15 Gennaio 2021

Fiorente Colognola, tra campo e sociale: nuovo staff, nuovo campo e importanti progetti contro il bullismo

Le più lette

Settore Giovanile, la lista con tutti gli svincolati

Scaduti i termini per le società per perfezionare le liste degli svincoli, c'è già chi ha si è assicurato...

Juventus – Fiorentina Finale Supercoppa Italiana: Bonansea show e trionfo bianconero

La Juventus mette in bacheca l'ennesimo trofeo facendo sua la Supercoppa Italiana. Nella finale di Chiavari contro la Fiorentina...

Virtus Rondinelle Under 15, l’allenatore Alberto Bonetti: «Imparare anche dai propri errori, piuttosto che vincere a tutti i costi»

Dal lontano 2013 ad oggi, Alberto Bonetti si trova in casa Rondinelle. Per questa stagione calcistica, l'allenatore guida la...

Sfidando ogni superstizione la Fiorente Colognola ha presentato la Prima Squadra nella serata di venerdì 17 nella cornice dell’oratorio di Via San Sisto a Bergamo, dove oltre ai giocatori, tra riconferme e nuovi volti, sono state presentate altre figure, su tutti il neo tecnico della squadra Ivan Baretti e il suo staff con il vice Ivan Pesenti e il preparatore dei portieri Matteo Cortesi. A fare gli onori di casa ci ha pensato il presidente dei viola Alessandro Cantamesse, che ha esordito ricordando a tutti i presenti che: «noi siamo la Fiorente», sottolineando l’importanza di fare gruppo per essere vincenti fin da subito.
La parola è passata poi al vicepresidente Federico Gambarini, il quale, oltre a seguire più da vicino la Prima Squadra, composta da molti ragazzi al di sotto dei vent’anni e che giocherà in Promozione per il quinto anno di fila, ha annunciato una grossa novità relativa al campo che verrà rifatto con i lavori al via in agosto per arrivare pronti a settembre e svolgere già i primi allenamenti e le future partite di campionato.
Il nuovo Direttore Generale, Emanuel Molle, che ha preso il posto del dimissionario Alessandro Gibellini, ha parlato dei sacrifici che sono stati fatti dalla società, del cambiamento che si vuole attuare e dei traguardi per la stagione 2020-21 con l’obiettivo primo della salvezza. Sempre Molle si è poi soffermato sulla scelta dello staff tecnico, con Baretti, Pesenti e Cortesi definiti come una miscela di determinazione, esperienza ed estrosità, gli elementi giusti per fare la differenza sia in campo che fuori, soprattutto per quel che riguarda il concetto di gruppo.
Il responsabile dei rapporti istituzionali, Omar Gentile, ha invece illustrato quelli che saranno i progetti sociali che coinvolgeranno direttamente la Prima Squadra e che si focalizzeranno sul bullismo, sul cyberbullismo e sull’integrazione sociale dei ragazzi attraverso lo sport. Nel corso di questi interventi, che prenderanno il via a ottobre, con la Prima Squadra si alterneranno personalità di associazioni sportive e campioni di diverse discipline, per dare un segnale importante contro i comportamenti violenti ed essere al contempo un punto di riferimento per il quartiere e la cittadinanza.
L’ultimo intervento, ma non meno importante, è stato proprio del neo allenatore Ivan Baretti, che si è detto contento e onorato per l’opportunità che gli è stata offerta dalla società e che si è rivolto ai suoi giocatori dicendo che dovranno essere loro a dimostrare sul campo il vero valore di questa squadra. La preparazione in vista degli impegni ufficiali prenderà il via il 17 agosto, settimana in cui si svolgeranno doppi allenamenti, e a tal proposito Baretti ha affermato: «Abbiamo dato una pre-preparazione un po’ più lunga degli anni scorsi proprio per cercare di fare arrivare il calciatore pronto. Crediamo molto nelle partite a tema, nella pressione, nella rapidità e nell’aggressione». Il tecnico non mancherà di lavorare sulla testa dei giocatori, essendo questo un gruppo con tanti nuovi arrivati: «È un gruppo nuovo, abbiamo dodici innesti e sappiamo che ci saranno delle difficoltà iniziali per amalgamare i ragazzi. Sicuramente la parte più importante è la parte mentale, e inizieremo il 17 proprio per cercare di fare gruppo, stare uniti e far capire ai calciatori cosa vogliamo sia nella parte tattica, ma soprattutto a livello di cultura di calcio».

FIORENTE COLOGNOLA
Il tecnico Ivan Baretti e i suoi collaboratori Ivan Pesenti e Matteo Cortesi con la dirigenza della squadra viola

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli