora, anche se le speranze di ripresa sono ormai ridotte al minimo. Ove dovesse essere così, ci faremo trovare pronti per la prossima stagione, più volenterosi che mai».

In caso di remotissima ripartenza, con che modalità concluderebbe il torneo?

«Quello che era stato proposto tempo addietro sembrerebbe una soluzione ragionevole: disputare un campionato di sola andata, bloccando le retrocessioni e promuovendo solo la prima in classifica. Onestamente, già solo ritornare sui campi, per noi sarebbe un successo. A noi manca giocare. Ci adegueremmo sicuramente al format che dovesse essere proposto».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

nativery.com, 601bdb002ee3c4075ca20115, DIRECT appnexus.com, 11707, RESELLER, f5ab79cb980f11d1 google.com, pub-4529259506427490, DIRECT, f08c47fec0942fa0