12 Maggio 2021

Landriano Promozione, le dichiarazioni di Fiammenghi dopo l’incontro con la società: «Io e Mercuri possibili punti fermi»

Le più lette

Sestri Levante-Lavagnese Serie D: Ruvo fa suo il derby e sogna i playoff

Al Sivori Ruvo fa la parte del leone, attacca la sua preda, divora la sua carcassa e bracca i...

Lecco Primavera 3, Andrea Malinverno e la sua storia in riva al lago con vista sulla Serie C

Se da una parte i numeri dicono che la stagione del Lecco è altalenante, non si può dire lo...

Prevalle-Speranza Agrate: doppio Berta e Comotti regalano la seconda vittoria di fila a Nicolini ora a meno tre dalla vetta

Seconda vittoria di fila per il Prevalle di Nicolini che supera per 3-1 l'ostico avversario della Speranza Agrate con...

È arrivato prima di Pasqua l’atteso faccia a faccia in casa Landriano tra alcuni calciatori e la società. Confronto necessario dopo gli addii in pochi giorni del tecnico Valerio Bernorio e del DS Gerardo Bruno che hanno sconvolto l’assetto della squadra. Edoardo Fiammenghi, difensore in forza al club biancorosso, ha fatto il punto della situazione: «Ho incontrato il Presidente e mi ha spiegato le sue intenzioni. L’idea di fondo sarebbe quella di creare una squadra totalmente nuova e basata su ragazzi giovani, mantenendo due o tre elementi esperti, tra cui il sottoscritto e Luca Mercuri, centrocampista completo e con alle spalle tantissimi anni di professionismo. Il budget, considerata anche la situazione contestuale, sarà ridotto rispetto all’anno precedente e questo è un elemento da tenere in considerazione».

Hai già deciso se restare, alla luce di questa proposta?

«Onestamente ancora non ho fornito alcuna risposta. Posso anticipare che non ho attualmente ricevuto delle offerte, ma voglio prendermi il tempo giusto per valutare se proseguire il mio rapporto. Dopo Pasqua spero di sciogliere i dubbi».

Sul nuovo tecnico qualche novità?

«È ancora un punto interrogativo, per quanto ne sappiamo».

Confermi che c’è la volontà di ripartire, se ci dovessero essere gli estremi?

«L’idea rimane quella paventata settimane fa: se i contagi dovessero calare e la situazione migliorare, potrebbero essere organizzate delle amichevoli per testare la squadra. Ovviamente, nell’eventualità, parleremmo di maggio/giugno per poter riassaporare il terreno di gioco».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli