10 Agosto 2020 - 21:55:50

Base 96 – Meda Promozione: è gioco di specchi nella guerriglia di Seveso, la Base 96 restituisce il poker nel derby

Le più lette

Superoscar, ecco il calendario. Una formula snella che non toglierà nulla al fascino della manifestazione

Dopo il passaggio di consegne fatto da Roberto Gagna e Pier Giorgio Frassinelli (ne abbiamo parlato in questo articolo)...

Il format dei campionati c’è, le graduatorie di ripescaggio delle giovanili ancora no

Il Comitato Regionale ha deliberato il format dei campionati per la stagione 2019/20 non solo per le prime squadre...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

Se nella gara d’andata aveva prevalso il Meda di Cairoli con un sonoro 4-0, questa volta il derby del Seveso è un fiume di conferme per la Base 96 di Castellazzi, che ringrazia e restituisce il ‘poker’. La vincono e la giocano solamente i rossoverdi, capaci di controllare la gara sin dalle prime battute, non concedendo spazi e vincendo anche la “guerriglia dei nervi”. L’approccio della Base 96 è infatti da “manuale del calcio”, con un pressing asfissiante che rende estremamente difficoltosa la circolazione palla bianconera. Dopo sette minuti di affanno, Bonacina si perde Filomeno nel cuore dell’area di rigore, lo aggancia e lo fa rovinare a terra. Per il direttore di gara non ci sono dubbi, è un penalty sacrosanto, che lo stesso Filomeno non ha difficoltà a trasformare, infliggendo al pallone la giusta traiettoria che rende impossibile una deviazione da parte di Cassina e regalando ai suoi la rete dell’1-0. I ritmi nel primo tempo non sono molto alti e le occasioni sporadiche, soprattutto a causa della grande importanza del match, sia in chiave geografica che posizionale. La partita è molto scenica e ricca di contrasti e discussioni, una guerriglia che viene rotta, però, dal raddoppio sevesino, che arriva nei minuti finali di un concitato primo tempo: corner di Filomeno, palla nel pieno dell’area di rigore e zampata vincente di Quitadamo, professione stopper goleador, che coglie l’attimo e deposita in rete, dimostrandosi, ancora una volta, uno degli uomini più temibili in azioni da corner. Nella ripresa ci si aspetterebbe la pronta reazione da parte degli uomini di Cairoli, ma così non è, perché dopo soli quattro minuti, i bianconeri rimangono in inferiorità numerica, a causa dell’espulsione di Cesarotti, in precedenza già ammonito. È un ulteriore input per la Base, che suona la carica e triplica le marcature al 28’ con Ponti, che riceve un filtrante perfetto da Filomeno e con freddezza e opportunismo supera Cassina, consolidando ulteriormente il risultato. Castellazzi mischia le carte, trova quelle vincenti e cinque minuti più tardi fa poker: Dell’Occa riceve sulla corsia di sinistra, trova al centro Elezi, che senza pensarci conclude con un sinistro potentissimo, che non lascia scampo e s’insacca alle spalle di Cassina. Le emozioni non finiscono, perché Cicola, qualche minuto più tardi, prova ad arrotondare con la “specialità della casa”, ma il suo mancino su calcio di punizione dalla trequarti colpisce in pieno l’incrocio dei pali. Finisce, così, con la rivincita perfetta il derby brianzolo d’alta quota del Girone A: la Base 96 spicca il volo raccogliendo la terza vittoria consecutiva, per il Meda, invece, un boccone amaro, ma non indigesto.

IL TABELLINO DI Base 96 – Meda Promozione

BASE 96 – MEDA 4-0
RETI: 8’ rig. Filomeno (B), 40’ Quitadamo (B), 28’ st Ponti (B), 33’ st Elezi (B).
BASE 96 (4-3-3): Redaelli 6, Serafini 7, De Petri 7 (39’ st Sanseverino sv), Cicola 7.5, Quitadamo 7.5, Borlina 6.5 (36’ st Bustreo sv), Carraro 6.5 (31’ st Dell’Occa 6.5), Villa 6.5, Ponti 7 (34’ st Cossa 6), Filomeno 8, Scavo 6 (26’ st Elezi 7). All. Castellazzi 8. A disp. Frontino, Arienti, Vicario, Farioli.
MEDA (3-5-2): Cassina 5.5, Martino 6 (38’ st Bernareggi sv), Colombi 5, Bonacina 5.5, Sala 5.5, Ronzoni 5, Fraternali 5.5, Cutuli 5.5, Cesarotti 4.5, Di Noto 6, Maugeri 5. All. Cairoli 5. A disp. Chindamo, Shcherbaniuk, D’Astoli, Bottos, Stemmi, Haddaoui, Orsenigo, Mauri.
AMMONITI: Cicola (B), Ponti (B), Serafini (B), Bonacina (M), Cesarotti (M), Colombi (M).
ESPULSO: 5’ st Cesarotti (M).
ARBITRO: Cavalleri di Treviglio 7.

LE PAGELLE DI Base 96 – Meda Promozione

Base 96: gli undici scelti da Fabio Castellazzi

BASE 96 (4-3-3)
Redaelli 6 Spettatore non pagante, i palloni toccati a fine partita sono pochissimi.
Serafini 7 Stupisce per personalità e costanza nell’attaccare sulla sua corsia di competenza, non sbaglia nulla.
De Petri 7 In stato di grazia, quando va in proiezione offensiva, Ronzoni fatica ad opporsi.
Cicola 7.5 Dà l’ennesima prova di forza: lotta su ogni pallone vagante, gestisce quelli sporchi e colpisce in pieno l’incrocio dei pali su punizione, sarebbe stata la ciliegina sulla torta.
Quitadamo 7.5 In area di rigore avversaria vige la “Sentenza Quitadamo”: ancora una volta in gol su azione da piazzato.
Borlina 6.5 Roccioso e aggressivo, si divora Maugeri e Cesarotti e non concede alcuno spazio.
Carraro 6.5 Si dimostra ancora una volta prezioso, funge da raccordo tra difesa ed attacco nei meccanismi perfetti di Castellazzi.
Villa 6.5 Buona prova la sua, sempre nel vivo del gioco e con un occhio rivolto verso i compagni attaccanti.
Ponti 7 Chiude il match sfruttando al meglio il suo senso di posizionamento, cinico e letale come Pippo Inzaghi.
Filomeno 8 Conquista e trasforma il rigore dell’1-0, pesca Quitadamo sul 2-0, estrae un coniglio dal cilindro sul 3-0 di Ponti: tutti gli occhi sono ormai puntati su di lui.
Scavo 6 Nella straordinaria giornata di grazia della Base 96 non brilla eccessivamente. (dal 26’ st Elezi 7 Senza fronzoli, sua la rete del 4-0 con un mancino vigoroso).
All. Castellazzi 8 Terza vittoria consecutiva e vendetta perfetta, sembra aver trovato la giusta quadra, ora i suoi possono stupire.

 

Meda: gli undici scelti da Giovanni Cairoli

MEDA (3-5-2)
Cassina 5.5 Raccoglie quattro palloni dal sacco, non si mostra mai troppo deciso e crolla coi suoi.
Martino 6 Si guadagna la sufficienza, sempre pimpante e propositivo, nella ripresa è sua una delle pochissime conclusioni.
Colombi 5 Nervoso e ingabbiato, non spinge mai con convinzione e si trova a fronteggiare un Serafini in forma super.
Bonacina 5.5 Causa il rigore dell’1-0 ed è uno dei peggiori nel primo tempo, nella ripresa migliora.
Sala 5.5 Giornata negativa, è spesso posizionato male, come in occasione del 3-0 di Ponti.
Ronzoni 5 Non riesce ad imporsi, difficilmente riesce a leggere le situazioni e perde il duello con Filomeno.
Fraternali 5.5 Sicuramente non positivo, ma nel complesso prova ad invertire la tendenza con la sua dinamicità.
Cutuli 5.5 Prova a colpire ma gioca a sprazzi, non riesce ad esprimersi perché stretto dalla morsa sevesina.
Cesarotti 4.5 Macchia enormemente la gara con un doppio giallo più che evitabile, lascia i suoi in dieci per quasi un tempo intero.
Di Noto 6 Al pari di Martino risulta sufficiente, prova ad illuminare il gioco ma non trova il giusto guizzo.
Maugeri 5 Assente per tutta la gara, difficile incidere se non ci sono buone opportunità e se si rimane isolati per quasi un’intera frazione di gioco.
All. Cairoli 5 Giornata da dimenticare per i suoi: poca lucidità, troppo nervosismo e nessuna idea. Un boccone amaro ma non indigesto, perché i suoi sono sempre in corsa.

 

ARBITRO: Cavalleri di Treviglio 7 Gara molto difficile da dirigere, la gestione dei cartellini è buona, il rigore per la Base 96 e il rosso a Cesarotti giusti.

 

GUARDA IL RIGORE TRASFORMATO DA FILOMENO (BASE 96)

 

 

Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e nello store digitale

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli