12 Agosto 2020 - 23:22:37

Promozione: ecco Mario Rebecchi, dall’esordio a San Siro a Varzi, passando per il Genoa di Milito

Le più lette

Riunione Consiglio CRL: quattro ripescaggi in Eccellenza e Promozione a 96 squadre

Finalmente è arrivato il giorno in cui le società lombarde hanno conosciuto i format dei campionati. Come era ampiamente...

Federico Albisetti, dalla cantera dell’Alpignano all’Under 18 del Torino

Non c'è ancora la firma, ma è solo una questione di giorni, a settembre Federico Albisetti sarà un giocatore...

Verbano, lascia il direttore sportivo Enzo Genco: «Non mi vedevo più in certe situazioni»

Notizia inaspettata da Besozzo dove, nelle scorse ore, il direttore sportivo Enzo Genco ha rassegnato le dimissioni. «Non mi...

Quanto talento, se solo avesse avuto anche il fisico adatto… È questa, probabilmente, la frase che più si sente dire parlando di Mario Rebecchi. L’attuale fantasista del Varzi di Alessandro Pagano, capolista del girone F di Promozione prima della sosta obbligata per l’emergenza sanitaria, si è raccontato parlando delle sue esperienze e di una carriera comunque straordinaria tra la Lega Pro e i dilettanti.

«L’aspetto fisico mi ha penalizzato molto (63 kg ai tempi dell’Inter, ndr), non ero ancora pronto per i grandi palcoscenici, ma ho comunque fatto la mia strada. Ogni calciatore, secondo me ha la carriera che si merita, Ho avuto l’opportunità di giocare in grandi squadre come Inter, Genoa e Parma, ma nel calcio conta anche la fortuna. Non ho grossi rimpianti, ho giocato con grandi campioni, Diego Alberto Milito è stato quello che mi ha impressionato più di tutti, e ho fatto dieci anni a ottimi livelli in Serie C, quindi sono soddisfatto» ha commentato il fantasista di Pagano.

Mezzala offensiva, ormai diventato esterno destro offensivo a Varzi con licenza di fare male alle difese avversarie accentrandosi sul suo pregevole mancino, Rebecchi ha parlato anche del suo principale difetto: «Purtroppo sono sempre stato allergico alla fase difensiva. Amo l’uno contro uno e la mia carriera dice che preferisco gli assist al gol». Proprio il dribbling, però, porta Mario a finire le partite con le ossa rotte: «Non c’è un avversario che ho sofferto più degli altri, ma sicuramente nei derby dell’Oltrepò come quelli con il Bressana, con la Viscontea Pavese e non solo, prendo sempre molte botte».

Tra le tante gioie, anche qualche dolore: «Oltre alla stagione sfortunata alla Civitanovese dove giocai solo cinque partite, vorrei cancellare dalla mia carriera il mio secondo anno all’Olginatese (2016/2017, ndr), dove ho avuto grossi screzi con il Direttore Generale Fabio Galbusera, una delle persone peggiori che abbia mai incontrato nel calcio e che mi deve ancora 6 mesi di stipendio». Tra la Civitanovese e i bianconeri, però, ecco una delle esperienze più belle e importanti per Rebecchi: «Al Real Vicenza furono delle annate stupende con una promozione in Serie C. Ricordo molto volentieri anche l’esperienza alla Cremonese, ma sopra a tutte c’è sicuramente l’anno in prima squadra all’Inter».

Infine, la partita più bella, non poteva che essere l’esordio in maglia nerazzurra, il 4 dicembre 2003, Inter-Reggina, ottavi di finale di Coppa Italia: «Venivo da undici anni nelle giovanili nerazzurre, io e mio papà siamo sempre stati tifosi dell’Inter, quindi esordire a San Siro, da titolare, fu un’emozione inspiegabile e che mi porterò dentro per tutta la vita. Un aneddoto di quell’anno che mi ricordo sono le punizioni di Recoba, Adriano e Mihajović: a fine allenamento mi fermavo sempre a guardarli calciare e non sbagliavano mai».

Promozione - Varzi, Mario Rebecchi
Mario Rebecchi durante un allenamento ai tempi dell’Inter, stagione 2003/2004

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli