martedì 2 Giugno 2020 - 11:24:57

Speranza Agrate, dopo la Serie D piemontese Marco Masella è tornato a casa per puntare all’Eccellenza

Le più lette

Rivoluzione a Lissone: salutano sia il dt Ernesto Lampugnani che il ds Marco Novati

Cambia tutto in quel di Lissone. Tramite un comunicato sui propri canali social, infatti, il club ha ufficializzato l'interruzione...

Ro.Ce: il successore di Civeriati sarà Costanzo Celestini?

Dura poco la vacanza della panchina della Ro.Ce. perché nei prossimi giorni dovrebbe essere ufficializzato l'arrivo di Costanzo Celestini....

Palazzolo, fumata bianca: Luca Furlan è il nuovo allenatore della prima squadra

Fumata bianca, Luca Furlan è il nuovo allenatore del Palazzolo. L'ex tecnico dell'Under 19 del Real Milano, società salutata...

“Certi amori non finiscono fanno dei giri immensi e poi ritornano…” così canta Antonello Venditi nel suo grande singolo “Amici Mai”. Una storia simile è quella che ha vissuto quest’estate la perla del mercato estivo della Speranza Agrate di Gianmaria Pizzi, ossia Marco Masella. Partito da giovanissimo nei pulcini dell’allora GS Speranza, dopo aver lasciato la sua prima casa il forte esterno classe 1995 ha iniziato un lunghissimo giro tra Brescia, Pergocrema, Pro Patria, Inveruno, Chieri, Borgosesia e Ligorna prima del suo ritorno in estate a casa, ad Agrate. «Il mio arrivo, meglio il mio ritorno – afferma Marco – qua ad Agrate è nato da un susseguirsi di situazioni. Tutto è nato come una casualità in estate. Dopo un anno fermo a causa di un infortunio e una stagione prima in cui ero stato trattato come un numero, diciamo che io volevo solamente tornare a giocare a calcio. Poi in estate mi trovavo ad Agrate per un torneo estivo e tramite Andrea Ronchi e Cristian Bonissi ho conosciuto il DS Antonio Ferreri e da lì, in poco tempo, si è concretizzato il tutto». Quella di quest’anno per Marco è sicuramente una stagione strana, sotto tanti punti di vista. Lui cresciuto in settori giovanili professionistici che tra i “grandi” ha giocato solamente in Serie D, così all’improvviso si è trovato a giocare nel tostissimo Girone B di Promozione: «Per quanto mi sembra di capire – continua Marco – il nostro è uno dei gironi più combattuti di tutti. Sicuramente è un girone molto difficile, non puoi mai permetterti di sottovalutare nessuno e ogni partita te la devi giocare fino all’ultimo. Anche noi, che comunque siamo secondi e siamo stati per lungo tempo in testa alla classifica, avremo vinto dominando nettamente forse due gare…». Ad Agrate però Marco ha trovato la sua isola felice, il posto giusto dove poter ridare il giusto brio alla sua carriera: «L’anno prima dell’infortunio – afferma Masella – come detto non mi ero sentito trattato benissimo, quindi diciamo che io avevo solo voglia di ricominciare a giocare e divertirmi. Poi nel mentre ho anche trovato un lavoro fisso, perciò volevo tornare vicino a casa mia ad. Ad Agrate ho trovato fin da subito un ambiente positivo. Il fatto di trovarmi in una squadra con un grande gruppo alle spalle ha sicuramente facilitato e agevolato il mio inserimento in squadra. Posso tranquillamente affermare che anche dopo una giornata di lavoro pesante, venire agli allenamenti è sempre un piacere». Ma per Marco il fatto di trovare un gruppo sano non è stata l’unica sorpresa al suo arrivo ad Agrate. Ciò che lo ha colpito riguarda anche il tecnico Gianmaria Pizzi: «Sinceramente non mi aspettavo di trovare un mister così preparato. Oltre a livello tattico lui è davvero pazzesco sulla conoscenza degli avversari. C’è il martedì quando arriviamo in spogliatoio sappiamo praticamente tutto quello che c’è da sapere su chi andremo ad affrontare. Davvero impressionante». In casa Speranza quella di quest’anno, comunque vada, rimarrà una stagione da incorniciare e mettere da parte, anche se Marco non nasconde la sua ambizione per ciò che potrebbe essere: «Parlando per me l’impatto in categoria è stato complicato, ma piano piano ho trovato le giuste misure e le prestazioni erano in crescendo. Prima della pausa avevamo appena perso la vetta che era nostra da un girone. Diciamo che se si dovesse ritornare in campo, cosa che in cuor mio spero, sarebbe inutile dire che puntiamo ai playoff… Siamo con la vetta a un pungo di punti e sinceramente la rivogliamo!».


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli

Privacy Policy Cookie Policy