7 Agosto 2020 - 21:02:28

Vighenzi Promozione, Merigo è il nuovo portiere della formazione biancazzurra

Le più lette

Zibido Under 14: Cioffi al timone di una squadra rinforzata, pronti a ripartire

«Da giugno abbiamo ripreso le attività e dal 23 agosto iniziamo la preparazione, guidata ancora una volta dal tecnico...

Terza Categoria Monza, la Nuova Frontiera si presenta sperando nel ripescaggio

Sarà un'altra stagione in Terza categoria o ci sarà il premio del ripescaggio in Seconda per la Nuova Frontiera?...

Ripartenza, ecco i gironi di Eccellenza e Promozione

Con un po' di ritardo rispetto alle altre stagioni, il Comitato Piemonte e Valle d'Aosta ha pubblicato i gironi...

La Vighenzi blinda la porta: il nuovo portiere è l’ex Sporting Desenzano e classe 1991 Davide Merigo. In passato Merigo ha indossato anche le maglie di Bedizzolese, Rudianese e Dellese Vertovese.

Questo il comunicato pubblicato sui canali social della società:

Si chiama Davide Merigo il nuovo portiere della Vighenzi Calcio.
E’ lui il primo acquisto ufficiale per la stagione 2020-2021, ma si tratta di un volto noto in casa padenghina visto il ruolo di preparatore dei portieri del settore giovanile ricoperto nelle ultime tre stagioni. Merigo, estremo difensore classe 1991 e certezza tra i pali, arriva dall’esperienza allo Sporting Desenzano, avversario della Vighenzi in Promozione lo scorso anno. In passato esperienze alla Bedizzolese, alla DelleseVerolese e alla Rudianese.
Marcello Melda (presidente): «Un benvenuto a casa per Davide Merigo. Da alcuni anni allenatore portieri del nostro vivaio: ora i suoi allievi potranno vederlo all’opera nel difendere i pali della prima squadra».
Davide Merigo: «Dopo quanto successo a Desenzano, la costanza con il quale la Vighenzi mi ha cercato mi ha spinto ad accettare questa nuova sfida. L’idea di poter essere da esempio per i portieri che alleno mi stimola molto e mi ha convinto ulteriormente. Spero, quando si tornerà a giocare, di vedere gli spalti pieni zeppi di questi ragazzi fare il tifo per la loro prima squadra e per il loro mister. Continuare ad allenare i portieri per il terzo anno qui è sinonimo di fiducia nel lavoro che ho svolto finora. La cosa che mi reso più felice è stato vedere il numero di bambini che hanno provato a cimentarsi in questo ruolo aumentare nel corso dell’anno. Di solito tutti vogliono fare gol a quell’età».

Edicola Digitale

Altri dall'autore

Altri Articoli