Promozione, Speranza-Concorezzese i due tecnici Pizzi e Nava
Promozione, Speranza-Concorezzese i due tecnici Pizzi e Nava

Promozione Speranza Concorezzese – Malgrado si giochi ancora a carte coperte, ciò che è fatto è fatto. Mancano poco meno di 48 ore al derby di domenica del Salvatore Missaglia. Come di consueto il venerdì è stato il giorno dedicato alla rifinitura, più convenzionale per la Concorezzese di Claudio Nava, decisamente più enigmatica per i rossorverdi di Gianmaria Pizzi. Ma vediamo come le due squadre hanno preparato l’ultimo allenamenti in vista della grande sfida.

QUI CONCOREZZESE – Allenamento di rifinitura per la Concorezzese, ormai quasi pronta al derby di domenica contro la Speranza Agrate. Dopo la consueta fase di riscaldamento, la seduta è stata dedicata maggiormente al lavoro su diversi elementi tattici e sulle dinamiche delle palle inattive. Dopo aver sentito il tecnico Nava (clicca qui) ed il “veterano” Meroni (clicca qui), l’ultimo ospite della settimana è il Direttore Sportivo Daniele Bernareggi, anche lui al suo primo anno nella dirigenza biancorossa.
«È inutile nascondere che per noi questa partita vale qualcosa in più rispetto alle altre. Un derby è sempre un derby, anche se i rapporti con la Speranza sono davvero ottimi. A partire da quello con il mio collega Ferreri sino ad arrivare al tecnico Pizzi, e passando anche per qualche giocatore» – vedi Farina, che in estate è passato dalla Conco ai rossoverdi – «Nonostante ciò questo non deve essere un motivo per entrare in campo diversamente da  come facciamo di solito. Diciamo che affronteremo la sfida con la giusta attenzione». Come detto precedentemente, anche Bernareggi fa parte del nuovo corso della Conco, che dopo cinque anni ha deciso di dare una ventata d’aria fresca allo staff della prima squadra: «Devo dire che mi trovo molto bene. Ovviamente il mio è un ruolo molto impegnativo, però mi sento praticamente a casa. Sicuramente mi ha aiutato anche il fatto di essere di Concorezzo e di aver avuto un assaggio dell’ambiente biancorosso già da giocatore. La società ha dato grande fiducia sia a me che a mister Nava nella gestione della prima squadra. Io, personalmente, mi sento responsabilizzato ma, allo stesso tempo, ho buona libertà nel lavorare senza pressioni». Tempo anche per un primo bilancio dopo questo avvio di stagione, contraddistinto da una buona partenza, seguita poi da un piccolo calo: «Si siamo partiti bene, poi effettivamente l’unico vero giro a vuoto è stato contro l’Arcadia Dolzago. Infatti con il Luciano Manara ci può stare una sconfitta al novantesimo, mentre contro il Cantù abbiamo fatto il nostro ma loro si sono dimostrati una squadra superiore. Domenica, invece, è arrivato un buon punto con l’ACD Brianza, partita dove abbiamo dimostrato miglioramenti significativi. Ovviamente vincere contro la Speranza Agrate sarebbe un buon punto di svolta, non solo perché vinceremmo un derby ma anche perché fermeremmo la corsa della capolista. Magari a livello di classifica cambierebbe poco. Tuttavia sarebbero tre punti che ci darebbero la consapevolezza di poter giocare alla pari contro tutti.
Infine piccolo spazio anche per due parole sulla squadra: «Sono molto contento della risposta di tutti i giocatori, infatti mi è piaciuto il fatto che l’intero gruppo abbia deciso di seguire fedelmente la filosofia di gioco di Nava. Claudio è un allenatore che personalmente conosco da tanto tempo. In questo inizio di stagione ha portato con sé tanti cambiamenti sia a livello di gioco che di programmazione degli allenamenti.  Ma tutti hanno subito aderito in toto al suo modello di lavoro. Ovviamente la sua idea di gioco è basata  tanto sul possesso palla. A volte riusciamo ad applicarla, a volte no. Tuttavia sono molto soddisfatto di quello che la squadra ha mostrato sul campo».

QUI SPERANZA – Allenamento tendenzialmente non diverso quello che ha chiuso la settimana di lavoro della formazione rossoverde. Buone notizie vengono dall’infermeria, visto che questa sera Pizzi ha avuto a disposizione tutto il gruppo per tutto l’allenamento, Masella compreso. Dopo la classica fase di riscaldamento, la squadra ha continuato il lavoro sulla rapidità iniziato ieri. Conclusa questa fase, a differenza di ciò che si sarebbe aspettato, nessuna prova in campo e nessuno sviluppo di qualche situazioni di gioco. Tanta palla, possesso e aggressività. Chissà se questa può essere o meno una buona notizia per i rivali della Concorezzese. Che la squadra rossoverde giochi a memoria è cosa risaputa oramai.
Intanto dopo aver sentito ieri le parole del vice-capitano Cristian Bonissi (Clicca qui), nell’ultima seduta d’allenamento la parola è passata al Direttore Sportivo Antonio Ferreri, anche lui come il collega Bernareggi, al primo anno in questa veste in questa categoria. Aldilà del lavoro, il DS ha voluto sottolineare come per ora, per lui, questa partita è come le altre: «Se devo essere sincero io non la sento come se fosse un derby. Per me è una partita come un’altra come ho cercato più volte di ribadire durante la settimana ai ragazzi. È, però, certamente una partita molto importante dal punto di vista del risultato, quello sì. Andiamo ad affrontare una squadra molto forte, organizzata che forse meriterebbe più punti di quelli che ha. Ribadisco, per me è una partita come un’altra non la sento. Forse quando facevo l’allenatore la sentivo maggiormente». Anche se queste parole, come ha dichiarato Ferreri stesso, possono essere smentite con l’avvicinarsi della partita: «Può darsi. Magari domenica quando si avvicina il tempo, l’ora, il riscaldamento sicuramente lì la sentiremo. Dipende da molti fattori. Forse l’unico che la sente davvero questa partita è Bonissi, che è qui da tanti anni da sempre praticamente, ed anche Farina visto il suo passato». Detto tutto questo sul derby, il DS però è davvero molto soddisfatto del lavoro che i ragazzi hanno svolto in questa settimana di allenamenti: «Come tutte le settimane, come dal 16 di agosto, vedo questi ragazzi allenarsi bene. Io sono sempre qui a vedere gli allenamenti e devo dire che fino ad ora ho sempre visto una squadra che si allena con una grande intensità. Fino ad ora non si è mollato una virgola. Faccio fatica ad andare a casa la sera perchè mi piace vedere allenarsi la squadra». Per ciò che riguarda il pronostico del DS è sicurissimo: «Vinciamo noi, è ovvio».

ECCO LE PROBABILI FORMAZIONI:
SPERANZA AGRATE (4-3-1-2): Brambilla (70%)/ Tabarelli (30%); Tricella D., Pettenati, Commissario, Farina; Ceppi, Pioggia, Di Gioia (60%)/ Sclapari (40%); Riolo; Carollo (70%)/Bonissi (30%), Bonissi (70%)/ Masella (30%).
CONCOREZZESE (4-4-2): Vatteroni; Bonfanti, Schieppati, Formenti, Villa; Chahab, Bertini, Bazzani, Calloni (60%) / Zangari (40%); Rebuzzini, Divella.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.