21 Gennaio 2021

Promozione girone A: a tu per tu con Giordano Giglio, il portiere goleador

Le più lette

Città di Cossato Under 16 in lutto per la scomparsa del 2005 Emanuele Rinaldi

Scomparso in un tragico incidente stradale nel biellese questa notte, Emanuele Rinaldi giovane giocatore del Città di Cossato, formazione...

Giovane Piemonte, episodio 7: Juve Domo

Le anime racchiuse nella provincia del VCO sono tante e di conseguenza, nel calcio, sono molti i poli che...

Se in Promozione si parla di eccellenze non si può non citare un portiere come Giordano Giglio. Oggi Giglio, classe 1983, è l’estremo difensore dell’Uboldese, ma prima di vestire la maglia rossonera (proprio da questa stagione sportiva) di squadre e di campionati ne ha “girati” parecchi. Ma andiamo con ordine. Giordano Giglio cresce calcisticamente nel vivaio dell’Aldini, poi l’approdo a Saronno dove ha disputato i campionati relativi alle categorie Allievi e Berretti, poi l’approdo fra “i grandi” in Promozione con il Trezzano. Ma come non citare l’anno nella Primavera del Lecco, e i successivi due in Serie D fra le fila dell’Us Caratese (n.d.r. ora Folgore Caratese). Infine i tantissimi anni fra i Dilettanti, tra Eccellenza e Promozione, vestendo le maglie di Pero, Saronno (un ritorno fra gli Amaretti), Oleggio, Union Villa Cassano, Roncalli, Gavirate, Cairate, Magenta, Castanese, Cob 91…E non meno importante l’annata in Svizzera con il Novazzano, e relativamente a ciò Giglio racconta: «All’età di 33 anni ho scelto di avventurarmi in una realtà completamente diversa. Non conoscevo il campionato svizzero, e soprattutto, loro non conoscevano me. Mi sono voluto mettere in gioco ed è stato un anno pazzesco, abbiamo vinto il campionato (con la miglior difesa del girone) e sono stato premiato come miglior portiere del Ticino».
Ma quali sono stati i momenti più bella della carriera? Giordano Giglio ha pochi dubbi: «Sicuramente le vittorie dei campionati. Ad esempio la vittoria con il Cassano e l’approdo in Eccellenza, ricordo che era un campionato tiratissimo e combattuto fino alla fine. C’eravamo noi del Villa Cassano, l’Arconatese (promossa tramite i playoff), il Cistellum e il Fenegrò (vincitore della Coppa Italia)».
Un portiere che di campionati ne ha vinti parecchi (con Trezzano, Novazzano, Castanese e Cassano), ma che in carriera può vantare anche due gol. «Li ricordo entrambi – spiega Giordano Giglio – Il primo è arrivato nel 2007. La partita in questione era Odb Valle Salimbene-Trezzano, finita 0-1, grazie alla mia rete su punizione al 46’ del primo tempo. L’altro è del 2012, anno in cui ho vinto il campionato con il Villa Cassano. Giocavamo contro l’Olimpia Ponte Tresa, il mio compagno di squadra Ferdinando Fedele (n.d.r. ora allenatore dell’Under 19 della Varesina) mi aveva passato il pallone al limite della mia area, ho visto il collega dell’Olimpia, Rinaldi, fuori dai pali ho calciato e ho trovato il gol».
E in merito al futuro? Giglio conclude: «Il sogno, anzi l’obiettivo è quello di continuare nel mondo del calcio come allenatore dei portieri. Mi piacerebbe allenare una prima squadra, magari in Serie D; ma non mi dispiacerebbe nemmeno cimentarmi con i piccoli di qualche squadra professionistica. Sono già in possesso del patentino Uefa B, ora lo step successivo è quello di prendere quello specifico».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati. Vivi Sprint e Sport al 100%, scarica l’applicazione e scopri tutte le sue funzioni.

L’APP PER ANDROID

L’APP PER IPHONE

 

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli