Dilettanti Eccellenza
La Rhodense cerca l'Eccellenza

Più di così la Rhodense non poteva chiedere: vittoria e tre punti nel triangolare finale dei playoff, in uno stadio che, per storia recente e passata, non è mai stato tra i luoghi più confortevoli, a livello sportivo, per gli avversari che vengono a fare visita. Chissà se mai i sostenitori presenti sugli spalti del Chiesa avrebbero potuto immaginare quest’epilogo, soprattutto dopo aver visto i propri beniamini protagonisti di ottime gare. Il Sant’Angelo decide di cambiare modulo rispetto alle due ultime gare, lasciando il 4-4-2 a favore del 4-3-3, torna Greco dalla squalifica, Bontempi viene arretrato e Constantin compone il tridente con Odi e Zingari. Risponde la Rhodense con un 3-5-2, dotato di esterni pronti ad arretrare per dare manforte alla difesa. Preso il via è il Sant’Angelo che prova a fare la partita, sfruttando i movimenti volti a liberare uno tra i tre attaccanti. La prima occasione arriva per i rossoneri: Odi, liberato da un filtrante di Zingari, tenta di battere il portiere, Mantovani si oppone salvando porta e destino della partita. “Gol sbagliato, gol subito” e così è stato: al 13’ Gentile tenta il tiro in caduta, Caruso devia la sfera modificandone la traiettoria, sulla quale Italiano, incolpevole, non può fare nulla, 1-0 Rhodense. Il gol anima ancor di più la gara, ma è sempre il Sant’Angelo a farsi avanti, la Rhodense riesce a contenere con attenzione, Mantovani è impegnato da Odi, ma riesce a neutralizzare il tiro. Al 33’ arriva il raddoppio: Formato batte un corner, sul cross stacca altissimo Gentile, impatta di testa e segna. Per la ripresa il Sant’Angelo opta per un cambio di modulo passando al 4-2-3-1, i barasini vanno vicini al 2-1 con Zingari, Mantovani neutralizza anche questo tiro. Poco dopo la Rhodense trova il gol del 3-0: Gentile approfitta di un pallone vagante in aria calciandolo al volo, destro secco e rete. I padroni di casa non ci stanno, Constantin, si fa carico di un calcio di punizione che trasforma splendidamente in gol. Nei minuti il direttore di gara assegna un calcio di rigore, trasformato da Zingari. 3-2 il finale.

PAGELLE SANT’ANGELO

Italiano 6.5 Salva in più di un’occasione, senza il passivo potrebbe essere più pesante.
Vigorelli 6 Fa il suo sulla fascia.
Bontempi 6 Sufficiente, cresce nella ripresa.
Milani 6 Fa da filtro tra centrocampo e difesa.
Dragoni 6 Un po’ sottotono, dà il massimo.
Fondrini S. 5.5 Forse nervoso, commette diversi errori.
Allieri 6 Il gioco passa poco da centrocampo, s’impegna e frena la manovra.
Greco 6 Meglio dietro le punte che da mezzala, dà una grossa mano.
Odi 5.5 Parte bene, si fa vedere dai compagni e spesso riesce a superare i difensori, manca il gol dell’1-0 e si fa espellere per proteste, lascia i suoi nel momento migliore.
Zingari 6.5 Emergono le qualità tecniche, trova degli avversari attenti e scomodi.
Constantin 6.5 La riapre con una splendida punizione, tra i migliori dei rossoneri.
All. Tanelli 6.5 Cambia rispetto a Lumezzane, gli episodi gli sono contro.

PAGELLE RHODENSE

Mantovani 8 Compie un miracolo su Odi salva lo 0-0 iniziale e si fa trovare sempre pronto.
Pastori 7 Bravo in copertura come in attacco.
Formato 7 Assist e sempre sul pezzo. Grande.
Incoronato 6.5 Fa la sua parte in mediana.
Gazzea 7 Va bene in raddoppio sull’esterno avversario, frena l’iniziativa.
Galbiati 6.5 Buona gara, sempre al suo posto e pochi sbagli in retroguardia.
Zanus 6.5 In linea con i compagni di reparto, una gara più che sufficiente.
Castelnuovo 6.5 Bene in cabina di regia, presente in entrambe le fasi.
Gentile 8.5 Una gara magnifica in cui è il migliore, protagonista nei tre gol.
Caruso 7.5 Trova il gol con una deviazione, sempre presente mette pressione.
Battaglia 7 A volte si trova persino in difesa, gara di grande sacrificio.
All. Raspelli 8 Imposta bene la gara, proponendo una difesa folta e un centrocampo arrembante, i suoi sfruttano al meglio le occasioni lasciate dai rossoneri.

LE INTERVISTE

ASCOLTA LE PAROLE DI TANELLI E RASPELLI