Speranza ecco il jolly: preso l’ex Ligorna Masella

595
Speranza, Masella il neo acquisto
Speranza, Masella il neo acquisto

La Speranza cala il jolly! Infatti è di pochissimi minuti fa l’ufficializzazione dell’ingaggio da parte della società rossoverde di Marco Masella, esterno a tutta fascia classe ’95 che, da quando è approdato nel calcio dei grandi ha sempre militato in Serie D tra Lombardia, Piemonte e Liguria. Ora dopo un brutto infortunio, che lo ha tenuto fermo tutta la scorsa stagione, Masella è pronto a ritornare ad essere protagonista e ha scelto di farlo proprio nella società che lo ha visto muovere i primi passi.

Infatti per lui si tratta di un vero ritorno a casa, visto Marco si approccia al calcio proprio nel settore giovanile rossoverde. Dopo la breve militanza nella formazione agratese, Masella passa al Brescia e compie il suo percorso giovanile successivamente tra le fila del Pergocrema (ora Pergolettese). Dalla stagione 2013/14 Masella inizia ad affacciarsi al calcio dei “grandi” e la fa subito in Serie D, in quella che è per lui la sua categoria. Inveruno, Borgoseria, Chieri, ancora Borgosesia e infine al Ligorna. Ora dopo tanta Serie D fuori dalla Lombardia, Marco è tornato a casa, in quella società che lo ha visto muovere i suoi primi passi. Dopo i playoff acciuffati all’ultimo respiro la scorsa stagione, ora la Speranza punta in alto, davvero in alto. Una campagna acquisti intelligente che ha portato in dote al tecnico Gianmaria Pizzi una rosa di assoluto livello pronta a compiere il salto di qualità, impreziosita da una ciliegina sulla torta chiamata Marco Masella.

Felice del nuovo arrivo è sicuramente il Direttore Sportivo Antonio Ferreri: «Sono contentissimo di aver regalato questo colpo al mister. Portiamo a casa un ragazzo cresciuto da noi, anche se sono passati molti anni fa sempre piacere, è un profilo molto importante per la nostra società». Stesso identico umore è stato quello mostrato da Masella, con le prime parole ufficiali da calciatore della Speranza Agrate: «Ho avuto una bella impressione fin dal primo incontro avuto allo stadio qualche settimana fa. Poi, c’è anche da dire che questo era un po’ quello che cercavo, la semplicità e la possibilità di tornare a giocare con voglia, cosa che mi era un po’ passata. Volevo rimettermi in gioco e farlo nell’ambiente giusto. È stata una scelta un po’ romantica un po’ nostalgica sotto certi aspetti, ma credo sia la migliore per me». Per ciò che riguarda invece la collocazione in campo, il neo giocatore rossoverde è molto chiaro: «Io ho sempre fatto l’esterno, più alto che basso, però dove mi sono sentito più a mio agio è stato l’esterno a tutta fascia». Ora la parola passa al tecnico Gianmaria Pizzi, che mai come quest’anno avrà a disposizione una rosa profonda e di qualità. I preparativi per il definitivo salto sono pronti, ora bisogna solamente iniziare la stagione, giocare e poi vedere.


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.