17 Maggio 2021

Meda – Vibe Ronchese Promozione: Bam Bam Twist Meda, con quattro reti Cairoli fa ballare i bianconeri

Le più lette

Sancolombano, ecco il primo volto nuovo: in arrivo Alessandro Zoppetti, guiderà l’Under 17

Il Sancolombano è quasi pronto a rilanciarsi verso la prossima, si presume calda, stagione e lo fa riconfermando un...

Pergolettese-Feralpisaló Primavera 3: emozioni a non finire a Ripalta e alla fine la spuntano gli ospiti con un super Beltrami

Gara spettacolare e ricca di emozioni quella fra Pergolettese e Feralpisaló, terminata con la vittoria dei Leoni del Garda....

Renate-Pro Sesto Primavera 3: Proverbio para di tutto, Bianchi la decide nella ripresa tra le mille proteste

Tre punti sudati al termine di una vera e propria battaglia quelli conquistati dal Renate di Battilana che ferma...

È un Meda da twist quello di Giovanni Cairoli, che dopo un difficile inizio di gara cambia passo e archivia la pratica Vibe Ronchese con un sonoro 4-1, che al termine della gara pare quasi una sentenza. Sentenza perché il Meda gioca bene, chiude gli spazi, ma soffre per alcuni tratti la rapidità della Vibe, che al contrario, di spazi ne concede fin troppi, rendendo di fatto troppo facile “ballare”. La prima frazione di gioco va a corrente alternata: a una lunga fase di studio ne segue una brevissima e intensa caratterizzata da tre reti. Il primo squillo è di marca ospite e arriva dopo nemmeno quaranta secondi con la conclusione dalla distanza di Corti, che non c’entra l porta ma calcia a lato. Squadre ben distribuite in campo e pochi spazi concessi ambo le parti, squadre ancora in fase di studio. Dopo un affondo dei padroni di casa, non concretizzatosi, risponde al quarto d’ora la Vibe, con l’estro di Caspani, che si accentra da sinistra, prova il destro a giro e sfiora il palo alla sinistra di Chierico. Al 25’ occasione per il Meda, che spreca una buona occasione con Fraternali, che non riesce ad impattare bene un buon cross dalla sinistra di Giglio. È il preludio al vantaggio bianconero, che arriva due minuti più tardi seguendo il medesimo copione: De Giorgio dalla sinistra prova a mettere una palla radente e trova la deviazione decisiva di Riva, che devia nella propria porta, consegnando il vantaggio ai padroni di casa. Gli ospiti reagiscono subito e provano a sfondare sulla destra con Corti, che mette al centro per Caspani, che solo davanti al portiere viene prontamente anticipato da Ba Siny, che con straordinaria intelligenza salva i suoi. Ma la Vibe non perdona e un minuto più tardi è pari: Pagani intercetta un pallone dai piedi di Ronzoni, serve al centro Intrieri, che secca Chierico: è 1-1. Cairoli leva Fraternali, inserisce Mauri- passa al 4-2-3-1- e la partita si riscalda e vede i padroni di casa spingere ancora all’attacco con il piede caldo di Tagliabue, che prima ci prova più volte dalla distanza senza successo, ma poi calcia un corner perfetto sul primo palo, trovando Colombo ben appostato: la deviazione è precisa e si insacca alle spalle di Origo, per la rete del nuovo vantaggio. A due minuti dallo scadere ancora avanti gli uomini di Cairoli, con la buona sponda di Giglio per l’accorrente De Giorgio, che però non riesce ad inquadrare lo specchio col sinistro. La ripresa è sin da subito in discesa per gli ospiti, che al 3’ colpiscono un palo con Mauri, che riceve a centro area e non ha problemi a ritagliarsi lo spazio per la conclusione. All’8’ su un forcing ospite cade a terra Corti, su un contatto ravvicinato con Martino: per l’arbitro non ci sono dubbi, è penalty. Dal dischetto è però impreciso Pagani, che centra in pieno il palo alto alla sinistra di Chierico. Il copione è da oscar perché il contropiede successivo premia il Meda, che allunga le distanze sul 3-1: Giglio è molto rapido sulla ripartenza ed è lesto a trovare ben appostato a centro area Mauri, che di testa prende in controtempo Origo, prontamente scavalcato. Il 4-1 arriva, invece, al 25’ ed è ancora una volta nel segno di Colombo, che disegna un gran pallonetto su ribaltamento di fronte e scavalca un disattento Origo, che tocca ma non trattiene. Nel finale di gara i ritmi si abbassano ma a prevalere sono gli ospiti, che provano in diversi modi a impensierire Chierico, tuttavia senza successo. Il finale premia gli uomini di Cairoli, coriacei e furbi al punto giusto, mentre condanna quelli di Piseddu, troppo sterili e poco creativi: al Città di Meda termina 4-1.

IL TABELLINO

MEDA – VIBE RONCHESE 4-1

RETI (1-0; 1-1; 4-1): 27’ aut. Riva (V), 29’ Intrieri (V), 32’ Colombo (M), 9’ st Mauri (M), 25’ st Colombo (M).

MEDA (3-4-3): Chierico 6, Ronzoni 6.5, Martino 6, Bonacina 7, Tagliabue 6.5, Ba Siny 8, Fraternali 5.5 (30’ Mauri 7.5), Bonoldi 6, Giglio 7 (26’ st Tallarita 5.5), Colombo 8, De Giorgio 6.5. All. Cairoli 7.5. A disp. Cassina, Bottos, Schcherbaniuk, Stemmi, Orsenigo, Pozzi, Dal Pozzolo. Dir. Bartesaghi.

VIBE RONCHESE (4-2-3-1): Origo 5, Fumagalli 5.5, Citterio 6, Colombo 5.5, Riva 5, Tentori 6.5, Corti 6.5, Pagani 5, Intrieri 6.5 (30’ st Merlini), Caspani 6.5, Bixheku 5.5 (13’ st Sica 5.5). All. Piseddu 5.5. A disp. Rigamonti, Tombari, Sala, Limonta, Lietti, Wadja, Korri. Dir. Galimberti.

AMMONITI: Ba Siny (M), Martino (M).

ARBITRO: Belingheri di Lecco 7.

LE PAGELLE

MEDA (3-4-3):

Chierico 6 Non viene impegnato particolarmente a parte nel finale, non ha responsabilità sui gol.

Ronzoni 6.5 Suo l’errore che porta al momentaneo pari ospite, si rifà con grande personalità

Martino 6 Un po’ troppo irruento in occasione del penalty, per il resto buona spinta.

Bonacina 7 L’esperienza aiuta e anche tanto, prova concreta la sua.

Tagliabue 6.5 Disegna e ricama, sempre pericoloso il suo destro.

Ba Siny 8 Autoritario e fondamentale, non ne sbaglia una: la sua gara è perfetta.

Fraternali 5.5 (30’ Mauri 7.5 Il suo ingresso in campo è la chiave di decriptazione della partita: quando rimpolpa la mediana il Meda dilaga).

Bonoldi 6 Un po’ timidino, fatica a costruirsi grossi spazi ma non fa grandi errori. Sufficiente.

Giglio 7 Una spina nel fianco: per tutto il tempo che Cairoli lo lascia in campo è pungente e decisivo. (26’ st Tallarita 5.5).

Colombo 8 Parte in sordina e poi tira fuori due reti decisive, manifestando grande voglia di incidere e rifinire per le punte.

De Giorgio 6.5 Sempre nel cuore delle sortite offensive dei suoi.

All. Cairoli 7.5 Sa interpretare la gara al meglio, indovinando la collocazione di Mauri. Il suo calcio è intelligente e fluido, finalmente la prima vittoria in campionato.

VIBE RONCHESE (4-2-3-1):

Origo 5 Troppo morbido in diverse occasioni, specialmente quando concede il 4-1 a Colombo.

Fumagalli 5.5 Non spinge particolarmente, il suo apporto al reparto offensivo è un po’ sterile.

Citterio 6 Ordinato, prova a guidare i suoi alla risalita ma senza successo.

Colombo 5.5 Non la sua migliore prova, fatica a contenere gli attacchi avversari.

Riva 5 Sua l’autorete che apre le danze tra i bianconeri, per il resto della gara, come il compagno di reparto, ha diverse difficoltà.

Tentori 6.5 Uno dei migliori dei suoi, gioca con costanza e ambizione, non risparmiandosi mai in nessuna zolla di campo.

Corti 6.5 Coordinato, ordinato e minaccioso, sempre nel cuore della manovra offensiva.

Pagani 5 Errore cruciale dal dischetto, poteva riaprire i conti ma è impreciso.

Intrieri 6.5 Tanto lavoro sporco e poco spazio quest’oggi, lo sfrutta bene in occasione del pareggio ma poi si mostra leggermente statico. (30’ st Merlini sv).

Caspani 6.5 Al pari di Tentori uno dei migliori dei suoi, sempre vivace e frizzante, dà molto fastidio alla retroguardia medese.

Bixheku 5.5 Non si nota particolarmente in una partita molto confusa. (13’ st Sica 5.5).

All. Piseddu 5.5 I suoi la perdono malamente e si mostrano vulnerabili soprattutto sulle ripartenze. Ci sarà molto da lavorare, Covid permettendo.

ARBITRO: Belingheri di Lecco 7 Direzione autorevole ed autoritaria, sbaglia davvero poco ed è obiettivo coi cartellini.

 

 

IL DOPOGARA

Queste le parole integrali di un soddisfatto – a metà – Giovanni Cairoli: «In linea generale sono contento, abbiamo vinto 4-1, è inevitabile. Ci sono delle cose in cui dobbiamo migliorare ma lo sappiamo: man mano cresciamo: non siamo degli imbecilli domenica scorsa e non siamo dei fenomeni oggi. Dobbiamo lavorare non preoccupandoci per gli altri, ma per noi stessi, dobbiamo giocare. Sono nero per i 25 minuti finali, in cui non abbiamo giocato proprio per niente: non dobbiamo mollare fino alla fine e quando vedo lanci lunghi senza accorciare mi infurio perché non è ciò su cui lavoriamo. Quindi, sono contentissimo per il 4-1 ma arrabbiato per i minuti finali».

Molto deluso, invece, Carlo Piseddu: «Posso solo dire che il risultato è abbastanza bugiardo, ci sta perdere ma 4-1 mi sembra esagerato. È evidente che siamo stati parecchio disattenti su 4 cose e siamo stati puniti, soprattutto se non facciamo gol. Rispetto a settimana scorsa non può essere migliorato nulla perché abbiamo pareggiato mentre oggi abbiamo perso quindi direi che lo stato d’animo è peggiorato per quanto riguarda i miei ragazzi. Noi siamo partiti per salvarci ma è difficile commentare dopo una partita come quella di oggi».


Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli