Castiglione Promozione
Castiglione Promozione

La serata avrebbe potuto avere un altro destino, sarebbe potuta diventare una tra le più memorabili, ma il cammino si è rivelato ancor più tortuoso di quanto preventivato, e la favola tanto sperata si rivelata una grossa delusione. Più che di delusione si tratta di amarezza, di non aver fatto abbastanza, di non esser riusciti in un’impresa tanto difficile quanto desiderata. Prima l’illusione, poi la condanna. Dopo il 4-2 dell’andata, la gara di ritorno è terminata 1-1. Il tecnico Paolo Tanelli ha rinnovato la fiducia verso i suoi undici, confermando gli stessi della sconfitta di Melegnano, ai rossoneri rispondono gli uomini di Ermes Ghirardi, anche loro schierati con il 4-3-3. L’inizio gara è caratterizzato da ritmi compassati e fasi di studio delle due squadre, con i rossoneri che tengono botta all’avanzata avversaria, avversari che non impensieriscono la retroguardia barasina. La rete che rompe gli equilibri arriva al 26’: dalla destra Daniele Bontempi serve un cross preciso nell’area di rigore, Toscani stacca di testa, batte il portiere e segna l’1-0. Forti del vantaggio appena acquisito, i ragazzi di Tanelli spingono sull’acceleratore, non riuscendo a risultare incisivi, complici gli interventi di Roma e Lazzaroni. Terminato il primo tempo le squadre sono scese in campo per la ripresa. I primi minuti hanno visto la compagine rossonera alla ricerca del secondo gol, gol che sarebbe valso la qualificazione. Al 21’ però il Castiglione trova il gol del pareggio: Pizza effettua un lancio lungo su cui si avventa Vitali che va al tiro con una conclusione più che potente, Italiano respinge corto e Pedrinelli insacca in porta, 1-1. Il gol del Castiglione riscalda maggiormente gli animi, e lo stadio, decorato da una cornice di pubblico più che meravigliosa, si trasforma in un vero e proprio inferno. I Barasini attaccano con tutte le loro forze, senza trovare però il gol. Al triplice fischio il risultato è di 1-1. Deluso per il risultato sopraggiunto l’allenatore Paolo Tanelli ha così commentato: «La prestazione della squadra per me è stata una buonissima prestazione sotto tutti i punti di vista: tecnico, tattico e anche strategico. Ci ha penalizzato un episodio, su un tiro defilato che poteva essere gestito meglio. Fossimo rimasti sull’1-0 avremmo avuto buone possibilità di trovare il secondo gol. La squadra ha comunque spinto ancora anche in parità, dispiace per i nostri tifosi». Di tutt’altro umore il tecnico Ghirardi, che si appresta a disputare la finale: «C’è grande felicità perché la società non aveva questo obiettivo, voglio fare i complimenti al Sant’Angelo, mi sono davvero piaciuti». Il Sant’Angelo è fuori dalla Coppa Italia, il suo cammino per l’Eccellenza passerà ora dai play-off, in attesa dell’ultima gara contro il Basso Pavese che decreterà la posizione raggiunta in campionato.

SANT’ANGELO-CASTIGLIONE 1-1 (andata 2-4)
RETI: (1-0; 1-1) 26’ Toscani (S), 21’ st Pedrinelli (C).
Sant’Angelo (4-3-3): Italiano 5.5, Spaneschi 6 (38’ st Giambelluca 6), Vigorelli 6 (48’ st Sane s.v.), Milani 6 (25’ st Constantin 6.5), Dragoni 6, Fondrini 6.5 (35’ st Cisse 6), Bontempi 6.5, Greco 6.5, Toscani 7, Zingari 6, Odi 6. A disp.: Manzoni, Galmozzi, Grandi, Allieri, Blancato. All. Tanelli 6
Castiglione (4-3-3): Gargallo 6.5, Re 6, Tonini 6, Pizza (29’ st Bellandi 6) 6.5, Roma 7.5, Lazzaroni 7, Vitali 7, Pedrinelli 7.5, Botturi 6,5 (46’st Coulibaly 6.5) 6, Lalaj (25’ st Narcelli 6) 6, Semmah 6 (1’ st Cavicchioli 6). A disp.: Pizzamiglio, Pasetti, Pincella, Gandini. All. Ghirardi 7
ARBITRO: Radice di Sesto San Giovanni 7 Direzione di gara molto buona, regge la pressione e sopporta l’ambiente incandescente.

PAGELLE SANT’ANGELO
All. Tanelli 6 I suoi dominano il primo tempo, subiscono il contraccolpo dopo il pareggio.
Italiano 5.5 Prestazione macchiata dalla respinta su Vitali che causa il pareggio avversario.
Spaneschi 6 Spinge sulla fascia (38’ st Giambelluca 6).
Vigorelli 6 Attento, senza particolari sbavature (48’ st Sane s.v.).
Milani 6 Posto in cabina di regia, è abile nel recuperar palla (25’ st Constantin 6.5).
Dragoni 6.5 Buona prestazione, argina bene le iniziative avversarie.
Fondrini 6.5 In linea con il compagno di reparto (35’ st Cisse 6).
Bontempi 6.5 Svolge un lavoro prezioso, suo l’assist per il vantaggio.
Greco 6.5 Da solidità a centrocampo, bravo nel sacrificarsi sia in attacco che in retroguardia.
Toscani 7 Autore del gol del vantaggio, è il più pericoloso del tridente.
Zingari 6 Poco servito, fa il possibile. Ammonito per eccessive proteste.
Odi 6 Impatta sulla retroguardia avversaria, ci crede sempre.

PAGELLE CASTIGLIONE
All. Ghirardi 7: Sprona la squadra nel modo giusto, trova il pareggio e agguanta la finale.
Gargallo 6.5 Non può nulla sul gol, presente nel momento del bisogno.
Re 6 Tiene bene sulla fascia.
Tonini 6 In confusione nel primo tempo, si rifà durante la ripresa.
Pizza 6.5 Suo il lancio sul gol del pareggio, prezioso (29’ st Bellandi 6).
Roma 7.5 Il migliore tra i difensori, invalicabile.
Lazzaroni 7 Insieme a Roma, principale artefice della resistenza rossoblu.
Vitali 7 Offre corsa e dinamismo, dal suo tiro nasce il gol del pareggio.
Pedrinelli 7 Trova il pareggio, il gol impreziosisce una buona prestazione.
Botturi 6,5 Partita di sacrificio, torna spesso in aiuto (46’st Coulibaly 6.5).
Lalaj 6 Gioca una gara ordinaria (25’ st Narcelli 6).
Semmah 5.5 Poco incisivo, viene sostituito (1’ st Cavicchioli 6).
A disp.: Pizzamiglio, Pasetti, Pincella, Gandini.

LE INTERVISTE: ASCOLTA GHIRARDI


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.