Colombo nuova avventura a Manara, Pizzi il Ferguson d’Agrate

1164
Max Colombo, neo ds del Manara
Max Colombo, neo ds del Manara

Chiusa la stagione regolare, diventa subito rovente il mercato nel Girone B di Promozione, perlomeno quello delle panchine. Partendo dal Luciano Manara, la società lecchese ha ufficializzato un colpo nell’aria già da diverse settimane, ovvero il nuovo direttore sportivo di prima squadra e juniores, che sarà l’ex Barzago Massimiliano Colombo. «Dopo 5 anni di Barzago – afferma Colombo – mi sembrava fosse arrivato il momento di cambiare. Accettare il Luciano Manara è stato facile, d’altronde stiamo parlando di una società blasonata e con grande ambizioni dotata di strutture molto importanti dove poter sviluppare un calcio di alto livello». Sulla sua nuova avventura il neo ds Colombo indica anche quali saranno gli obiettivi della squadra: «A me non piace – aggiunge Colombo – partire con degli obiettivi fissi. Sicuramente cercheremo di fare bene e di mantenere il blasone che questa società ha. A lungo termine posso dire che cercheremo di sviluppare al massimo il nostro florido settore giovanile. L’augurio è quello di creare nel tempo una rosa composta prevalentemente da giocatori prodotti in casa dal Luciano Manara». Assieme al ds, l’asse Barzago-Barzanò, secondo i rumors dovrebbe portare alla società biancazzura anche Claudio Abaterusso, per ricomporre il duo che con Colombo tanto bene ha fatto nelle ultime stagioni a Barzago. Ma su questo argomento Colombo resta più vago: «Ancora non abbiamo preso una decisione in merito, sicuramente Abaterusso è un profilo che piace, ma è ancora tutto in fase di valutazione. Nei prossimi giorni si saprà». Ma se Abaterusso approderà alla corte del Luciano Manara, quale sarà il futuro dell’ex Olginatese Fabio Corti che quest’anno ha comunque condotto la squadra fino ai playoff? Il gatto sembra, ad oggi, essere sempre più lontano dal Manara e sempre più vicino all’ambizioso Lissone: le parti sono vicine a giorni dovrebbe arrivare la fumata bianca.

Altra panchina calda in queste settimane era quella della Speranza Agrate, visto che fino ad un mese fa il nome del tecnico Gianmaria Pizzi sembrava sempre più lontano dalla società agratese, a maggior ragione dopo la storica qualificazione ai playoff. Invece proprio oggi, tramite il profilo social della società rossoverde, è arrivata la conferma del tecnico anche per la prossima stagione, l’ottava per essere precisi. «Come già avevo detto al presidente – afferma Pizzi – prima di lasciare Agrate ci avrei pensato 100 e più volte. È vero ci sono state delle richieste e dei contatti con altri società, ma alla fine ho deciso di rimanere qua ad Agrate, dove sono riuscito a costruirmi dei legami forti che hanno reso questa società una seconda pelle per me, una seconda famiglia. Poi, se posso, devo dire che il soprannome che mi stanno dando (quello di Ferguson di Agrate) sta iniziando a piacermi. Ora, però, ci prendiamo un attimo di pausa per poi riiniziare a lavorare in vista della prossima stagione. Dire ad oggi quale sarà il nostro obiettivo preciso è forse limitante, come ogni anno dirò ai miei ragazzi che l’obiettivo sarà fare almeno un punto in più rispetto alla passata stagione. Quest’anno ne abbiamo fatti 46, e sono valsi i playoff, l’anno prossimo proveremo a farne 47».

Se ad Agrate la situazione sembra essere chiara e nitida, diversa è la situazione a Basiano, in casa BM Sporting, dove tra Prima squadra e Juniores il valzer delle panchine è iniziato ed i nomi che ruotano attorno alla società in viola sono insistenti e di assoluto livello. Per ciò che riguarda la Prima squadra i nomi forti che ruotano attorno alla panchina sono quello di Pietro Pravatà, ex Olimpic Trezzanese, e Daniele Cadelano reduce da una grande stagione alla Cisanese divisa tra l’Eccellenza e l’Under 19 Regionale A. Mentre per ciò che riguarda la Juniores, appena retrocessa ai Regionali B, i nomi pronti alla successione di Panara sembrano essere quello di Macaro della Vimercatese Oreno o la promozione di Arienti, attuale tecnico della formazione Under 17. Sull’argomento è rimasto sul vago il direttore sportivo Enzo Caroppi: «Certamente stiamo facendo delle valutazioni, sicuramente ci stiamo muovendo alla ricerca di tecnici in grado di valorizzare al meglio le nostre rose. Intanto posso affermare che per ciò che riguarda la rosa della Prima squadra non sono previsti in estate stravolgimenti, cercheremo di puntare sui giovani come già fatto quest’anno». Altra situazione che merita osservazione nel prossimo periodo è quella in casa Vibe Ronchese, dove non sembra sicura la conferma del tecnico Simone De Vecchi. Al momento, però, dalla società non arrivano conferme in merito, ma nei prossimi giorni il DG Gabriele Donghi ha assicurato che verrà definito tutto il quadro completo in casa Vibe.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.