14 Luglio 2020 - 00:24:08

Meda Promozione, Giovanni Cairoli: «In linea con gli obiettivi, tra soddisfazioni e qualche rimpianto»

Le più lette

Aldini, sciolte le riserve sulla panchina dell’Under 14: ecco Mayco Bonetti

Ufficiale: la panchina dell'Aldini Under 14 sarà affidata a Mayco Bonetti. Il tecnico ex Atletico Alcione, dopo varie esperienze...

Mario Zanconti Under 19, Vincenzo Didona confermato sulla panchina arancioblù

Mario Zanconti Under 19, Vincenzo Didona confermato sulla panchina arancioblù. Ecco il comunicato del club bergamasco: «Il Direttore Tecnico...

Scanzorosciate Serie D, Bertacchi e Moraschini continuano in giallorosso

Due importanti conferme per lo Scanzorosciate. Un mix di gioventù ed esperienza per la rosa di Nicola Valenti che...

Il campionato di Promozione girone A era sicuramente in linea con gli obiettivi stagionali che si era preposto il Meda, ovvero la post season. I bianconeri infatti, con i 35 punti raccolti, erano a bordo di quel treno chiamato playoff. 10 vittorie, 5 pareggi e 6 sconfitte per il secondo miglior attacco del campionato, dietro solo a quello della capolista Gavirate.
Con Giovanni Cairoli, tecnico dei bianconeri, abbiamo anzitutto parlato del futuro dei campionati: «Riprendere è quasi impossibile ormai; sono abbastanza certo che non si riuscirà a terminare la stagione. Non so nemmeno se il prossimo anno tutti riusciranno ad iscriversi…Attendiamo delle delucidazioni, sicuramente, a prescindere dalla scelta, qualcuno rimarrà scontento. Poi rimane sempre la questione fuoriquota, che è e sarà spinosa da risolvere». «Forse la cosa migliore sarebbe annullare la stagione – prosegue l’allenatore bianconero – ma poi se penso al nostro girone il Gavirate aveva praticamente un piede in Eccellenza, andando a guardare ad esempio il girone B il distacco della prima era di un solo punto. Sarà una decisione difficile che non andrà bene a tutti».
Un pensiero va anche all’Under 19 del Meda, che aveva già aritmeticamente vinto il campionato: «Spero che in questo caso il titolo resterà, lo hanno vinto sul campo alla fine».

Il Meda di Giovanni Cairoli

Parlando di calcio giocato e di questa stagione, Giovanni Cairoli racconta: «Eravamo assolutamente in linea con l’obiettivo stagionale, ma potevamo e dovevamo fare di più. Onestamente all’inizio ero assolutamente soddisfatto della squadra, poi c’è stato quel calo, forse dovuto al fatto che ci sentivamo forti e quindi abbiamo abbassato un po’ la guardia».
Un campionato assolutamente combattuto quello di Promozione A, e lo stesso Cairoli osserva: «A parte il Gavirate era un girone estremamente equilibrato. Sarò sincero, noi abbiamo buttato via un sacco di punti, soprattutto per colpa nostra e per nostre disattenzioni. Pensare che domenica 23 febbraio avremmo potuto operare il sorpasso sulla Base 96; noi avremmo dovuto ospitare il Fagnano mentre loro il Gavirate».
Non una delle squadre più giovani del girone, ma il tecnico tiene a sottolineare: «A parte Battaglino, Bonacina e Sala il resto della squadra era giovane. Ho sempre detto di non aver alcun problema a far giocare i giovani e penso di averlo dimostrato impiegando un 2003, Haddaoui, che in due partite disputate ha anche segnato un gol».
Ripercorrendo le gare disputate qualche rammarico c’è, ma anche tante soddisfazioni: «La peggior partita sicuramente è stata quella casalinga con l’Uboldese, era la mia centesima da allenatore e noi non siamo quasi scesi in campo. I ricordi belli sono tanti, il primo derby con la Base 96, e le due gare con il Gavirate, portare a casa 4 punti contro di loro è stato assolutamente soddisfacente».
Immancabile uno sguardo verso il futuro: «Si ritornerà al quel calcio romantico, fatto di passione vera. E sicuramente io ne sarei solamente contento».

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli